ECCO COSA SIGNIFICAVA ESSERE INDIFFERENTI AL GENOCIDIO FASCISTA da STRATEGIC CULTURE FOUNDATION
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
14082
post-template-default,single,single-post,postid-14082,single-format-standard,cookies-not-set,stockholm-core-2.4.4,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-9.10,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-7.6,vc_responsive

ECCO COSA SIGNIFICAVA ESSERE INDIFFERENTI AL GENOCIDIO FASCISTA da STRATEGIC CULTURE FOUNDATION

Ecco cosa significava essere indifferenti al genocidio nazista

Finian Cunningham  26 ottobre 2023

L’ipocrisia dei media occidentali riflette l’agenda politica senza scrupoli dei loro governi. 

Guardando indietro agli orrori inflitti dalla Germania nazista, una domanda affascinante e inquietante è: perché e come potevano così tante persone a quel tempo essere indifferenti ai crimini? Dopo la sconfitta del regime nazifascista, le persone lamentavano categoricamente che “mai più” un simile orrore sarebbe stato permesso.

Parte del lamento era dovuto a un senso di colpa collettivo per il fatto che all’epoca non era stato fatto di più per fermare le sistematiche uccisioni di massa e la brutalità.

Ebbene, fino a un certo punto, sta accadendo di nuovo a Gaza, dove 2,3 milioni di persone sono state sottoposte a tre settimane di bombardamento costante e indiscriminato in mezzo a un blocco totale di acqua, cibo e altri beni di prima necessità.

E, vergognosamente, incredibilmente, il mondo sta permettendo che ciò accada – ancora una volta. Questa volta non abbiamo la scusa attenuante dell’ignoranza e della mancanza di informazioni provenienti da sistemi di comunicazione antiquati. L’omicidio di massa a Gaza è in prima serata in televisione.

Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite è apparentemente in un vicolo cieco per raccogliere una risoluzione che chieda un cessate il fuoco immediato e l’invio urgente di camion di aiuti nella Striscia di Gaza. È stato permesso che continuassero tre settimane di massacri di una popolazione civile intrappolata in un’area costiera – descritta come il più grande campo di concentramento all’aperto del mondo – mentre il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite discute sulle risoluzioni diplomatiche.

Considerando il tasso di uccisioni da parte delle forze militari israeliane, il bilancio delle vittime a Gaza raggiungerà presto le 10.000 persone, con moltissimi feriti. Queste sono solo le vittime violente. Senza acqua né cibo e con gli ospedali che chiudono per mancanza di carburante, la mortalità sarà probabilmente ancora maggiore. La maggior parte dei morti e dei feriti sono donne e bambini che non hanno nulla a che fare con le uccisioni perpetrate dai militanti di Hamas a Gaza il 7 ottobre, quando morirono 1.400 israeliani.

L’orrore a Gaza è paragonabile alla brutalità nazista inflitta al ghetto di Varsavia durante quattro settimane tra aprile e maggio 1943, quando oltre 10.000 civili ebrei furono uccisi come rappresaglia per una rivolta armata da parte dei combattenti della resistenza.

Molte persone in tutto il mondo sono giustamente indignate per il genocidio israeliano contro i palestinesi a Gaza. Le enormi proteste pubbliche nei paesi arabi, così come in Europa e Nord America che condannano i crimini di guerra israeliani sono indicative del disgusto collettivo per il massacro quotidiano e la fame.

Sembra che ci sia ora un momento storico di svolta nel decennale conflitto israelo-palestinese.

Per troppi decenni, il regime israeliano è riuscito a farla franca con gli omicidi di massa e l’occupazione criminale contro i palestinesi. Parte di quella licenza era dovuta alla confusione nell’opinione mondiale causata dalla distorta fusione sionista della storia relativa all’Olocausto nazista.

Ciò che sta diventando sempre più chiaro al mondo è che il regime israeliano è una parodia perversa del genocidio ebraico sotto i nazisti. Fin dalla sua nascita illegale come stato coloniale nel 1948, il regime sionista è comparativamente una continuazione dei crimini fascisti commessi dalla Germania nazista contro gli ebrei – con la differenza che le nuove vittime sono i palestinesi.

Sembra incredibile dirlo: il regime di apartheid israeliano sta finalmente perdendo la guerra di propaganda. Sembra incredibile dirlo perché ci si dovrebbe chiedere perché c’è voluto così tanto tempo prima che l’orribile verità fosse ampiamente conosciuta prima d’ora.

Dovrebbe essere evidente che vengono perpetrati crimini enormi quando vediamo bambini decapitati dagli attacchi aerei, quando gli ospedali vengono fatti saltare in aria, quando medici e giornalisti vengono uccisi e quando i bambini muoiono a causa delle incubatrici chiuse per mancanza di elettricità. Sembra quasi bizzarro affermare che gli autori di tale barbarie stanno finalmente perdendo la guerra di propaganda. Come hanno fatto a farla franca?

Allora perché non c’è una condanna mondiale di questa barbarie? Ci sono enormi proteste pubbliche e rabbia in tutto il mondo contro il genocidio israeliano dei palestinesi, ma sicuramente ci dovrebbe essere più azione di questa per porre fine perentoria a questa oscenità – ora.

È qui che i leader, i governi e i media occidentali sono parte del problema endemico.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha il disgustoso fanatismo di dire che i palestinesi mentono sulle vittime di Gaza. Biden fa eco alle flagranti bugie del regime israeliano secondo cui la gente di Gaza sta tagliando le forniture di elettricità e bombardando i propri ospedali.

Il primo ministro britannico Rishi Sunak ha la sfrontatezza nauseante di dire che il popolo di Gaza è “vittime del terrorismo di Hamas” e auspica che Israele “vinca”.

Macron in Francia, Scholz in Germania, Von Der Leyen in UE, Trudeau in Canada e così via. Sono tutti vili apologeti e oscurantisti del genocidio.

Tutti i leader occidentali professano cinicamente il loro sostegno al “diritto di Israele all’autodifesa” poiché ogni giorno massacra centinaia di civili innocenti. Tale inganno da parte dell’establishment da parte dei governanti occidentali – amplificato dai servili media occidentali – ha causato confusione, disinformazione e disorientamento tra il pubblico. (Non solo sulla questione Israele-Palestina ma anche su innumerevoli altri argomenti.)

Gli Stati Uniti hanno bloccato almeno due risoluzioni del Consiglio di Sicurezza dell’ONU che chiedevano un cessate il fuoco immediato perché la formulazione delle proposte non codifica il “diritto di Israele all’autodifesa”.

Questo significa fare politica e proteggere i crimini mentre migliaia di persone innocenti vengono uccise sotto una pioggia di bombe e muoiono di fame sotto le macerie.

Ecco come appare il genocidio e questo è ciò che significa per il mondo restare a guardare. Se pensavi che sarebbe stato impossibile che accadesse, allora ripensaci, apri gli occhi, è così.

I media occidentali – i media europei e statunitensi come BBC e CNN per citarne solo due – hanno contribuito a minimizzare la criminalità del regime israeliano e il ruolo nefasto dei sostenitori statali occidentali complici. Sì, questi mezzi di informazione hanno mostrato filmati della spaventosa distruzione di Gaza da parte degli israeliani, ma questi stessi mezzi di comunicazione raramente dicono agli spettatori i nomi delle vittime né quanto sfrenato e malvagio sia l’omicidio. Esiste una tendenza sistematica a diminuire la criminalità della violenza israeliana, sostenuta dagli Stati Uniti e dall’Europa, contro una popolazione civile prigioniera.

Si confronti la copertura sproporzionata e continua che i media occidentali hanno dato alla guerra in Ucraina negli ultimi 19 mesi. Secondo i dati delle Nazioni Unite, nel conflitto in Ucraina ci sono stati 10.000 morti civili rispetto ai morti a Gaza in tre settimane. La Russia è stata accusata, denigrata e condannata in ogni momento per la violenza in Ucraina, anche se la causa principale di quel conflitto può essere attribuita alla NATO guidata dagli Stati Uniti e al regime nazista utilizzato come arma a Kiev dopo un colpo di stato orchestrato dalla CIA nel 2014.

L’ipocrisia dei media occidentali riflette l’agenda politica senza scrupoli dei loro governi. La Russia è considerata un nemico ufficiale, quindi la copertura mediatica è sproporzionata e peggiorativa, anzi propagandistica. Mentre il regime di Tel Aviv, i cui crimini sono colossali ed evidenti, è relativamente protetto dai media occidentali in accordo con i pregiudizi dei loro governi.

Tuttavia – e questo è storicamente significativo – c’è un problema tecnico improvviso e crescente nella matrice di controllo del pensiero. La criminalità pura e grottesca del regime israeliano e la complicità istituzionale dell’Occidente non sono più occultabili nonostante le massicce bugie e distorsioni. Le persone nelle nazioni occidentali e in tutto il mondo stanno diventando sempre più consapevoli del genocidio che le presunte potenze democratiche stanno commettendo. Non solo consapevole ma aborrito e furioso.

Il regime di apartheid israeliano è finito. E lo sono anche i regimi occidentali corrotti che per tanto tempo si sono mascherati da “democrazie”.

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.