PACE: FIACCOLATA IN CAMPIDOGLIO da IL MANIFESTO
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
7575
post-template-default,single,single-post,postid-7575,single-format-standard,stockholm-core-2.3.2,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-9.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-6.7.0,vc_responsive

PACE: FIACCOLATA IN CAMPIDOGLIO da IL MANIFESTO

Parte il tam tam per la pace. Fiaccolata in Campidoglio

Crisi ucraina. Prime manifestazioni no war. Oggi il via a Roma, nei prossimi giorni si preparano manifestazioni in tutto il paese

Redazione esteri  15.02.2022

L’appuntamento per quest’oggi a Roma è alle 18, in piazza del Campidoglio. Amedeo Ciaccheri, presidente del municipio VIII di Roma, e i consiglieri comunali di Sinistra Civica Ecologista Michela Cicculli e Sandro Luparelli chiamano «a raccolta la comunità» per una fiaccolata contro la guerra in Ucraina.

«Mentre è in corso una crisi pandemica, economica, sociale ed energetica l’ultima cosa di cui abbiamo bisogno è una guerra alle porte dell’Europa – spiegano i promotori – Nella prova muscolare fra superpotenze per la conquista di zone di influenza geopolitica e commerciale ancora una volta a soccombere rischia che siano gli interessi e la qualità della vita delle persone comuni, della democrazia, dei diritti e della pace». «Da settimane il mondo intero guarda con il fiato sospeso quanto sta accadendo alle porte dell’Europa Sono in gioco le vite di milioni di civili, è dovere delle istituzioni a ogni livello, della diplomazia internazionale», dice Andrea Catarci, assessore al decentramento nella giunta comunale di Roberto Gualtieri.

Ha aderito la capogruppo di Leu al senato Loredana De Petris: «È necessaria una mobilitazione dal basso, ovunque, quanto più vasta possibile – afferma De Petris – Per fermare l’escalation e impedire che la situazione in Ucraina degeneri in scontro armato e in sanzioni che metterebbero in ginocchio il nostro Paese, portando ancora più alle stelle il costo dell’energia».

Hanno annunciato la loro partecipazione anche la segretaria generale Fiom Francesca Re David, Patrizio Gonnella di Antigone, l’europarlamentare di Socialisti e democratici Massimiliano Smeriglio, la deputata del Partito democratico Laura Boldrini, il senatore di Leu, Francesco Laforgia, Nicola Fratoianni di Sinistra italiana, la capogruppo Pd in Regione Lazio Marta Leonori, l’assessora all’ambiente di Roma Capitale Sabrina Alfonsi, Gianluca Peciola di Liberare Roma, Arci Solidarietà e Spin Time Lab. Per i prossimi giorni sono previste altre iniziative contro la guerra, in diverse città d’Italia.

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.