UN MODELLO MEMORIALE EGEMONE da 18BRUMAIOBLOG e PROSSO
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
16210
post-template-default,single,single-post,postid-16210,single-format-standard,cookies-not-set,stockholm-core-2.4,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-9.6.1,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-7.1,vc_responsive

UN MODELLO MEMORIALE EGEMONE da 18BRUMAIOBLOG e PROSSO

Un modello memoriale egemone

Olympe de Gouges   10 maggio 2024

Quando vi capita di stare in compagnia con persone vostre conoscenti, provate a chiedere loro a bruciapelo: “quante persone hanno massacrato in tutto i nazisti nei campi di concentramento, nei campi di sterminio e con altri metodi non convenzionali?”.

Ogni volta, invariabilmente, di primo acchito la risposta sarà: “Sei milioni”. Se poi specificate che la domanda era riferita a persone in generale e non soltanto ad ebrei, allora vedrete che i vostri interlocutori il più delle volte non sapranno rispondere o resteranno nel vago.

E accade la stessa cosa per quanto riguarda la filmografia che ha ad oggetto i campi di concentramento e di sterminio. Quasi sempre gli internati, le vittime, sono ebrei, o prevalentemente ebrei. Che in quei campi siano morti cinque milioni di polacchi, e che due milioni e mezzo fossero cattolici, lo spettatore non lo sospetta.

Auschwitz, per esempio, era stato istruito in origine per detenere prigionieri polacchi, e non ebrei, ma anche questo è un dettaglio che non merita di essere citato quando si parla di Shoah. Passi poi che un soggetto istruito ma poco acculturato come Barack Obama abbia potuto definirlo senza un’ombra di esitazione come un “campo di sterminio polacco”.

Che gli ebrei polacchi siano stati in grandissima parte cancellati dalla faccia della terra dalla ferocia germanica non dovrebbe far dimenticare che, quando si parla di proporzioni, il numero di rom (tzigani) assassinati in Polonia è molto vicino a quello delle vittime ebree. E però queste vittime raramente sono nominate e sempre en passant.

I crimini nazisti (e fascisti) sono stati trasformati in una tragedia esclusivamente ebraica. Ci si dovrebbe chiedere perchè si è giunti a dare un carattere esclusivo alla morte ebraica, dimenticando in un silenzio assordante la morte degli altri. Tzigani, comunisti e socialisti, testimoni di Geova, resistenti e avversari politici, soldati e funzionari sovietici, omosessuali e altre vittime ancora sono state quasi tutte espunte dal fenomeno.

Un esempio è il Giorno della Memoria, che risponde a un modello memoriale egemone (basta leggere cosa dice Wikipedia). Quanto ha influito dal dopoguerra a oggi questo modello egemone sulla ridefinizione dell’entità ebraica contemporanea?

L’obiettivo dalla politica sionista dello Stato di Israele è stato quello di «accumulare un capitale di prestigio esibendo un passato doloroso nel modo più drammatico possibile. Tutte le altre vittime del nazismo sono state relegate ai margini, il genocidio si è trasformato in un’esclusiva ebraica».

Queste parole, che faccio mie, appartengono a un professore israeliano dell’università di Tel Aviv, il più grande ateneo pubblico d’Israele. Antisemita pure lui?

Il monopolio della sofferenza e i suoi eredi

Olympe de Gouges   12 maggio 2024

 Shlomo Sand, già professore ordinario e ora emerito all’Università di Tel Aviv, è uno dei più reputati storici israeliani. Nel 2008 pubblicò L’invenzione del popolo ebraico. Osserva: «Vedendo sulla carta geografica dove vivono gli arabi tra il fiume e il mare e dove vivono gli ebrei israeliani tra il fiume e il mare, si capisce che i due popoli sono oggi inseparabili. Ci sono più di due milioni di arabi cittadini israeliani, ce ne sono altri cinque milioni a Gaza e in Cisgiordania, più o meno c’è uno stesso numero di ebrei che vivono su questa terra. Non ho nulla contro l’idea di uno Stato palestinese, però è irrealizzabile. Lo è da tempo, lo è ancora di più dopo il 7 ottobre. Ma il 7 ottobre ha mostrato che anche uno Stato ebraico non ha futuro: serve uno Stato israeliano, in cui i palestinesi siano cittadini a pieno titolo […]».

Roberto Della Seta, lo intervista per il manifesto e gli chiede: «Lei si considera sionista?

No, non sono sionista perchè non credo che Israele debba appartenere agli ebrei del mondo. Ho desiderato per tutta la vita che Israele fosse lo Stato dei suoi cittadini e non lo Stato degli ebrei nel mondo. Uno Stato come l’attuale Israele che dichiara di appartenere non ai suoi cittadini ma agli ebrei di tutto il mondo, per esempio anche agli ebrei italiani, non è uno Stato democratico.

«[…] In parte ha già risposto ma glielo chiedo di nuovo: Israele è uno Stato democratico?

No, non lo è. Non lo è nei territori occupati e non lo è neanche dentro le sue frontiere legittime. È uno Stato liberale. Il fatto che io possa insegnare liberamente dimostra che siamo uno Stato liberale. Ma uno Stato democratico è un’altra cosa: è uno Stato che appartiene a tutti i suoi cittadini.

«[…] Ecco: uno Stato così non è democratico. Io mi batto per l’uguaglianza tra tutti i cittadini israeliani. E so che gli ebrei israeliani potranno continuare a vivere in Medio Oriente solo insieme ai palestinesi.

«Lo racconto nel mio ultimo libro [Deux peuples pour un État, da poco uscito in Francia]: grandi intellettuali ebrei del passato avevano già chiaro che uno Stato esclusivamente ebraico in Palestina sarebbe stato condannato a una guerra perpetua. Tra questi Hannah Arendt, contraria ai due Stati e favorevole a una federazione arabo-ebraica: per lei la nascita di uno Stato esclusivamente ebraico era la premessa inevitabile di guerre continue.»

In un suo libro, Come ho smesso di essere ebreo, Sand scriveva:

«Ottenere che l’Olocausto fosse riconosciuto come uno snodo chiave del rapporto memoriale tra l’Europa e la seconda guerra mondiale diventava un’esigenza morale. La nuova politica sionista e pseudo-ebraica, però non poteva accontentarsi di così poco: marchiare a fuoco il ricordo delle vittime nella coscienza occidentale era solo il primo passo. Si trattava in primo luogo di rivendicare il monopolio della sofferenza proprietà specifica ed esclusiva della nazione ebraica. È in quegli anni che muove i primi passi quella che oggi, non a torto, alcuni chiamano “industria della Shoah”.

«Tutte le altre vittime del nazismo furono relegate ai margini, e il genocidio si trasformò in un’esclusiva ebraica. Da quel momento risulto inammissibile paragonare la tragedia degli ebrei allo sterminio di qualunque altro popolo. Quando gli armeni americani di seconda e terza generazione chiesero che fosse introdotta una ricorrenza ufficiale per commemorare il genocidio dei loro antenati per mano dei turchi ottomani, la lobby filosionista prese le parti della Turchia e cercò di bloccare a tutti i costi il progetto.

«A partire dagli anni 70 il numero dei discendenti di sopravvissuti non ha fatto che aumentare: di punto in bianco si è iniziato a sgomitare per fare parte dei superstiti. Moltissimi americani di origine ebraica, gente che non aveva mai messo piede in Europa negli anni della seconda guerra mondiale né offerto alcun aiuto materiale alle vittime all’epoca del massacro, si sono dichiarati eredi diretti dei sopravvissuti dei campi di sterminio. I figli di ebrei iracheni e nordafricani hanno finito per considerarsi a tutti gli effetti vittime del nazismo, e non sono stati gli unici. Negli stessi anni in Israele si è iniziato a parlare di una “seconda generazione della Shoah”, poi di una “terza generazione”. Il capitale simbolico rappresentato dalla sofferenza di un tempo, come tutti i capitali, doveva passare ai discendenti in quanto legittima eredità.

«A poco a poco la vecchia identità religiosa, quella del popolo eletto, ha lasciato il posto al duplice culto della vittima eletta da un lato e della vittima esclusiva dall’altro […].»

È in nome di quel monopolio della sofferenza e di quella eredità che Israele si sente autorizzata a far vivere in un regime di apartheid milioni di arabi palestinesi (e non solo). Ad occuparne le terre, demolirne abitazioni, confiscarne i beni, a non riconoscere il loro diritto sulle risorse naturali (acqua e giacimenti di idrocarburi). Soprattutto il diritto, in nome della eredità capitalizzata con la Shoah, di poter impunemente massacrare una popolazione inerme. E tutto ciò avviene con il consenso della maggioranza degli israeliani, dell’autoidentificazione di essere “un popolo” (si pretende per discendenza di un’antica tribù!), un club etnico d’èlite, ed eredi di una memoria dolorosa spesso sfruttata in malafede, pronti a rinfacciare di antisemitismo chiunque si opponga alle loro pretese e ai loro crimini.

Le università nel mondo per la Palestina

Mag 12, 2024

Queste, al giorno 9 maggio, le università e i colleges in cui, nel mondo, sono sorti accampamenti ad opera degli studenti. Ad essi in Italia si è nel frattempo aggiunta l’università di Padova, ed altre stanno per aggiungersi.

Sul movimento negli Stati Uniti segnaliamo questa intervista a Mjriam Abu Samra pubblicata su Altreconomia:

https://altreconomia.it/gli-studenti-vogliono-fermare-la-guerra-di-gaza-e-opporsi-a-un-sistema-di-oppressione

Noi, a nostra volta, ce ne siamo occupati in questo post:

In assenza di meglio, segnaliamo anche questo articolo, piuttosto sommario e lacunoso in verità, comparso su “Il fatto quotidiano” che dice qualcosa sui risultati ottenuti dalle proteste studentesche in termini di rottura (o sospensione di rapporti) con le università e le imprese israeliane:

https://www.ilfattoquotidiano.it/2024/05/10/prime-vittorie-per-gli-studenti-pro-palestina-diverse-universita-si-impegnano-a-rivedere-i-rapporti-con-israele-e-industria-delle-armi/7543487

Ma su tutto valga la raccomandazione: occhio a Rafah, occhio a Gaza, Stop genocide now!! Questo movimento delle università è significativo, ma l’attenzione ad esso non ci distragga per un istante dal luogo dello scontro, dell’aggressione colonialista di Israele, Stati Uniti, Unione europea, Italia strettamente uniti, e dall’indomita resistenza palestinese.

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.