INCHIESTA SULLA COSCIENZA DELLE MASSE da SOLLEVAZIONE
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
10521
post-template-default,single,single-post,postid-10521,single-format-standard,stockholm-core-2.3.2,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-9.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-6.7.0,vc_responsive

INCHIESTA SULLA COSCIENZA DELLE MASSE da SOLLEVAZIONE

INCHIESTA SULLA COSCIENZA DELLE MASSE

Esteban Hernández* DIC 11, 2022

  IPSOS conduce regolarmente un sondaggio, chiamato Broken System Index , in 28 paesi. Serve a misurare il polso della società e il grado di accettazione e acquiescenza con il sistema nei diversi paesi. Le domande sono spinose perché cercano di cogliere l’umore sociale sotterraneo, e ciò non si ottiene ponendo domande su questioni specifiche e definite, come se sei preoccupato per la disoccupazione o il cambiamento climatico. Sono domande dirette che, nell’ultima ondata, da settembre a novembre 2022, hanno prodotto esiti brutali e inquietanti.

La prima domanda è se l’economia del paese sia truccata per favorire i ricchi ei potenti. Il consenso è generale, con una media globale del 64% degli intervistati che ha risposto affermativamente. In Stati come Ungheria e Romania la percentuale ha raggiunto rispettivamente il 78 e il 75% e segnano il livello più alto. Nei Paesi Bassi, in Germania e in Svezia, che si trovano nel gradino più basso, la percentuale è del 55% per i primi due e del 45% per gli svedesi. La Spagna è nella fascia più bassa, con il 57%, rispetto al 66% negli Stati Uniti. Ad eccezione di un Paese, nei restanti 27 ci sono più del 50% dei cittadini che sentono che il sistema economico non funziona per loro, e non lo fa perché è strutturato per favorire chi ha di più.

“Se ne fregano di noi”

Nella seconda domanda«Ai partiti e ai politici tradizionali non interessano le persone come me», le percentuali sono simili.

Romania e Turchia (79% e 70%) sono in cima alla classifica, rispetto al 44% della Svezia e al 45% dei Paesi Bassi. La Spagna è al 61%, gli Stati Uniti al 64% e Francia e Gran Bretagna al 65%. Questa categoria è particolarmente rilevante, nella misura in cui “la politica”, quindi l’assetto istituzionale che definisce il governo di un Paese, dovrebbe essere un meccanismo di salvaguardia. Quando le cose non funzionano, le persone interrogano in primo luogo i politici, si rivolgono a governanti e oppositori per chiedere soluzioni. Se la risposta che si riceve, o che si crede di ricevere, è intessuta di un “se ne fregano di noi”, la separazione tra cittadini e governanti diventa abissale.

La quarta domanda è collegata alla precedente: «I tecnici e gli esperti di questo paese non capiscono la vita delle persone come me». 

Il Perù (70%) e la Turchia (69%) sono in testa alla classifica, mentre i Paesi Bassi (45%) e la Svezia (42%) hanno la percentuale più bassa. La Spagna è al 59%, accanto a Stati Uniti e Gran Bretagna, con il 61%. I tecnici hanno un tasso di accettazione leggermente superiore rispetto ai politici, ma hanno un livello di discredito simile. Questa distanza è importante, in quanto è un ambito considerato supplente per sopperire al fallimento della  “politica”. Dal momento che i tecnici consigliano i politici, potrebbero spingerli nella giusta direzione se questi ultimi si perdono in interessi di parte o non prestano attenzione ai problemi reali. Da tempo si sente dire che questi tecnici dovrebbero avere molto più peso nelle misure che vengono prese, ma l’inchiesta dimostra che i tecnici sono molto lontani dalla gente e, quindi, le loro formulazioni teoriche si basano su un mondo tanto irreale quanto quello dei politici.

L’Uomo forte…

Le due domande rimanenti costituiscono un blocco diverso. Se le precedenti contengono un ritratto del momento, queste ultime puntano verso le soluzioni teoriche, e lo fanno indagando sul tipico meccanismo di confronto con il sistema che è emerso negli ultimi tempi.

La terza domanda è se sia necessario un leader forte per strappare il Paese dalle mani dei ricchi e dai potenti. La media affermativa complessiva è del 59%. In Spagna è del 55%, in Gran Bretagna del 67%, negli Stati Uniti del 63%, in Francia del 57%, in Italia del 50% e in Germania del 37%. Il punto più alto è segnato da Romania (74%) e Indonesia (70%).

L’ultima domanda del sondaggio: è se sia necessario un leader forte per sistemare la situazione nel Paese, anche se dovesse infrangere le regole per farlo. La domanda è molto rilevante, poiché indica un cambiamento di regole, a non rispettare i limiti, di fare ciò che è necessario anche ove ciò implicasse profonde trasformazioni. Qui l’accoglienza è molto minore. La media globale è del 45%. La Spagna è il quarto paese dal fondo, 33%. In Germania la percentuale è del 29%, in Francia del 36%, negli Stati Uniti del 40%, in Italia del 47% e nel Regno Unito del 50%.

La differenza tra la terza e la quinta domanda segna un aspetto molto importante, nella misura in cui la percepita mancanza di una solida direzione politica non implica la volontà di rompere con il sistema. Anche se la percentuale di cittadini che aspirano a cambiamenti risolutivi è alta, è ben al di sotto delle cifre in cui si muovono nel resto delle domande. C’è un desiderio di direzione forte, ma ciò non implica che esso sia anti-sistema. Almeno per ora, perché se le società continuano a deteriorarsi, è probabile che l’umore sociale cambi.

I tre paradigmi

Se si analizzano i dati nel loro insieme, è facile concludere che le società sono impigliate in un clima particolare: si ritiene che l’economia non funzioni perché è pianificata per favorire chi ha soldi e potere, mentre quelli che governano si sono allontanati dei cittadini perché non li capiscono e perché non se ne curano. In estrema sintesi: il momento sociale è segnato da tre paradigmi: il sistema economico è truccato, in alto non si preoccupano di noi, e non ci capiscono.

Si tratta di processi e modi di pensare che spesso sfuggono ai radar, che fanno appello a un diverso tipo di “politica”, strettamente legata alla vita quotidiana della maggior parte delle persone. È qui che si farà la “politica” nei prossimi anni: chi saprà rispondere alle tre domande avrà molto da guadagnare. Tuttavia, queste istanze vengono ignorate dai media, dai partiti, dalle istituzioni e dai tecnici, spesso in modo interessato.

Quando queste lacune si sono manifestate, sono state snobbate come il prodotto di una società che vira verso il populismo, cioè contro la democrazia, manifestazione di costumi antiquati, se non direttamente fascisti, di cittadini incapaci di per accettare i cambiamenti necessari che hanno dovuto affrontare. Questa interpretazione, va sottolineato, è venuta sia dalla sinistra culturale che dalla destra tecnocratica.

Tuttavia, il sondaggio contraddice tale lettura. Sebbene sia vero che le società richiedono direzioni politiche forti, la maggioranza non vuole trasformazioni radicali nel sistema. Più propriamente, vogliono che il sistema funzioni per loro, e invece non lo fa.

Più in profondità

Forse coloro che hanno meglio analizzato questo divario sono stati alcuni politologi e sociologi francesi. Gli anglosassoni hanno prodotto materiale molto interessante, ma forse si sono concentrati troppo sul perché Trump è riuscito a vincere le elezioni e perché la destra ha voti così alti, e continuano ad analizzare da quelle categorie.

Jérôme Sainte-Marie, con la sua analisi dei due blocchi sociali che si stanno formando, Jérôme Fourquet con il suo studio sugli usi e costumi della società francese e Christophe Guilluy.

Con la loro visione di un nuovo tipo di classi popolari, tra l’altro, mostrano potenti intuizioni su ciò che si sta trasformando sottotraccia e su quale tipo di società, anche politicamente e ideologicamente, sta emergendo. La cosa interessante di questi autori è che, prima di proporre qualsiasi soluzione o indicare i responsabili, cercano di descrivere cosa sta accadendo. Cercano di capire e riflettere una società, che è proprio ciò di cui abbiamo bisogno.

Credo che, come afferma Guilluy in Les dépossédés , il suo ultimo libro, gli avvenimenti politici degli ultimi anni «siano in realtà solo epifenomeni, sintomi microscopici di una rivolta esistenziale»; che questioni come il populismo le democrazie ecc., hanno a che fare con qualcosa di più profondo, correlato ai tre paradigmi che l’indagine sottolinea. Ed è molto probabile che «a differenza dei movimenti sociali dell’Ottocento e del Novecento, gli attuali ed i futuri non siano mossi da una lotta per l’acquisizione di nuovi diritti, ma dalla volontà di preservare lo status sociale e culturale di una maggioranza ordinaria che ieri chiamavamo la classe media occidentale. [Questi movimenti] non si basano sull’ideologia di un mondo che verrà, ma sul desiderio di non scomparire, di essere in questo mondo oggi. Incorporano interessi di classe, quelli dei più modesti, ma vanno al di là … dando loro una dimensione esistenziale, quella di voler conservare un senso per questa società».

* Fonte: ElConfidential

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.