SENATO IRLANDA ADOTTA SANZIONI CONTRO ISRAELE da CONTROINFO
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
15384
post-template-default,single,single-post,postid-15384,single-format-standard,stockholm-core-2.4,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-9.6.1,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-7.1,vc_responsive

SENATO IRLANDA ADOTTA SANZIONI CONTRO ISRAELE da CONTROINFO

PER LA PRIMA VOLTA IL SENATO DI UN PAESE EUROPEO (L’IRLANDA) ADOTTA SANZIONI CONTRO “ISRAELE”.

PALESTINA ED OCCUPAZIONE ISRAELIANA

Controinfo  27 FEBBRAIO 2024

Lunedì 26 febbraio il Senato irlandese ha adottato all’unanimità una mozione volta a imporre sanzioni a Israele e a vietare il passaggio di armi americane destinate a Israele dallo spazio aereo irlandese. L’Irlanda è uno dei pochi paesi occidentali che hanno dimostrato il loro rifiuto della guerra genocida condotta dall’entità sionista contro la Striscia di Gaza, dopo l’operazione del movimento di resistenza palestinese Hamas nella zona di Gaza, il 7 ottobre, durante la quale 1.140 israeliani sono stati ucciso.

Al momento della stesura di questo documento, il numero dei martiri nella Striscia di Gaza è arrivato a 29.878, senza contare gli oltre 7.000 martiri sotto le macerie, e quello dei feriti ha superato la soglia dei 70mila.
La mozione al Senato irlandese è stata avanzata dalle senatrici Frances Black, Lynne Ruane, Alice Mary Higgins e Eileen Flynn. Invita il governo irlandese a imporre sanzioni a Israele, ad approvare la legge sui territori occupati e la legge sulla cessione degli insediamenti israeliani illegali e a impedire che armi statunitensi vengano inviate all’entità sionista attraverso lo spazio aereo irlandese.

La mozione chiede inoltre che il governo irlandese spinga per un embargo internazionale sulle armi contro “Israele”.

“Israele”, l’unico cattivo

Il giorno dopo questa decisione, l’ambasciatore israeliano in Irlanda Dana Arlik ha deplorato che Israele sia stato presentato in questo paese “come se fosse l’unico cattivo in questa guerra”.

In un’intervista al programma radiofonico di Pat Kenny, ha detto: “Non capisco perché il popolo irlandese non condanna Hamas e non chiede il rilascio degli ostaggi? Se guardo il modo in cui viene presentata la guerra qui in Irlanda, sento una visione molto unilaterale che presenta Israele come l’unico cattivo e non mostra alcuna responsabilità nei confronti di Hamas”.

L’Irlanda è uno dei pochi paesi europei ad aver sostenuto il ricorso alla Corte internazionale di giustizia dell’Aja, denunciata dal Sudafrica per il genocidio israeliano contro la popolazione palestinese nella Striscia di Gaza.

E dal 7 ottobre è uno dei Paesi europei più impegnati a chiedere il cessate il fuoco e il rispetto dei diritti umani da parte di Israele.

Il 14 febbraio, insieme alla Spagna, l’Irlanda ha inviato una lettera all’Unione Europea chiedendo che la Commissione Europea effettui una “revisione urgente” dell’accordo commerciale tra Israele e UE per determinare se rispetta i suoi obblighi in materia di diritti umani nel conflitto in la Striscia di Gaza.

Amici irlandesi della Palestina”
Dall’inizio del conflitto tra Israele e Hamas, le bandiere palestinesi sventolano sui balconi. Ogni due settimane si svolgono marce nelle città irlandesi per condannare l’aggressione israeliana nella Striscia di Gaza.

In una manifestazione del 17 febbraio a Dublino, migliaia di attivisti hanno esposto striscioni: “Amici irlandesi della Palestina”, “Stop allo spargimento di sangue”.

Questo rapporto speciale non si spiega solo con la presenza di una forte comunità di immigrati palestinesi in questo paese.
L’Irlanda si distingue dagli altri paesi dell’Unione Europea per il suo interesse storico e il suo sostegno incondizionato alla causa palestinese. Le ragioni principali di ciò sono le somiglianze storiche, essendo entrambe state colonizzate dalla Gran Bretagna. Per non parlare dell’approccio intransigente di questo paese ai diritti umani.

Da quando è entrata nell’Unione Europea nel 1973, l’Irlanda ha svolto un ruolo di primo piano nella difesa della causa palestinese in Europa.

Nel 1980, il paese è diventato il primo stato membro dell’UE a chiedere la creazione di uno stato palestinese.

Nel 1993, l’Irlanda è stato l’ultimo stato membro dell’UE ad aprire un’ambasciata in Israele.

Le nostre sofferenze non sono nulla in confronto a quelle dei palestinesi
Intervistato dall’Agenzia Anadolu, James Quigley, rappresentante della Belfast Palestine Solidarity Campaign (IPSC), ha confidato che il punto di vista dell’Irlanda sulla resistenza palestinese è radicato nelle sue stesse lotte storiche e che sperimenta una profonda empatia per la causa palestinese.

“Il popolo irlandese è orgoglioso della sua storia di lotta contro la colonizzazione. Quindi sappiamo cosa vuol dire lottare contro l’occupazione. Ma allo stesso tempo, la nostra sofferenza non è nulla in confronto a ciò che hanno sofferto i palestinesi negli ultimi 75 anni sotto l’occupazione israeliana e di fronte all’apartheid e alla pulizia etnica”, ha affermato.

Secondo James Quigley, la lotta palestinese è una lotta per l’umanità.

C’era un regime di apartheid in Sud Africa e noi lo abbiamo sconfitto. Sconfiggeremo il regime di apartheid in Israele con la forza e la solidarietà dei palestinesi”, ha anche affermato.

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.