CHI INQUINA NON PAGA. ANZI! da IL FATTO
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
10344
post-template-default,single,single-post,postid-10344,single-format-standard,stockholm-core-2.3.2,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-9.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-6.7.0,vc_responsive

CHI INQUINA NON PAGA. ANZI! da IL FATTO

Ets Clima, in 9 anni in Ue regalati diritti a inquinare per 100 miliardi di euro senza condizioni alle industrie che sporcano di più

L’ultimo rapporto del Wwf sull’Emission trading system rivela come i giganti di acciaio, cemento e petrolchimico negli ultimi anni hanno realizzato profitti per 50 miliardi grazie alla vendita dei diritti. Inoltre dei quasi 90 miliardi ricavati grazie all’Ets, la metà non viene utilizzata per azioni di contrasto alla crisi climatica, ma finisce nel bilancio generale di Bruxelles

 Giorgia Colucci | 4 DICEMBRE 2022

Clima, l’Ue estende il sistema delle quote di emissioni anche al comparto navale: l’obiettivo è un taglio di 130 milioni di tonnellate di Co2Chi inquina non paga. Negli ultimi 9 anni, calcola un report del Wwf, multinazionali corresponsabili della crisi climatica hanno ricevuto dall’Unione europea 98,5 miliardi di euro sotto forma di permessi per inquinare gratis. Si tratta di quote di emissioni concesse ai giganti dell’acciaio, dei prodotti chimici, dell’aviazione nell’ambito del sistema di scambio Emission trading system senza corrispettivo e senza pretendere in cambio misure di efficientamento energetico o di contrasto al surriscaldamento globale. In questo modo le aziende non sono incentivate a ridurre la propria produzione di CO2, denunciano gli ambientalisti, e anzi spesso ottengono ulteriori guadagni vendendo le quote su un mercato secondario.

Ilfattoquotidiano.it negli ultimi anni ha dato conto più volte dei “buchi” nella regolazione degli scambi sull’Ets e dei ricavi stellari messi a segno grazie alle quote gratuite da multinazionali inquinanti, come i giganti dell’acciaio Arcelor MittalThyssenKrupp o le compagnie petrolifere EniShell e Total. L’Ets è descritto dalla Commissione come “una pietra angolare della politica dell’UE per combattere il cambiamento climatico”. Tramite la graduale diminuzione delle quote di emissioni concesse e il conseguente aumento del loro prezzo, dovrebbe distogliere le aziende dall’inquinare.

Da quando è stato introdotto questo sistema nel 2005, le emissioni di gas serra sono diminuite del 37% in tutta l’Unione, per tutti i settori ma non per l’industria pesante. Le quote gratuite hanno fatto inceppare il sistema, afferma il Wwf. Inizialmente giustificate dalla paura delle delocalizzazioni da parte delle aziende in altri Stati con norme ambientali meno stringenti, dal 2006 il numero dei permessi è diminuito, stima l’Ong. Nonostante questo, il loro valore è superiore agli 88,5 miliardi di euro addebitati fino ad ora agli inquinatori, principalmente centrali elettriche a carbone e gas, per le loro emissioni di CO2.

La cifra però potrebbe essere superiore ai 100 miliardi stimati nel rapporto del Wwf. Dal conteggio infatti sono escluse le aziende britanniche. Prima della Brexit, nel 2020, erano tra quelle che realizzavano più profitti vendendo le loro quote in eccesso, insieme alle imprese di GermaniaFranciaItalia e Spagna. Secondo un rapporto di Carbon Market Watch del 2021, tra il 2008 e il 2019, le società siderurgiche, petrolchimiche, di raffineria e del cemento hanno guadagnato ben 50 miliardi di euro sul mercato secondario. Alcune di queste sono state anche risarcite dai governi per i costi dell’acquisto delle quote. Nelle sedi del Parlamento europeo, del Consiglio della Commissione si sta tentando di riformare gli strumenti, ma i negoziati procedono a rilento. Al momento i termini previsti per interrompere l’utilizzo dei permessi gratuiti sono il 2032 o il 2036.

Questo però non è l’unico nodo dell’Ets: più del 30% delle entrate realizzate in questi anni tramite il meccanismo, pari a 25 miliardi, non è stato reinvestito nel contrasto alla crisi climatica, ma è finito nel bilancio generale di Bruxelles. Secondo il Wwf, se si escludono dal conteggio i fondi destinati a rendere più efficienti i processi di combustione fossile in PoloniaUngheriaRepubblica CecaCroazia e Germania (12 miliardi di euro), la stima sale a 47 miliardi, cioè la metà dei ricavi totali.

Complice la ripresa economica post Covid e la guerra in Ucraina, che hanno fatto schizzare il prezzo dell’energia, il mercato dell’Ets è destinato a crescere nel prossimo futuro. Solo nel 2022 gli esperti stimano che frutterà 33 miliardi di euro. Per il Wwf, l’Ue dovrebbe reinvestire il 100% di questa cifra in azioni per l’ambiente, sia per una questione di trasparenza verso i cittadini europei, sia per l’urgenza della crisi ecologica. “Ci resta pochissimo tempo per limitare l’aumento della temperatura globale a 1,5°C e fermare il cambiamento climatico fuori controllo, e il modo in cui spendiamo il denaro pubblico è fondamentale. – si legge nella conclusione del rapporto – Sembra chiaro che l’emissione di quote gratuite nell’ambito dell’ETS sia stato un grave fallimento politico”.

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.