IN ATTESA di SCOPRIRE… da 18BRUMAIO BLOG
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
8927
post-template-default,single,single-post,postid-8927,single-format-standard,stockholm-core-2.3.2,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-9.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-6.7.0,vc_responsive

IN ATTESA di SCOPRIRE… da 18BRUMAIO BLOG

In attesa di scoprire

 Olympe de Gouges  22 luglio 2022

È estate, voglia di silenzio. Muoversi il meno possibile, stare zitti, emozioni rallentate, fare un pisolino. Questa è la scienza esatta delle estati: ripetere ogni giorno gli stessi gesti lenti porta alla beatitudine. L’amore per il proprio tempo di vita è rivelato dall’assenza di un orario, quando finalmente si riesce a non fare più nulla, quando si è completamente disponibili a questo nulla, senza alcun progetto, fosse pure la noia.

Esiste la felicità che dura e che niente e nessuno può interrompere? È questo l’approccio alla felicità negata di cui parla quell’uomo confuso e fatuo che passa per sociologo e gli pubblicano pure un libro?

E invece, causa elezioni anticipate, saremo sommersi, volenti o nolenti, di chiacchiere e maratone. Anche il calcio avrà inizio prima di ferragosto, per cui già dal mese prossimo sembrerà essere in autunno, quando tutto implode all’improvviso. Sempre più saranno quelli combattuti tra votare o astenersi e la povertà divorerà la vita dei ceti medi che invece nelle ferie estive sembrano molto felici.

Un dominante disinibito qual è il miliardario americano Warren Buffett: “C’è una guerra di classe, è un dato di fatto, ma è la mia classe, quella dei ricchi, che sta facendo questa guerra, e la stiamo vincendo”. Di là del suo compiacimento aristocratico, che è una forma particolarmente volgare d’impunità, come sa bene anche Mario Draghi, basterebbe questa frase per dirimere ogni dubbio sull’utilità del voto elettorale.

In attesa dei razionamenti e del prossimo crollo finanziario, del momento in cui la sabbia dorata sarà un rimpianto e ci resterà solo la polvere della realtà, in attesa di scoprire che il tempo non esiste senza di me e di voi, e ci sorride solo se lo vogliamo noi.

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.