G7 E BILDBERG, SUSSURRI E GRIDA DELL’OCCIDENTE IN CRISI da SIPLICISSIMUS e LOVETRADING
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
12324
post-template-default,single,single-post,postid-12324,single-format-standard,cookies-not-set,stockholm-core-2.4.4,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-9.10,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-7.6,vc_responsive

G7 E BILDBERG, SUSSURRI E GRIDA DELL’OCCIDENTE IN CRISI da SIPLICISSIMUS e LOVETRADING

G7 e Bilderberg, sussurri e grida dell’occidente in crisi

 20 Maggio 2023

Questo post si compone di un semplice elenco: si tratta dei partecipanti al 69esimo incontro del Bilderberg, un conclave esplicito, ma allo stesso tempo segreto di mediatori del potere globale, appena  iniziato a Lisbona. Anche quest’anno l’incontro, ultimo di una serie iniziata nel 1954, continua a offuscare i confini tra diplomazia aperta ed elitarismo clandestino mentre i leader politici e i vertici dei servizi  si incontrano con pezzi grossi dell’industria, baroni dei media e magnati della finanza. Ognuno di questi ha un suo potere, ma le cose che dice anche se rivelate da qualcuno come messaggio nella bottiglia, devono rimanere anonime perché “i partecipanti prendono parte come individui piuttosto che a titolo ufficiale e quindi non sono vincolati dalle convenzioni del loro ufficio o da posizioni prestabilite”. Questa spiega bene la natura di questo come di altri incontri dello stesso tipo; si tratta di riunioni di privati, ancorché dotati di cariche pubbliche e/o ufficiali, che discutono e decidono sulle cose da farsi  al di fuori di qualsiasi meccanismo decisionale democratico. Come al G7 che si svolge in contemporanea in Giappone il tema fondamentale è  quello posto dalle èlite nordamericane che per la prima volta di sentono in pericolo a causa della de dollarizzazione. Non vogliono ovviamente perdere il loro posto, né vogliono rinunciare alla rapina globale nella quale distribuiscono carta straccia in cambio di beni reali e sono disponibili a far scoppiare un conflitto nucleare pur di non perdere le loro rendite di posizione.

Curioso,  inelegante  e forse simbolico della fine di un periodo storico  che questo grido di dolore venga proprio da Hiroshima, città martire dell’imperialismo americano e in quanto tale anche luogo dove si sono poste le basi della rapina a mano armata con biglietti verdi che si è consumata per messo secolo  dopo la fine della parità con l’oro e la ovvia finanziarizzazione dell’economia americana. Adesso la città dovrà ospitare anche il lurido personaggio che vuole la nuova guerra nucleare, mentre manda all’inutile massacro i suoi. Da un massacro all’altro, ma direi che non porta fortuna tornare e in maniera così tracotante sul luogo del delitto, cercando di rinnovarlo.  Io non so quale influsso abbia nel mondo reale un incontro come questo del Bilderberg, il G7 e altri analoghi,  ma di certo essi vengono venduti e propagandati  come veri e propri  e propri direttori in cui si formano le linee guida di azione politica e geopolitica che poi verranno messe in campo dai governi occidentali che rappresentano a malapena un settimo dell’umanità. Probabilmente l’intenzione è quella di restituire l’idea che sono queste le assemblee che contano, non quelle elettive e men che meno quello che si aprono al di fuori dell’angusta Europa o Del Nord America . Perciò mi limito a segnalare la lista completa dei partecipanti di quest’anno, praticamente il consesso che dato vita alla trimurti resettaria pandemia – guerra – clima : potrà essere utile nel corso dell’anno per comprendere le logiche il senso e la direzione delle cose. Ho messo in grassetto i pochi italiani e le presenze più significative di questo mondo al tramonto che forse da tali incontri trae conforto e tanta di allontanare le insistenti luci del tramonto,

Il creatore di ChatGPT rompe il silenzio: queste 34 professioni non saranno mai sostituite dall’IA

 Pietro Santercole  20 Maggio 2023

 –

Google contro Microsoft, Bard contro ChatGPT: nel 2023 la battaglia per lo scettro della miglior IA è senza esclusione di  colpi di scena.

La prima a battere il colpo è stata Microsoft, investendo circa 10 miliardi su OpenAI e quel gioiellino sulla bocca di tutti: ChatGTP. Da Mountain View sono stati zitti e buoni, nessuna parola (ufficiale) fino al Google I/O di inizio maggio. Nella tradizionale convention annuale dedicata agli sviluppatori, Big G è andata ben oltre l’annuncio degli attesi smartphone (i Pixel 7/a, del primo pieghevole (il Pixel Fold), di quel tablet che ha tanta voglia di competere con l’iPad. Ma lo sviluppo della (sua) Intelligenza Artificiale è stato il fulcro della sua convention.

Puoi usare Bard per far avanzare le tue idee”. L’hanno spiegato così da Mountain View cos’è quel chatbot che ha una voglia matta di giocarsela alla pari con ChatGPT: sviluppa un piano e trova modi diversi per portare a termine le cose, permette un riepilogo rapido e di facile comprensione di argomenti più complessi, crea prime bozze di schemi, e-mail, post di blog, poesie e molto altro. Basterà tutto questo a fermare l’avanzata di ChatGPT?

A prescindere dalla sfida fra i due colossi High Tech, i progressi dell’Intelligenza Artificiale affascinano ma preoccupano al tempo stesso. Oltre a un mondo online dove ogni notizia viene partorita non dall’essere umano, l’AI potrebbe sostituire milioni di posti di lavoro in tutto il mondo, destabilizzando mercato. Un futuro catastrofico per la razza umana?

Chi sopravviverà all’intelligenza artificiale

OpenAI giura che non andrà a finire come la proiezione di Goldman Sachs, secondo cui oltre 300 milioni di posti di lavoro sarebbero minacciati dall’intelligenza artificiale, immaginando maremoti scatenati da IBM (per fare un esempio), che sta attualmente lavorando per sostituire il 30% delle sue 26.000 persone a disposizione, proprio con ChatGPT per ottimizzare i costi.

L’alleato forte di Microsoft ha voluto valutare l’impatto di ChatGPT sul mondo del lavoro evidenziando come 34 categorie di lavoro non saranno mai influenzate dall’Intelligenza Artificiale. Queste: macellatori e confezionatori di carne, aiutanti muratori, aiutanti di copertura, scalpellini, aiutanti idraulici, piastrellisti e marmisti, aiutanti falegnami, aiutanti pittori, cartai, installatori e riparatori di linee elettriche, stuccatori e stuccatori, tagliablocchi,  idraulici, pipefitters e installatori, produttori di stampi, atleti sportivi, chiodatori per tetti nell’industria mineraria, parrucchieri, operatori di attrezzature per pavimentazione, rivestimento e rincalzatura, potatori e cuochi, tagliacarne, riparatori di vetri per veicoli, subacquei. E ancora.

Muratori di cemento e rifinitori di calcestruzzo, meccanici di autobus e camion e specialisti di motori diesel, Meccanici motociclistici, operatori di piattaforme di palificazione, operatori di piattaforme petrolifere, di estrazione di petrolio e gas. La domanda da porre a ChatGPT sarebbe: e tutti gli altri? Ai posteri l’ardua sentenza

  • Abrams, Stacey (USA),  CEO, Sage Works Production
  • Achleitner, Paul M. (DEU),  Presidente, Global Advisory Board, Deutsche Bank AG
  • Agrawal, Ajay (CAN),  Professore di Economia, Università di Toronto
  • Albares, José Manuel (ESP),  Ministro degli Affari Esteri spagnolo
  • Altman, Sam (USA),  CEO, OpenAI
  • Alverà, Marco (ITA), Co-Founder, zhero.net; CEO TES
  • Andersson, Magdalena (SWE),  Leader, Partito socialdemocratico
  • Applebaum, Anne (USA),  redattrice, The Atlantic 
  • Arnaut, José Luís (PRT), socio amministratore, CMS Rui Pena & Arnaut
  • Attali, Gabriel (FRA),  Ministro dei Conti Pubblici
  • Balsemão, Francisco Pinto (PRT),  Presidente, Impresa Group
  • Barbizet, Patricia (FRA),  presidente e amministratore delegato, Temaris & Associés SAS
  • Barroso, José Manuel (PRT),  presidente, consulenti internazionali, Goldman Sachs
  • Baudson, Valérie (FRA),  CEO, Amundi SA
  • Beaune, Clément (FRA),  ministro dei trasporti 
  • Benson, Sally (USA),  Professore di Scienze Energetiche e Ingegneria, Stanford University
  • Beurden, Ben van (NLD),  consigliere speciale del consiglio di amministrazione, Shell plc 
  • Borg, Anna (SWE),  Presidente e CEO, Vattenfall AB
  • Borrell, Josep (INT),  vicepresidente, Commissione europea
  • Botín, Ana P. (ESP),  presidente esecutivo del gruppo, Banco Santander SA
  • Bourla, Albert (USA),  Presidente e CEO, Pfizer Inc.
  • Braathen, Kjerstin (NOR),  CEO, DNB ASA
  • Brende, Børge (NOR),  Presidente Forum economico mondiale
  • Brink, Dolf van den (NLD),  CEO, Heineken NV
  • Brudermüller, Martin (DEU),  CEO, BASF SE
  • Buberl, Thomas (FRA), CEO, AXA SA
  • Byrne, Thomas (IRL),  ministro dello sport e dell’educazione fisica
  • Carney, Mark (CAN),  vicepresidente, Brookfield Asset Management
  • Cassis, Ignazio (CHE),  Consigliere federale, Dipartimento federale degli affari esteri
  • Castries, Henri de (FRA),  Presidente, Institut Montaigne
  • Cavoli, Christopher (INT), Supreme Allied Commander Europe
  • Ceylan, Mehmet Fatih (TUR),  Presidente, Ankara Policy Center
  • Chhabra, Tarun (USA),  Senior Director per la tecnologia e la sicurezza nazionale, Consiglio di sicurezza nazionale
  • Creuheras, José (ESP),  Presidente, Grupo Planeta e Atresmedia
  • Debackere, Koenraad (BEL),  Presidente, KBC Group NV
  • Deese, Brian (USA),  ex direttore del Consiglio economico nazionale
  • Donohoe, Pasquale (INT),  Presidente, Eurogruppo
  • Döpfner, Mathias (DEU),  presidente e amministratore delegato, Axel Springer SE
  • Easterly, Jen (USA), Direttore,  Cybersecurity and Infrastructure Security Agency
  • Economia, Elizabeth (USA),  Senior Advisor per la Cina, Dipartimento del Commercio
  • Ehrnrooth, Henrik (FIN),  Presidente, Otava Group
  • Émié, Bernard (FRA),  Direttore Generale per la Sicurezza Esterna, Ministero delle Forze Armate
  • Empoli, Giuliano da (ITA), Political Scientist and Writer, Sciences Po
  • Entrecanales, José M. (ESP),  presidente e amministratore delegato, Acciona SA
  • Eriksen, Øyvind (NOR),  Presidente e CEO, Aker ASA
  • Ferguson, Niall (USA),  Milbank Family Senior Fellow, Stanford University
  • Fleming, Jeremy (GBR),  ex direttore, GCHQ
  • Frederiksen, Mette (DNK),  Primo Ministro danese
  • Freeland, Chrystia (CAN),  Vice Primo Ministro canadese
  • Garijo, Bélen (DEU),  presidente e amministratore delegato, Merck KGaA
  • Gentiloni, Paolo (INT), Commissioner for Economy, European Commission
  • Gonzáles Pons, Esteban (ESP),  vicepresidente, Partito popolare europeo
  • Gosset-Grainville, Antoine (FRA),  Presidente, AXA
  • Goulimis, Nicky (GRC),  membro del consiglio di amministrazione e co-fondatore, Nova Credit Inc.
  • Griffin, Kenneth (USA),  Fondatore e CEO, Citadel LLC
  • Gruber, Lilli (ITA),  Caporedattore e Conduttrice, La7 TV
  • Gürkaynak, Refet (TUR),  Professore di Economia, Bilkent University
  • Haines, Avril D. (USA),  direttore dell’intelligence nazionale
  • Halberstadt, Victor (NLD),  professore di economia, Università di Leida
  • Hassabis, Demis (GBR),  CEO, DeepMind
  • Hedegaard, Connie (DNK),  Presidente, Fondazione KR
  • Hofreiter, Anton (DEU),  deputato; Presidente della commissione per gli affari europei
  • Holzen, Madeleine von (CHE), Editor-in-Chief, Le Temps
  • Jensen, Kristian (DNK),  CEO, Green Power Danimarca
  • Joshi, Shashank (GBR),  redattore della difesa, The Economist
  • Kaag, Sigrid (NLD),  ministro delle Finanze; Vice Primo Ministro
  • Karp, Alex (USA),  CEO, Palantir Technologies Inc.
  • Kasparov, Garry (USA),  Presidente, Renew Democracy Initiative
  • Kieli, Kasia (POL),  presidente e amministratore delegato, Warner Bros. Discovery Polonia
  • Kissinger, Henry A. (USA),  Presidente, Kissinger Associates Inc.
  • Koç, Ömer (TUR),  Presidente, Koç Holding AS
  • Kolesnikov, Andrei (INT),  Senior Fellow, Carnegie Endowment for International Peace
  • Kostrzewa, Wojciech (POL),  Presidente, Tavola rotonda degli affari polacchi
  • Kotkin, Stephen (USA),  Senior Fellow, Hoover Institution, Stanford University
  • Kravis, Henry R. (USA),  Copresidente, KKR & Co. Inc.
  • Kravis, Marie-Josée (USA),  Chair, The Museum of Modern Art
  • Kudelski, André (CHE), Chair and CEO, Kudelski Group SA
  • Kuleba, Dmytro (Regno Unito),  Ministro degli Affari Esteri
  • Lammy, David (GBR),  Segretario di Stato ombra per gli affari esteri, Camera dei Comuni
  • Leysen, Thomas (BEL),  Presidente, Umicore e Mediahuis; Presidente DSM-Firmenich AG
  • Liikanen, Erkki (FIN),  Presidente, IFRS Foundation Trustees 
  • Looney, Bernard (GBR),  CEO, BP plc
  • Marin, Sanna (FIN), Prime Minister
  • Metsola, Roberta (INT), President, European Parliament
  • Micklethwait, John (USA),  Caporedattore, Bloomberg LP
  • Minton Beddoes, Zanny (GBR),  redattore capo, The Economist
  • Moreira, Duarte (PRT),  co-fondatore e socio amministratore, Zeno Partners
  • Moyo, Dambisa (GBR),  economista globale; Membro, Camera dei Lord
  • Mundie, Craig J. (USA),  Presidente, Mundie & Associates LLC
  • Nadella, Satya (USA),  CEO, Microsoft Corporation
  • O’Leary, Michael (IRL),  CEO del gruppo, Ryanair Group
  • Orida, Deborah (CAN),  Presidente e CEO, PSP Investments
  • Özel, Soli (TUR),  Professore, Kadir Has University
  • Papalexopoulos, Dimitri (GRC),  Presidente, TITAN Cement Group 
  • Philippe, Edouard (FRA),  Sindaco, Le Havre
  • Pottinger, Matthew (USA),  Distinguished Visiting Fellow, Hoover Institution
  • Pouyanné, Patrick (FRA),  presidente e amministratore delegato, TotalEnergies SE
  • Rachman, Gideon (GBR),  commentatore capo per gli affari esteri, The Financial Times
  • Ramírez, Pedro J. (ESP),  Direttore, El Español
  • Rappard, Rolly van (NLD),  co-fondatore e co-presidente, CVC Capital Partners 
  • Reynders, Didier (INT),  Commissario europeo per la giustizia
  • Röttgen, Norbert (DEU),  deputato, Bundestag tedesco
  • Rutte, Mark (NLD),  Primo Ministro olandese
  • Salomone, Martina (AUT),  Caporedattore, Kurier
  • Sawers, John (GBR),  presidente esecutivo, Newbridge Advisory Ltd. 
  • Schadlow, Nadia (USA),  Senior Fellow, Hudson Institute
  • Schallenberg, Alexander (AUT),  Ministro per gli affari europei e internazionali
  • Schmidt, Eric E. (USA),  ex amministratore delegato e presidente di Google 
  • Schmidt, Wolfgang (DEU),  capo della cancelleria, ministro federale per compiti speciali
  • Sebastião, Nuno (PRT),  presidente e amministratore delegato, Feedzai
  • Sikorski, Radoslaw (POL),  eurodeputato, Parlamento europeo
  • Silva, Filipe (PRT),  CEO, Galp
  • Stilwell de Andrade, Miguel (PRT),  CEO, EDP
  • Stoltenberg, Jens (INT),  Segretario Generale, NATO
  • Subramanian, Arvind (INT),  Senior Fellow in International and Public Affairs, Brown University
  • Tellis, Ashley J. (USA),  Tata Chair for Strategic Affairs, Carnegie Endowment
  • Thiel, Peter (USA),  Presidente, Thiel Capital LLC
  • Tsu, Jing (USA),  professore di lingue e letterature dell’Asia orientale, Università di Yale
  • Tugendhat, Tom (GBR),  ministro di Stato per la sicurezza
  • Vadera, Shriti (GBR),  Presidente, Prudential plc
  • Vassilakis, Eftichios (GRC),  Presidente, Aegean Group
  • Waldron, John (USA),  Presidente e COO, The Goldman Sachs Group, Inc.
  • Wallenberg, Marcus (SWE), Presidente,  Skandinaviska Enskilda Banken AB
  • Wennink, Peter (NLD),  Presidente e CEO, ASML Holding NV
  • Wright, Thomas (USA),  Senior Director for Strategic Planning, National Security Council
  • Yang, Yuan (GBR),  Corrispondente Europa-Cina, Financial Times
  • Yergin, Daniel (USA),  Vicepresidente, S&P Global    
  • Yinanç, Barçin (TUR),  Giornalista, T24 News Website
No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.