“I GHIACCIAI DELLA GROENLANDIA SETTENTRIONALI SI STANNO DISINTEGRANDO” da IL FATTO
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
14248
post-template-default,single,single-post,postid-14248,single-format-standard,cookies-not-set,stockholm-core-2.4.4,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-9.10,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-7.6,vc_responsive

“I GHIACCIAI DELLA GROENLANDIA SETTENTRIONALI SI STANNO DISINTEGRANDO” da IL FATTO

“I ghiacciai della Groenlandia settentrionale si stanno disintegrando”. Lo studio su Nature

 30science per Il Fatto | 13 NOVEMBRE 2023

ghiacciai della Groenlandia settentrionale si stanno ritirando rapidamente, disintegrando, e stanno perdendo più del 30% del loro volume totale dal 1978. A lanciare l’allarme, un team di ricercatori dell’Università di Grenoble Alpes in Francia in un articolo appena pubblicato su Nature Communications. Già nei mesi scorsi, un altro studio aveva posto l’attenzione su questa emergenza. Lo studio condotto dal Centro Helmholtz per la ricerca polare e marina in Germania aveva osservato una perdita annuale di 38 metri di spessore di uno dei più grandi ghiacciai della Groenlandia, il Nioghalvfjerdsbrae, che si è assottigliato del 42% dal 1998.

Questi ghiacciai sono stati a lungo considerati stabili, ma tre di essi si sono già completamente sciolti dagli anni 2000. Dei cinque che rimangono, le perdite di massa di ghiaccio stanno destabilizzando i ghiacciai vicini, che continueranno a ritirarsi mentre l’oceano si riscalda, dicono gli esperti, con gravi conseguenze per l’innalzamento del livello del mare. Secondo gli autori, la riduzione dei ghiacciai della Groenlandia ha contribuito al 17,3% dell’innalzamento osservato del livello del mare tra il 2006 e il 2018. Le ultime piattaforme di ghiaccio rimaste in Groenlandia si trovano sul bordo settentrionale e contribuiscono a stabilizzarlo regolando il flusso di ghiaccio che si riversa nell’oceano.I ghiacciai settentrionali della Groenlandia hanno iniziato a destabilizzarsi negli ultimi 20 anni, il che significa che è stato perso più ghiaccio di quanto ne sia stato guadagnato, a causa dell’indebolimento e del collasso di alcune estensioni galleggianti dei ghiacciai. Per prevedere meglio il loro contributo all’innalzamento del livello del mare, è importante definire il momento e i fattori che influenzano i cambiamenti delle piattaforme di ghiaccio rimanenti, così come le risposte dei ghiacciai. Tuttavia, finora non era stata prodotta una panoramica completa dell’evoluzione di queste piattaforme di ghiaccio e dei complessi processi che le influenzano.

Per colmare questa lacuna, Romain Millan e il suo team dell’Università di Grenoble Alpes in Francia hanno utilizzato migliaia di immagini satellitari insieme a modelli climatici per analizzare le interazioni tra ghiacciai, clima e oceano nella Groenlandia settentrionale. Quel che i ricercatori hanno osservato è stato un aumento sostanziale e diffuso delle perdite di massa delle piattaforme di ghiaccio. Dal 2000, hanno scoperto che le piattaforme stanno principalmente perdendo ghiaccio nella parte inferiore a causa del riscaldamento dell’oceano. Inoltre, gli autori hanno scoperto che i ghiacciai si sono ritirati e il deflusso di ghiaccio nell’oceano è aumentato, coincidendo con le perdite delle piattaforme di ghiaccio. Questi risultati suggeriscono che, nelle proiezioni future del riscaldamento dell’oceano, i livelli di fusione alla base dei ghiacciai continueranno ad aumentare o rimarranno a un livello elevato, il che potrebbe avere conseguenze per la stabilità stessa dei ghiacciai groenlandesi. Se le piattaforme di ghiaccio dovessero collassare completamente, i ghiacciai settentrionali della Groenlandia potrebbero aumentare notevolmente l’innalzamento del livello del mare, con conseguenze devastanti per l’intero ecosistema, suggeriscono gli autori.

Lo studio

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.