DELLA NATURA e DEGLI EFFETTI della GUERRA da IL MANIFESTO
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
8429
post-template-default,single,single-post,postid-8429,single-format-standard,stockholm-core-2.3.2,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-9.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-6.7.0,vc_responsive

DELLA NATURA e DEGLI EFFETTI della GUERRA da IL MANIFESTO

Una semplice domanda: perché la guerra?

VERITÀ NASCOSTE. La rubrica settimanale su psiche e società. A cura di Sarantis Thanopulos

Sarantis Thanopulos  21/05/2022

“C’è un modo per liberare gli uomini dalla fatalità della guerra?” Così nel 1932, Einstein si rivolge a Freud, invitandolo, su proposta della Società delle Nazioni, a discutere di questo tema.

Perché la guerra? Prima di lasciare la risposta allo psicoanalista, Einstein ne abbozza una sua: “Perché l’uomo ha dentro di sé il piacere di odiare e di distruggere. In tempi normali la sua passione rimane latente, emerge solo in circostanze eccezionali; ma è abbastanza facile attizzarla e portarla alle altezze di una psicosi collettiva.”

Freud rispondendo riprende la sua teoria delle due pulsioni antagoniste: la pulsione erotica, di vita, -che crea l’attrazione degli esseri umani tra di loro, ne favorisce i legami e promuove il processo di civilizzazione- e la pulsione di morte -che tende a ricondurre la vita allo stato della materia inanimata. L’impasto delle due pulsioni governa le relazioni personali e sociali (la pulsione amorosa necessita dell’aggressività per acquisire un potere sufficiente di appropriazione del suo oggetto), il loro disimpasto scatena le forze distruttive.

Si deve ammettere, dice Freud, che la guerra è più vicina alla natura rispetto agli sforzi con cui la si combatte. Perché allora, si chiede, non l’accettiamo? Perché, risponde, “ogni uomo ha diritto alla propria vita, perché la guerra annienta vite umane piene di promesse, pone i singoli individui in condizioni che li disonorano, li costringe, contro la propria volontà, a uccidere altri individui, distrugge preziosi valori materiali, prodotto del lavoro umano”. La conclusione: ciò che promuove la civilizzazione lavora contro la guerra, in primo luogo il rafforzamento dell’intelletto, che domina la vita pulsionale, e l’interiorizzazione dell’aggressività (non scevra di pericoli) che limita la sua esteriorizzazione.

A distanza di novant’anni lo scambio epistolare tra Einstein e Freud colpisce per l’intensità della loro vocazione pacifista (mentre le nuvole della guerra più catastrofica della storia si addensano all’orizzonte), ma anche per la difficoltà presente in queste due menti eccelse di liberarsi di una concezione secolare della distruttività che ha opacizzato la sua lettura.

Il piacere di odiare e di distruggere non è per nulla naturale. È una perversione della relazione con l’alterità che produce sollievo legato alla scarica impulsiva delle tensioni emotive. La scarica delle tensioni precludendo una soddisfazione reale (un piacere complesso, profondo e persistente) produce frustrazione. L’accumulo di frustrazione produce a sua volta tensione e una nuova esigenza di scarica. L’impulsività e la distruttività sono parte di un circuito vizioso di tensione e scarica che da un certo punto in poi si alimenta da solo.

La distruttività, di cui la guerra è espressione, non è radicata nella natura dell’essere umano, lo snatura e lo disumanizza. Attribuirla a oscure forze biologiche, comporta il grave rischio di una nostra deresponsabilizzazione. Ci sono due forze naturali dentro di noi (radicate nel nostro corpo, ma indissociabili dalla nostra rappresentazione del mondo): la forza pulsionale legata al desiderio che ama la persistenza e la variazione delle tensioni piacevoli e la forza autoconservativa legata al bisogno che mira all’equilibrio omeostatico del nostro organismo mediante la liquidazione delle tensioni.

Nel campo della prima forza il rispetto dell’altro è necessario (e l’interiorizzazione ed elaborazione dell’aggressività facilitata), in quello della seconda è opzionale e quando essa si dissocia dalla prima l’altro diventa uno strumento da dominare o un fastidio da eliminare. È responsabilità nostra e del sistema sociale che costruiamo far prevalere una forza o l’altra. Più ci allontaniamo da relazioni di scambio decentemente paritarie, più il rischio della guerra aumenta. E lo sviluppo dell’intelletto staccato dai sentimenti e dal desiderio lavora a suo favore.

Sanzioni, perché dalla guerra ognuno esce perdente

CRISI UCRAINA. Le ragioni per cui le sanzioni economiche possono essere anche peggiori della guerra

Alfonso Gianni  21/05/2022

Il famoso pronunciamento del 28° presidente degli Stati uniti, Woodrow Wilson, sul finire della Prima guerra mondiale, secondo cui le sanzioni economiche sarebbero peggiori della guerra, pare ormai relegato al passato. Dopo un secolo, Biden ha cercato di resuscitarlo dicendo che l’unica alternativa ad esse sarebbe una terza guerra mondiale. Ma non è andato al di là del richiamo orrorifico.

Le ragioni sono più d’una.

La reciproca dipendenza economica tra gli Stati anche in un quadro, quale quello attuale, di de-globalizzazione, moltiplica e diffonde gli effetti delle sanzioni economiche e allo stesso tempo le depotenzia.

Non solo perché la loro efficacia dipende in modo decisivo dal ruolo dominante che assume nella geoeconomia e nella geopolitica la potenza che le impone. E la Ue è ben lontana dall’ambire a quel ruolo, mentre gli Usa cercano di invertire o almeno frenare un declino, evidente in particolare negli ultimi vent’anni, che rischia di mettere fine al “secolo americano”. Ma anche perché non è affatto detto che il vero obiettivo delle sanzioni sia quello di evitare la guerra.

Se da un lato la governatrice della Banca centrale russa, Elvira Naibullina, ha rotto il muro dello spavaldo patriottismo putiniano, avvertendo che le sanzioni, in atto dal 2014, dovrebbero imporre cambiamenti strutturali all’economia russa a cominciare dal peso del suo modello esportativo, dall’altro le contromisure messe in atto dal sistema finanziario russo non sono state prive di efficacia.

I costi delle sanzioni finanziarie sono diseguali per chi le pratica. Minimi per gli Stati Uniti, ben più rilevanti per i paesi europei, in particolare Germania e Italia. I costi delle sanzioni non vengono equamente distribuiti tra i paesi della Ue e ciò mina la possibilità di accordo tra di essi.

Il risultato è che la repressione finanziaria è stata debole, parziale, variabile, dunque inefficace. La mossa sull’obbligo dell’acquisto dei beni energetici in rubli ha scompaginato le carte nel campo europeo. La moneta russa se ne è avvantaggiata. Alla fine di febbraio il valore del rublo era dimezzato, ai primi di maggio è tornato ai valori precedenti l’aggressione.

La seconda ragione è che il passaggio da sanzioni finanziarie già parziali a quelle sui prodotti energetici è ancora più complicato. Non solo per la mancanza di unità di intenti tra i paesi della Ue, ma per la composizione dell’export russo in questo campo.

Vari centri studi ci dicono che il 60% delle esportazioni russe avviene nel settore energetico, tanto da finanziare con buon margine l’intero import di quel paese. Tuttavia diverso è il peso, sia per l’esportatore russo che per i paesi importatori, di un blocco operato sul gas, piuttosto che sul petrolio o sul carbone.

Ma le scelte sanzionatorie hanno tenuto conto di queste differenze solo dal punto di vista degli interessi dei paesi importatori, non dell’efficacia “punitiva” sulla Russia. Esse mirano a rallentare il processo di transizione ecologica anziché cogliere l’occasione per un balzo in avanti. Lo si è visto in Italia (riapertura a trivellazioni, rigassificatori ecc.) e nel dibattito sulla tassonomia delle fonti energetiche a livello Ue.

Nel contempo la guerra con gli strumenti bellici e quella con le sanzioni si abbatte pesantemente sui nostri vicini: i Balcani, il Levante, il Nord Africa. Un trickle down, un effetto “gocciolamento”, all’incontrario. Qui la recessione economica sarà spietata con probabili carestie determinate dall’impennata di prezzi di grano – mentre quello ucraino resta bloccato e il nuovo raccolto si prevede scarso – orzo, mais, con conseguente aumento inarrestabile dei processi migratori.

L’Italia e la Ue dovrebbero progettare un Mercato Comune. Mediterraneo, come ha scritto su queste pagine Tonino Perna, ma non è nella testa delle elites europee.

Questo dovrebbe essere il vero clivage fra civiltà e barbarie. Le sanzioni à la carte convivono con la guerra. La produzione bellica è sempre andata storicamente d’accordo con lo sfruttamento dell’energia fossile e la proliferazione nucleare.

Ecco perché le tanto decantate sanzioni economiche, sia nella loro versione finanziaria, già spuntata, che in quella nel campo dell’economia reale, mai interamente messa in opera, non rappresentano nel nostro presente l’alternativa alla guerra, ma possono coesistere con questa, perpetrando il vecchio modello di sviluppo nei suoi effetti più disastrosi per l’umanità e per il pianeta.

Francesco ha detto che la Chiesa usa le parole di Gesù, non quelle della politica. Giusto. Ma quest’ultima resta muta, quando l’unica alternativa è sempre più chiaramente l’apertura di una trattativa che porti ad una conferenza internazionale, sotto l’egida dell’Onu, che garantisca la neutralità dell’Ucraina abbandonando l’idea di un annichilimento russo.

Dalla guerra ognuno esce perdente.

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.