SANITÀ: SUSSIDIARIETÀ PELOSA da IL MANIFESTO
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
8914
post-template-default,single,single-post,postid-8914,single-format-standard,stockholm-core-2.3.2,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-9.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-6.7.0,vc_responsive

SANITÀ: SUSSIDIARIETÀ PELOSA da IL MANIFESTO

Sulla sanità italiana rispunta il ricorso al Mes

LO SCENARIO. Il rappresentante del Mef ha detto in Commissione, a chiare lettere, che per la sanità non ci saranno finanziamenti aggiuntivi avendo avuto già 15 mld in più a partire dal 2018

Ivan Cavicchi  21/07/2022

Recentemente uno dei più importanti fondi assicurativi, “metasalute” (4 milioni di prestazioni raggiunte nel 2022) quello per intenderci che assicura la “mutua” (fondo) dei metalmeccanici, ha organizzato un convegno «Servizio sanitario nazionale e sanità integrativa contrattuale» con al centro della discussione la questione delle “convergenze”.

Nel suo intervento il ministro Speranza ha parlato di sinergie spiegando che «c’è bisogno del contributo da parte di tutti, dove la sanità integrativa rappresenta un tassello che va inserito nella nuova stagione di investimenti sul Ssn, prima mattonella di rilancio del Paese».

Da quando l’allora ministra a Bindi nel ’99 ha ammesso tra le prestazioni da erogare privativamente anche quelle già previste nei Lea (livelli essenziali di assistenza) la sanità cosiddetta integrativa di fatto è diventata sostitutiva. Quindi in competizione con il servizio sanitario pubblico.

Le prestazioni che assicura Metasalute dovrebbero essere una sanità privata che integra quella pubblica dove è carente, completandola. In realtà si tratta di una sanità privata in concorrenza con quella pubblica e per giunta incentivata fiscalmente (costo 6 mld), pronta a sfruttare carenze e disfunzioni pubbliche. Metasalute in sostanza si presenta come una sanità on demand che vuole sostituire l’universalismo con il mercato speculando sulle carenze del servizio pubblico.

Personalmente se la sanità integrativa fosse veramente tale non avrei nulla in contrario perché la considererei una estensione di quella pubblica. Il problema politico è che purtroppo così non è. Con la scusa dell’integrazione si vuole fare le scarpe alla sanità pubblica.

Se allarghiamo lo sguardo sono in tanti che ambiscono a fare le scarpe alla sanità pubblica. Si pensi al ruolo quasi surrogatorio previsto nel Pnrr per il terzo settore, alle condizioni favorevoli create per privatizzare l’assistenza di base. Di fatto la riconferma delle politiche di riduzione degli ospedali pubblici (Dm 70) diventa un formidabile incentivo per ricorrere alla ospedalità privata.

Se l’ospedale come prevede il Pnrr resta sotto determinato e il bisogno di cure ospedaliere come dimostra la crisi dei pronto soccorso continua ad essere alto, il Bias si recupera solo con una ulteriore privatizzazione. Sul Pnrr il governo sta procedendo senza l’intesa Stato-Regioni che (si veda la posizione disincantata del presidente della regione Campania De Luca) temono di non avere le risorse sufficienti per mettere in piedi i servizi territoriali loro richiesti.

LA REDAZIONE CONSIGLIA:

«Colpo di mano» di Zingaretti sulla Consulta regionale per la salute mentale

Esse sanno in partenza che per attuare il Pnrr dovranno ricorrere al privato appaltando la maggior parte delle prestazioni a cooperative del terzo settore e ai fondi presenti sul mercato. Pochi giorni fa nell’audizione in commissione sanità e bilancio del Senato, il rappresentante delMef ha detto a chiare lettere che per il prossimo futuro per la sanità non ci saranno finanziamenti aggiuntivi avendo avuto la sanità già 15 mld in più a partire dal 2018. Una cifra enorme. Mai la sanità ha avuto così tanti soldi. Al massimo vi saranno alcuni adeguamenti per far fronte all’aumento dei prezzi energetici. Ma poca roba.

Il quadro complessivo quindi non è roseo. Il vero rischio che stiamo correndo è quello di indebitarci con l’Europa per finanziare la sanità con il Mes, ma non allo scopo di avere una sanità sempre più pubblica, bensì sempre più privata. Indebitarci per comprare dal privato la sanità non mi sembra una contraddizione da poco.

La sinistra di governo e il Pd non sono in grado di mettere in campo un progetto di cambiamento, che correggendo gli errori del passato, rimetta al centro il diritto fondamentale alla salute, riformi radicalmente l’idea di sostenibilità, rimuova tutte le contraddizioni che hanno reso la sanità pubblica regressiva e diseguale, al fine di renderla più adeguata ai bisogni delle persone. Una sinistra che si rispetti, alla crisi della sanità, non risponde con soluzioni liberiste ma con un grande cambiamento riformatore.

«Colpo di mano» di Zingaretti sulla Consulta regionale per la salute mentale

REGIONE LAZIO. Si dimettono per protesta tutti i rappresentanti delle associazioni che ne fanno parte

Eleonora Martini  19/07/2022

«Colpo di mano della giunta Zingaretti sulla Consulta regionale per la salute mentale»: il Presidente dell’organismo consultivo della Regione Lazio non sarà più scelto dalle associazioni – di familiari, di utenti, scientifiche e a tutela dei diritti – che ne fanno parte, «ma sarà nominato dal Consiglio regionale in assoluta discrezionalità, scegliendo in una rosa di nominativi di esperti, senza graduatorie di merito o attribuzioni di punteggio». A denunciarlo sono i rappresentanti delle associazioni che costituiscono la Consulta regionale per la Salute Mentale (selezionate attraverso un bando pubblico in base al numero di iscritti e agli anni di attività) e che si sono dimessi in massa dopo aver appreso – «ma solo dal Bollettino regionale» – di una modifica apportata in sordina alla legge 6/2006, quella costitutiva dell’organismo.

La piccola ma sostanziale correzione alla composizione della Consulta regionale è stata ottenuta grazie ad un emendamento presentato in Aula dall’assessore alla Sanità, il dem Alessio D’Amato, alla legge regionale sulla disabilità, la n°10 del 17 giugno 2022, il cui testo era stato discusso e messo a punto in Commissione. «Così l’Associazionismo degli utenti, delle famiglie e del volontariato viene privato del diritto ad esprimere il proprio voto, torna ad essere subalterno ai tecnici (psichiatra, psicologo, ecc.), e si riporta l’ambito della salute mentale alla cultura e alla situazione antecedente la legge 180/1978», denuncia Daniela Pezzi, della Caritas Roma, eletta presidente della Consulta nell’ottobre 2013.

E sarebbe proprio lei – troppo critica nei confronti della giunta Zingaretti – l’obiettivo della nuova norma, secondo il punto di vista delle stesse associazioni dell’organismo consultivo (molte delle quali d’ispirazione cattolica, come Sant’Egidio, Acli, Caritas, Aresam, ecc.), ma anche delle organizzazioni che non ne fanno parte, come l’Unasam, Fenascop e il comitato «Si può fare» che in una nota spiega: «La Consulta e la sua Presidente si sono opposti ottenendo la cancellazione alla scandalosa Delibera che scaricava il costo economico delle rette delle strutture residenziali sulle famiglie ed ancora alle scelte nefaste sul riutilizzo dell’Ex Ospedale Psichiatrico S. Maria della Pietà, rivendicando il rispetto delle norme nazionali che imporrebbero la messa a reddito degli Ex O.P. per finanziare i Servizi Territoriali di Salute Mentale». Servizi, ricorda Pezzi, «smantellati a colpi di decreti e delibere».

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.