I DUE PALETTI CHE MANCANO alla LISTA di CONTE da IL MANIFESTO
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
8864
post-template-default,single,single-post,postid-8864,single-format-standard,stockholm-core-2.3.2,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-9.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-6.7.0,vc_responsive

I DUE PALETTI CHE MANCANO alla LISTA di CONTE da IL MANIFESTO

I due paletti che mancano alla lista di Conte

IL DILEMMA DEL GOVERNO. Armi all’Ucraina e autonomia differenziata possono essere i due no che farebbero davvero saltare l’esecutivo guidato da Draghi, su tutto il resto si può ricomporre

Pino Ippolito Armino  14/07/2022

Per un uomo elegante e compassato come Giuseppe Conte deve essere stato pari a una tortura subire con sorriso forzato gli abbracci e gli slanci maneschi del suo dante causa, Beppe Grillo, tanto più che sa bene chi racconta balle sulle pressioni che Mario Draghi avrebbe esercitato sull’Elevato per rimuoverlo dalla guida del M5S.

Non può nutrire dubbi sull’affidabilità delle rivelazioni fatte dal sociologo napoletano Domenico De Masi e sa che non è il premier ma il Garante che un anno prima lo ha pubblicamente bollato di incapacità e assenza di visione politica.

Una consapevolezza che non aiuta a sciogliere il dilemma tra rimanere al governo mantenendo il profilo moderato che più gli è congeniale o sbattere la porta in faccia all’amico-nemico Mario Draghi, oggi o in autunno, nel tentativo di recuperare un consenso che, con l’abbandono di tutti o quasi i pilastri del pensiero pentastellato, va scemando di giorno in giorno.

È in questa incertezza che sono state messe a punto le nove condizioni per restare in maggioranza ma nessuna di queste è davvero indigeribile per il premier.

La discontinuità invocata è piuttosto una richiesta di continuità con le politiche del Conte primo e del Conte secondo, dal reddito di cittadinanza alle causali per i contratti di lavoro a tempo determinato (decreto dignità), dal superbonus 110% al cashback fiscale, una misura affine al precedente e assai discusso cashback di stato.

Niente che non possa essere accolto, magari con qualche limatura, dagli alleati di governo.

Lo stesso può dirsi per il salario minimo, per gli aiuti a famiglie e a imprese, per gli investimenti sulle energie rinnovabili, per la rateizzazione dei debiti fiscali e per la garanzia che il governo torni in parlamento per la discussione di quei decreti legislativi non conformi ai pareri espressi dalle commissioni parlamentari. Su queste basi non si rompe.

Così stando le cose, il governo non corre seri rischi ma è altrettanto evidente che l’iniziativa avviata da Conte non sarà neppure utile a frenare l’emorragia del suo elettorato, crollato dal 33% delle elezioni politiche 2018 al 17% delle europee 2019 e al 7% delle regionali 2020, ancor prima della scissione operata da Di Maio.

Se Conte avesse voluto mettere in serio imbarazzo l’esecutivo avrebbe inserito fra le richieste quella, pur ventilata alla vigilia dell’incontro chiarificatore con Draghi, di uno stop all’invio di armi in Ucraina.

È molto probabile che in questo caso la rottura sarebbe stata inevitabile. Ma una rottura su questo punto, ammesso che fosse nelle corde dell’avvocato del popolo, sarebbe stata utile a recuperare consensi o avrebbe esposto maggiormente il fianco alle critiche di un Di Maio calatosi oramai perfettamente nei panni dell’uomo politico responsabile e atlantista?

C’è, invece, una richiesta altrettanto forte che metterebbe in difficoltà i vecchi compagni di cordata e potrebbe far recuperare ai Cinquestelle la simpatia di una parte del Paese, il Mezzogiorno, dove il M5S ha da sempre la sua base elettorale più consistente, ma non solo di quella.

Conte chieda a Draghi di mettere da parte il disegno di legge sull’autonomia differenziata collegato alla legge di bilancio per il triennio 2022-2024 o almeno di non riservargli un iter legislativo che sottrae le norme da approvare al dibattito in parlamento e persino a un eventuale referendum abrogativo.

L’autonomia differenziata nuoce al Sud e mette a serio rischio l’unità nazionale, un bene che dovrebbe interessare gli italiani di tutte le regioni. Su questo punto l’eventuale rottura sarebbe comprensibile a chiunque e avrebbe il merito di accendere i riflettori su una questione di enorme rilevanza per il Paese, di cui si continua a parlare poco e a dibattere per lo più tra specialisti. Su questo punto si può andare sulle barricate anche con la pochette.

De Masi: «Luigi irretito da Draghi. Ma la scissione aiuta la destra»

5 STELLE. Intervista al sociologo Domenico De Masi

Giuliano Santoro 24/06/2022

«Ho passato ore a discutere con Luigi Di Maio o con Beppe Grillo: temo non sia servito a nulla». Domenico De Masi, da sociologo e uomo di sinistra, prova da anni a spostare il Movimento 5 Stelle sul fronte progressista. Lo ha fatto collaborando con ricerche, progetti di legge e mettendo in piedi la scuola di formazione voluta da Giuseppe Conte. Dopo la rottura tra Conte e Di Maio è abbastanza sconfortato. Pensa che la rottura avvantaggerà la destra. «Prima era probabile che Meloni avrebbe vinto le prossime elezioni – dice – Adesso è praticamente sicuro».

Professore, poco più di un anno fa diceva a questo giornale che al vertice dei 5 Stelle ci sarebbe voluto un triumvirato composto da Di Maio, Conte e Alessandro Di Battista. C’è rimasto solo Conte.
Conte e Di Maio sono gli unici politici prodotti dalla scuderia italiana negli ultimi dieci anni. Sono complementari per età, professione, formazione, stile. Avrebbero potuto formare una coppia interessante e anche vincente. Si sono sottratti l’uno all’altro e alle reciproche opportunità. Hanno perso entrambi.

Come vede i loro partiti?
Il M5S di Conte è più radicato, trova ancora un riscontro nel popolo dei 5 stelle. Si tratta di un popolo variegato ma meno trasversale di quattro anni fa, perché ha derubricato la parte destra. Salvini se ne è mangiato metà e sono passati dal 32 al 18%. Conte non parte da zero, insomma. Di Maio è più radicato tra i parlamentari e nell’establishment. Ma un pezzo della base lo considera persino un traditore. Deve darsi un profilo politico, l’atlantismo e le armi in Ucraina non lo sono. Deve dire che tipo di società vuole costruire. Né si capisce da quale visione possa distinguersi. Al massimo si distinguerà da quella dei 5 Stelle, di cui è stato capo politico.

Questa mancanza di identità riguarda quasi tutti i partiti.
Se uno legge gli statuti dei partiti scopre che dicono le stesse cose: bisogna essere bravi, belli e garbati. Il M5S ha sperimentato diverse parole d’ordine come «Uno vale uno» ma un modello di partito e società non l’ha mai delineato, anche se ci ha provato con il nuovo statuto. Conte ora ha meno oppositori interni: se ne sono andati tutti. Però deve costruire in modo il partito mattone contrapposto al mucchio di sabbia che è il movimento. Conte è un moderato, non un indignato. Non è don Milani o don Ciotti e neanche Gramsci. Però a differenza di altri nel M5S capisce cosa gli stai dicendo.

Lei ha scritto manuali di sociologia delle organizzazioni. Il M5S è passato da un modello verticistico a essere un partito sostanzialmente in mano ai gruppi parlamentari. È un’anomalia, perché se gruppi dirigenti ed eletti corrispondono tenderanno ad autoconservarsi. Conte ora prova a costruire un’organizzazione che non si esaurisce nei parlamentari. Può essere uno dei fattori che ha generato la scissione?
Ci sta perfettamente. Conte ha disegnato 15 comitati tematici, ognuno composto da cinque persone con un coordinatore. Ma questa macchina deve mettersi in moto. Chi si interessa di queste cose sa che una cosa è mettere sulla carta un’organizzazione, un’altra farla funzionare. Ci vuole formazione e capacità gestionale.

È la fine di un altro mito dei 5 Stelle: la politica a costo zero.
La politica deve essere a costo zero per i privati, ma lo stato deve finanziare un servizio indispensabile. Non prendere i soldi pubblici è stato un infantilismo come la fissazione delle auto blu o il taglio dei parlamentari. Cose senza capo né coda.

L’anno prossimo si vota con la crisi che va intensificandosi. Chi raccoglierà la rabbia della gente?
Questo è il punto focale. In Italia abbiamo 5 milioni 770 mila poveri assoluti: dispongono di meno di 2 dollari al giorno. A questi vanno aggiunti circa 7 milioni di poveri relativi. Siamo a oltre dodici milioni di poveri in un paese che ha 60 milioni di abitanti e che è l’ottavo al mondo per ricchezza su 196. Ciò accade nonostante 3 milioni e 700 mila persone prendano quel minimo reddito di cittadinanza. Non si vede un partito che si faccia carico di questa gente.

Il suo ultimo libro si intitola La felicità negata. È una critica dell’economia neoliberista che ha prodotto tutta questa disuguaglianza.
Il neoliberismo ha puntato tutto sul precariato: ciò che è precario è obbediente. Almeno fino a quando non arriva una forza rivoluzionaria. Per questo quello che è successo ai 5 stelle è un regalo a Giorgia Meloni.

Pare invece che Di Maio punti a una forza interclassista, non a rappresentare i poveri.
Ha il problema di trovare i voti. Un paio di anni fa tenne un discorso sulla terza via. Una ricetta fallimentare, come si è visto con Giddens e Blair. La situazione in tutto il mondo si va radicalizzando, non abbiamo una classe media in ascesa ma la polarizzazione sociale.

Questa terza via è affollatissima.
Di Maio cercherà di egemonizzare quell’area. È una vasca piena di squali, non credo che aspettino lui per avere un leader.

Punterebbero a riconfermare Mario Draghi a Palazzo Chigi.
Dal 1991 al 2001 in Italia ci sono state le privatizzazioni. All’epoca Draghi era direttore generale del tesoro e presidente del comitato delle privatizzazioni. Fu la più grande opera di privatizzazione in Europa, più di Thatcher, perché da noi c’erano più partecipazioni statali. Eravamo l’unico paese ad avere più di 1700 aziende statali o parastatali e il più grande partito comunista d’Occidente. Eravamo molto più socialdemocratici degli scandinavi. Ciò era uno scandalo agli occhi dei neoliberisti che vincevano con Reagan e Thatcher che andava eliminato. Per farlo venne impiegato il più intelligente dei giovani economisti italiani. Rimase per quei dieci anni al tesoro, con diversi governi: quelli di Amato, Prodi e D’Alema fecero la maggior parte delle privatizzazioni. D’Alema diceva che non avevano bisogno della destra per privatizzare. Fu una grande manovra antisocialista fatta da socialisti. Adesso Draghi è riuscito a irretire Di Maio.

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.