APPELLO PER UNA TREGUA UMANITARIA da IL MANIFESTO
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
10505
post-template-default,single,single-post,postid-10505,single-format-standard,stockholm-core-2.3.2,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-9.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-6.7.0,vc_responsive

APPELLO PER UNA TREGUA UMANITARIA da IL MANIFESTO

Appello per una tregua umanitaria

CRISI UCRAINA. I contendenti sospendano le ostilità nel periodo fra il Natale cattolico (25 dicembre) e il Natale ortodosso (7 gennaio).

***  18/12/2022

Tutti gli europei che si riconoscono operatori di pace vedono con angoscia aggravarsi in Ucraina la catastrofe umanitaria e l’estendersi del conflitto verso scenari devastanti, come dimostra il recente incidente in territorio polacco che ha sfiorato un confronto diretto fra la Nato e la Russia.

Ribadiamo quindi che la via diplomatica va perseguita con ogni mezzo e ci appelliamo alla saggezza di chi – governi e personalità influenti – sia in grado di mediare fra le parti in conflitto. La strada verso la pace richiede anzitutto un cessate il fuoco.

Perciò, i cittadini che aderiscono all’appello, auspicano che i contendenti sospendano le ostilità nel periodo fra il Natale cattolico (25 dicembre) e il Natale ortodosso (7 gennaio).

Se è una tregua simile fu possibile durante la Prima guerra mondiale fra nemici storici, non si vede perché sia irrealizzabile oggi tra popoli slavi uniti dalla storia, dalla cultura e dal credo religioso.

Anche se gli armati di entrambe le parti potrebbero sfruttare quelle due settimane per rafforzarsi sui vari fronti di guerra, la tregua consentirà almeno ai civili inermi di vivere questo periodo – sacro a entrambi i contendenti – nel segno della pace natalizia.

Nulla impedisce, infine, di immaginare che un cessate il fuoco temporaneo persuada i contendenti a esperire ulteriori riduzioni delle ostilità, in modo da alleviare le inaudite sofferenze dei civili vittime incolpevoli di un conflitto fratricida.

* * * Giuseppe Cassini, Rocco Cangelosi, Enrico Nardi, Mario Boffo, Enrico De Maio, Torquato Cardilli, Antonio D’Andria, Armando Sanguini, Roberto Di Leo, Pietro Adami, Gaetano Azzariti, Maria Luisa Boccia, Mauro Beschi, Carmelo Caravella, Michela Cerimele, don Virginio Colmegna, Giulio De Petra, Claudio De Fiores, Simone Furzi, Mario Dogliani, Ida Dominijanni, Domenico Gallo, Alfonso Gianni, Chiara Giorgi, Alfiero Grandi, Silvia Manderino, Alessandro Montebugnoli , Alberto Olivetti, Daniela Padoan, Massimo Perrotti, Antonio Pileggi, Tamar Pitch, Laura Ronchetti, Giuseppe Salmè, Luisa Simonutti, Mauro Sentimenti, Massimo Villone, Vincenzo Vita

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.