CRESCITA, 12 MESSAGGI CHIAVE da IL MANIFESTO
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
9484
post-template-default,single,single-post,postid-9484,single-format-standard,stockholm-core-2.3.2,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-9.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-6.7.0,vc_responsive

CRESCITA, 12 MESSAGGI CHIAVE da IL MANIFESTO

 

Crescita, dodici messaggi chiave

MANIFESTO. A 50 anni dalla pubblicazione del libro profetico «I limiti della crescita», il Club di Roma presenta i risultati di un altro studio che si può riassumere in dodici messaggi chiave (molto utili anche per i politici)

Federico M. Butera 22/09/2022

Cinquanta anni fa, nel 1972, fu pubblicato un libro che conteneva uno studio commissionato dal Club di Roma al MIT. Il titolo era I limiti della crescita (erroneamente tradotto in italiano con I limiti dello sviluppo). Un libro che fu venduto in milioni di copie, tradotto in 30 lingue, e che accese un vivacissimo dibattito. Il libro diceva, dimostrandolo mediante un sofisticato modello di simulazione al computer, che se le società umane avessero continuato ad evolversi con le regole e gli strumenti che avevano guidato la loro evoluzione negli anni passati, sarebbero andate incontro a un collasso verso la fine del 21° secolo. Diceva, lo studio, che per evitarlo bisognava prima di tutto ridurre l’estrazione di risorse non rinnovabili dall’ambiente, ridurre l’inquinamento e modificare il modo di produrre cibo. Soprattutto bisognava uscire dal mito della crescita indefinita: la crescita deve avere un limite, se si vuole che l’umanità prosperi e non affronti un collasso dalle conseguenze imprevedibili. I fatti stanno dimostrando che avevano ragione.

OGGI, A CINQUANTA ANNI dalla pubblicazione de I limiti della crescita il Club di Roma presenta i risultati di un altro studio, che è sintetizzato in un volume appena pubblicato dal titolo Earth for All: A Survival Guide for Humanity (Terra per Tutti: Una guida per la sopravvivenza dell’umanità). I risultati del nuovo studio si possono sintetizzare in 12 messaggi chiave. Sono messaggi che, non a caso, condensano quanto la comunità scientifica internazionale va ripetendo da anni, inascoltata. Messaggi che tutti noi dovremmo avere ben chiari per orientare i nostri comportamenti e, soprattutto, ben chiari dovrebbero avere i politici. Quanti dei politici impegnati in campagna elettorale, pure fra quelli che vi accennano di tanto in tanto, sanno di questi messaggi? Proviamo a fare opera meritoria mettendoli a disposizione. Particolarmente utili sono per il fronte progressista, perché non sembra che abbia chiaro che – messaggio 2- «l’attuale sistema economico sta destabilizzando le persone e il pianeta», e che quindi va radicalmente cambiato.

MESSAGGIO CHIAVE 1. È possibile per tutti avere un elevato standard di vita entro i limiti del pianeta.

MESSAGGIO CHIAVE 2. L’attuale sistema economico sta destabilizzando le persone e il pianeta. Nonostante una ricchezza senza precedenti, le società rimangono estremamente vulnerabili agli shock sanitari, umanitari ed economici. In questo secolo, le società dovranno affrontare minacce esistenziali a lungo termine, oltre a inevitabili shock a breve termine.

MESSAGGIO CHIAVE 3. Il divario tra ricchi e poveri continuerà ad aumentare nei prossimi decenni, a meno che non si intervenga per risolverlo. Possiamo aspettarci un aumento delle tensioni sociali. I livelli distruttivi di disuguaglianza e le crescenti emergenze climatiche ed ecologiche saranno probabilmente i principali responsabili dell’aumento delle tensioni sociali. Alti livelli di disuguaglianza riducono la fiducia e minano la coesione sociale. Ciò renderà più difficile per i governi democratici affrontare shock continui e sfide esistenziali come queste emergenze planetarie.

MESSAGGIO CHIAVE 4. Se la strada è quella attuale, la temperatura media globale rischia di raggiungere la catastrofica temperatura di 2,5°C in questo secolo. Ciò supera notevolmente l’obiettivo stabilito dall’Accordo di Parigi delle Nazioni Unite sul clima. Questo comporta gravi rischi per tutte le società. La resilienza della Terra – la sua capacità di reagire e riprendersi dagli shock – si riduce ogni decennio a causa dell’inazione per proteggere il clima e la biosfera. Già oggi, le attività umane hanno spinto la Terra nella zona di pericolo per i punti critici relativi alla calotta glaciale della Groenlandia, alla calotta glaciale dell’Antartide e al permafrost. Quando il riscaldamento del clima supererà 1,5°C, il rischio di attraversare molteplici punti critici inarrestabili e auto-rinforzati sarà più elevato. Senza un’azione immediata, le generazioni future dovranno fare i conti con un sistema climatico pericolosamente destabilizzante.

MESSAGGIO CHIAVE 5. Prima agiamo, meglio è. Il futuro dell’umanità sulla Terra sarà molto più pacifico, più prospero e più sicuro se le società faranno tutto il possibile per trasformare i sistemi economici in questo decennio, piuttosto che se non lo faranno. Se gli sforzi in corso non subiranno una forte accelerazione in questo decennio, il perdurare della povertà e l’aumento dei cambiamenti climatici rischieranno di creare profondi problemi sociali nelle regioni vulnerabili del pianeta. Non si può escludere un collasso sociale nelle regioni vulnerabili, con impatti destabilizzanti che si riverseranno a livello globale.

MESSAGGIO CHIAVE 6. La trasformazione in «economie del benessere» sarà probabilmente dirompente. Il mondo ha superato il punto in cui è possibile una trasformazione incrementale. Le soluzioni devono essere eque e giuste, altrimenti rischiano di essere rifiutate.

MESSAGGIO CHIAVE 7. Saranno necessarie cinque svolte straordinarie in materia di povertà, disuguaglianza, emancipazione di genere, cibo ed energia. Queste svolte straordinarie equivalgono a una trasformazione economica su larga scala.

MESSAGGIO CHIAVE 8. La trasformazione economica è accessibile. L’investimento necessario per costruire una civiltà più resiliente sarà probabilmente modesto: nell’ordine del 2-4% del reddito globale all’anno per la sicurezza energetica e alimentare sostenibile. I costi saranno più elevati nei primi decenni dopo l’inizio dell’implementazione, per poi diminuire.

MESSAGGIO CHIAVE 9. La trasformazione economica richiede governi forti e attivi per rimodellare i mercati e investire in progetti infrastrutturali a lungo termine. Il processo creerà fiducia, creerà milioni di posti di lavoro e guiderà l’innovazione e il progresso economico.

MESSAGGIO CHIAVE 10. Il consumo eccessivo nei Paesi ad alto reddito deve essere frenato e i modelli di consumo globale devono essere spostati verso modelli circolari e rigenerativi. Il consumo di materiali tra le persone ad alto reddito è uno dei principali fattori di cambiamento climatico, declino degli ecosistemi e inquinamento e rende sempre più difficile per le popolazioni povere migliorare il proprio tenore di vita. È necessario attuare politiche che garantiscano la sufficienza per tutti, ridistribuendo la ricchezza e riducendo l’impronta materiale dei ricchi e promuovendo il passaggio a un uso intelligente delle risorse naturali, alla circolarità e a soluzioni rigenerative nei Paesi a basso, medio e alto reddito.

MESSAGGIO CHIAVE 11. La ricchezza deve essere ridistribuita in modo più equo per affrontare la disuguaglianza. Ciò rafforzerà la coesione sociale e creerà fiducia nei governi per rimodellare i mercati e investire nel futuro. Chiediamo che vengano introdotte politiche per garantire che il 10% più ricco prenda meno del 40% del reddito nazionale entro il 2030 circa, e che vengano attuati sforzi per ridurre ulteriormente la disuguaglianza oltre questa data.

MESSAGGIO CHIAVE 12. Abbiamo raggiunto un punto di svolta sociale positivo. I cittadini sono pronti al cambiamento. Il nostro sondaggio globale sui Paesi del G20 ha rilevato che il 74% dei cittadini è favorevole a una riforma dei sistemi economici che abbandoni la centralità del profitto e della crescita per concentrarsi maggiormente sul benessere umano e sul pianeta. Stanno emergendo importanti coalizioni e iniziative politiche che indicano che si sta formando una nuova visione del mondo e che questa sta guidando la trasformazione. Tra queste, l’Alleanza per il benessere dei Paesi, il Green Deal europeo, il New Deal statunitense, il Global Deal proposto e la Civiltà ecologica cinese. Ora è necessario intensificare una campagna di promozione pubblica per costruire coalizioni più ampie e guidare la conversazione sul cambiamento dei sistemi economici.

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.