ILAN PAPPÉ: INVENTARIO STORICO di uno STATO da IL MANIFESTO
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
8566
post-template-default,single,single-post,postid-8566,single-format-standard,stockholm-core-2.3.2,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-9.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-6.7.0,vc_responsive

ILAN PAPPÉ: INVENTARIO STORICO di uno STATO da IL MANIFESTO

Inventario storico di uno Stato tra genesi e molte leggende

SCAFFALE. «10 miti su Israele», un volume di Ilan Pappé tradotto dalle edizioni Tamu, con la postfazione di Chiara Cruciati. Il libro si inserisce e arricchisce il solco teorico già tracciato da Simha Flapan

Michele Giorgio  26/05/2022

10 miti su Israele di Ilan Pappé del 2017 (pubblicato in italiano dalla Tamu Edizioni nella traduzione di Federica Stagni e con la postfazione della nostra Chiara Cruciati, pp.285, euro 16), non è solo un ulteriore tassello del mosaico che lo storico israeliano in decenni di studi e ricerche ha composto sulla genesi dello Stato ebraico e delle sue politiche nei confronti dei palestinesi. Il testo approfondisce lo studio di miti, suggestioni e visioni che avvolgono lo Stato di Israele, prendendo in esame anni più vicini a noi, al periodo della «pace di Oslo», alla condizione attuale dei palestinesi sotto occupazione e di quelli con cittadinanza israeliana e allo sviluppo della colonizzazione.

«10 MITI SU ISRAELE» arricchisce la già vasta produzione storica di Pappé e allarga il solco tracciato in The Birth of Israel. Myths and Realities da Simha Flapan, uno dei primi «nuovi storici» israeliani. Offre elementi attuali per l’analisi dei rapporti tra israeliani e palestinesi.
«La leadership politica e strategica israeliana considera la memoria collettiva palestinese e la storiografia come strumenti pericolosissimi che possono rappresentare un’arma di erosione dell’immagine pubblica di Israele a livello internazionale, già peggiorata nel tempo», scrive Pappé nella prefazione all’edizione italiana del libro, affrontando uno degli sviluppi più significativi negli anni trascorsi dalla prima edizione del volume. La narrazione palestinese del conflitto, sottolinea, ha rivelato le sue potenzialità.

Lo scorso anno, ad esempio, durante le proteste contro l’annunciata espulsione di 28 famiglie dal quartiere di Sheikh Jarrah (Gerusalemme Est), i palestinesi furono in grado di riportare in superficie una pagina di storia rimasta sepolta come la confisca da parte dello Stato di Israele di terre e case palestinesi avvenuta dopo il 1948 e l’impossibilità per i proprietari di riaverle. Ai cittadini ebrei al contrario è permesso rivendicare beni ebraici precedenti anche alla nascita di Israele. Una pagina di storia che, grazie ai social, ha raggiunto e interessato la società civile a livello globale.

DA QUI LA NECESSITÀ, spiega lo storico, per i governi israeliani di offuscare la versione palestinese della storia che mette in discussione quella israeliana accettata in modo acritico dall’opinione pubblica occidentale.
Pappé spiega quanto siano stati decisivi per le politiche della destra israeliana più radicale, i quattro anni alla Casa Bianca di Donald Trump, il presidente Usa che, contro il diritto internazionale, nel 2017 ha riconosciuto Gerusalemme come capitale di Israele e, in seguito, anche l’annessione allo Stato ebraico del Golan siriano occupato nel 1967. Trump ha anche messo a punto un «piano di pace» volto a trasformare i palestinesi da detentori di diritti nazionali in semplici fruitori di aiuti economici.

Certo, tutte le amministrazioni Usa, inclusa quella Biden, appoggiano lo Stato di Israele, principale alleato di Washington in Medio Oriente. Ma Trump e il suo entourage hanno svolto un ruolo concreto per la normalizzazione dell’occupazione israeliana dei Territori, lo dimostrano gli Accordi di Abramo del 2020 tra lo Stato ebraico e quattro paesi arabi. La colonizzazione israeliana della Cisgiordania e della zona araba di Gerusalemme ha ricevuto un impulso senza precedenti durante quella presidenza.

L’EX AMMINISTRAZIONE Usa ha anche favorito l’approvazione nel 2018, da parte della Knesset, di una Legge Fondamentale, voluta dall’ex premier Netanyahu e la sua coalizione di destra che proclama Israele, nero su bianco, uno Stato che appartiene al popolo ebraico e non a tutti i suoi cittadini.
Ilan Pappé in 10 miti su Israele affronta pregiudizi e distorsioni che pervadono i resoconti tradizionali dei media. Analizza miti vecchi e soprattutto quelli nuovi che giustificano agli occhi del mondo la negazione dei diritti dei palestinesi. Israele, afferma Pappé, non ha mai cercato una soluzione giusta al conflitto.

Piuttosto, spiega, ha lavorato a un semplice ridispiegamento militare in Cisgiordania e su Gaza. Lo Stato ebraico, aggiunge, è una potenza economica e militare, eppure si rappresenta come «David che combatte un Golia arabo». Ai lettori di orientamento progressista, ancora affascinati dall’immagine lontana del Kibbutz, Pappé dimostra che il socialismo come prassi e stile di vita in Israele è sempre stato condizionato al raggiungimento degli scopi fondamentali del movimento sionista: il controllo della terra e l’espulsione della popolazione palestinese.

55 anni dopo l’occupazione israeliana non cessa, si riorganizza

INTERVISTA. Parla lo storico Ilan Pappé: fallita la soluzione a Due Stati oggi sul terreno abbiamo l’Apartheid

Michele Giorgio  04/06/2022

Celebrati in Israele, per i palestinesi e alcuni paesi arabi i giorni di inizio giugno 1967 sono la memoria di una nuova sconfitta devastante, non solo militare. Fu anche l’inizio dell’occupazione militare israeliana dei Territori che non ha ancora avuto fine. Ne abbiamo parlato con Ilan Pappé, storico israeliano di fama internazionale e docente all’università di Exeter, a margine delle conferenze che ha avuto in Campania nei giorni scorsi.

Sono 55 anni dalla Guerra dei sei giorni e dall’inizio dell’occupazione di Cisgiordania, Gaza e Gerusalemme Est. La storiografia tradizionale descrive quel conflitto come una operazione preventiva e una vittoria miracolosa dello Stato di Israele sugli eserciti arabi decisi a distruggerlo. È andata proprio così?

No. Oggi abbiamo a disposizione nuovi documenti e materiali d’archivio. Le autorità israeliane hanno desegretato i verbali di riunioni del governo (dell’epoca) prima della guerra e oggi guardiano a quel periodo con conoscenze che non avevamo prima. Senza dubbio Gamal Abdel Nasser creò una crisi perché Israele continuava ad attaccare la Siria alleata dell’Egitto. Ma il presidente egiziano minacciando la guerra pensava di poter ottenere una soluzione diplomatica alla crisi. Le vie d’uscita al nuovo conflitto esistevano ma i leader israeliani cercarono solo di guadagnare tempo per puntare allo scontro militare.

L’obiettivo principale era quello di occupare i restanti territori palestinesi?

Le forze armate israeliane nel 1967 hanno combattuto tanto nel Sinai ma la meta vera erano la Cisgiordania e Gerusalemme Est. Si trattava di un obiettivo ideologico. Una lobby di generali e alti ufficiali israeliani continuava a contestare David Ben Gurion e altri leader politici. Li accusavano di aver impedito all’esercito di conquistare tutta la Palestina nel 1948. Questi militari, assieme ad importanti ambienti politici, hanno boicottato una possibile mediazione giordana volta a raggiungere una soluzione politica ed evitare quella che poi sarebbe passata alla storia come la Guerra dei sei giorni.

In poche parole si attendeva solo il pretesto giusto per andare in guerra.

Proprio così. Israele nel 1948 aveva preso il 78% della Palestina storica. E non aveva conquistato la Cisgiordania che ideologicamente rappresentava una sorta di cuore della nazione e permetteva di allungare la frontiera orientale fino al fiume Giordano. Ben Gurion fermò l’esercito più di una volta, all’ultimo momento, dal cominciare una guerra prima del 1967. Ben diverso è il discorso quando parliamo di Gaza. Israele la conquistò perché gli egiziani non la volevano, era un facile obiettivo a portata di mano.

Fatto sta che negli anni successivi al 1967, i territori occupati sarebbero stati collegati sempre più frequentemente all’idea di un compromesso territoriale con Israele sulla Palestina storica. Negli anni ’70, il leader palestinese Yasser Arafat cominciò ad indicare Cisgiordania, Gaza e Gerusalemme Est come i territori di un futuro Stato di Palestina. Idea che si è poi consolidata con l’inizio della prima Intifada nel 1987 fino a sfociare nella soluzione a Due Stati, Israele e Palestina, sostenuta ancora oggi da una parte della comunità internazionale malgrado non appaia più realizzabile.

La soluzione a Due Stati è morta. In realtà è morta da almeno venti anni. La realizzazione dei progetti di colonizzazione ebraica e altre politiche di controllo del territorio, unite all’idea condivisa da un numero crescente di israeliani della Cisgiordania occupata come parte dello Stato, non permetterà a qualsiasi governo israeliano di riconoscere uno Stato palestinese indipendente e con una sovranità reale. Allo stesso tempo non c’è alcun palestinese che accetterà quel poco o nulla del territorio occupato che Israele potrebbe lasciare. Con parole semplici, possiamo affermare che 55 anni dopo l’inizio dell’occupazione, Israele e purtroppo il mondo non pensano ai diritti calpestati dei palestinesi ma solo a una riorganizzazione dell’occupazione.

Anche gli Accordi di Abramo, la normalizzazione dei rapporti tra Israele e quattro paesi arabi, sono una riorganizzazione dell’occupazione?

Gli Accordi di Abramo rappresentano il consenso di una parte degli arabi alla riorganizzazione dell’occupazione. Israele fa da ponte per questi paesi verso gli Stati uniti e in cambio ottiene il silenzio arabo sul proseguimento dell’occupazione.

La paralisi non sembra preoccupare nessuno

Purtroppo è così. A Israele lo status quo va molto bene e l’Autorità nazionale palestinese non lo vuole sfidarlo sul serio. Alcuni membri dell’Anp pensano che, a conti fatti, godono di privilegi che non vanno perduti.

La soluzione a Due Stati è fallita, non è più realizzabile. Ciò significa che si è fatta più solida la possibilità di uno Stato unico per arabi ed ebrei nel territorio della Palestina storica, democratico e senza discriminazioni?

In verità un unico Stato c’è già ed è quello dell’apartheid realizzato da Israele e ben descritto da Amnesty International qualche mese fa. Purtroppo, siamo ancora lontani dal cambiare il regime di questo Stato unico e dal realizzare uno Stato democratico per tutti e in cui i suoi cittadini siano uguali. Allo stesso tempo non possiamo escludere improvvisi e radicali cambiamenti in altre parti del mondo, come gli Usa, che comportino una netta trasformazione delle regole del gioco in Medio oriente.

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.