ARMARE gli ACCORDI di LIBERO SCAMBIO da SINITRA IN RETE
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
8892
post-template-default,single,single-post,postid-8892,single-format-standard,stockholm-core-2.3.2,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-9.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-6.7.0,vc_responsive

ARMARE gli ACCORDI di LIBERO SCAMBIO da SINITRA IN RETE

Armare gli accordi di libero scambio

Anis Chowdhury e Jomo Kwame Sundaram  06/07/2022

I lettori intelligenti e di mente sana sanno che gli accordi di libero scambio sono veicoli per subordinare la protezione nazionale del lavoro e dell’ambiente agli interessi neoliberisti/multinazionali. Ora sembra che siano destinati a diventare strumenti nella nuova Guerra Fredda, con gli Stati Uniti e l’Occidente (più i suoi protettorati militari asiatici/australiani) contro Cina, Russia, India e il Sud del mondo

Pivot per l’Asia, contenente la Cina

Considerati a lungo come mezzi per cercare vantaggi con il pretesto di fornire vantaggi reciproci, gli accordi di libero scambio possono essere sempre più utilizzati come armi economiche nella nuova guerra fredda emergente.

Nel novembre 2009, il presidente Obama ha osservato che, “in un mondo interconnesso, il potere non ha bisogno di essere un gioco a somma zero… gli Stati Uniti non cercano di contenere la Cina”.

Ma Obama ha presto cambiato rotta con il suo ” perno verso l’Asia “, annunciato per la prima volta nel novembre 2011. Dopo la sua rielezione nel 2012, la Trans-Pacific Partnership (TPP) è diventata il fulcro economico della nuova strategia statunitense per frenare la crescita e il progresso tecnologico della Cina.

Il suo rappresentante per il commercio degli Stati Uniti (USTR) ha affermato che il TPP era basato su principi sostenuti dagli Stati Uniti, come la protezione della proprietà intellettuale (PI) e dei diritti umani. Pur affermando che tutti coloro che accettano i suoi principi sarebbero stati invitati a partecipare, la Cina non era evidentemente tra i paesi che negoziavano il TPP.

Per Washington, questa nuova rivalità con la Cina implica il rafforzamento delle alleanze statunitensi con Giappone, Corea del Sud e Australia. Nell’ottobre 2011, il Congresso degli Stati Uniti ha ratificato l’accordo di libero scambio Corea-USA (KORUS).

Con il contenimento militare ed economico della Cina al centro della strategia di sicurezza degli Stati Uniti, il TPP è stato concluso nel 2015. Obama ha sottolineato : “Il TPP consente all’America — e non a paesi come la Cina — di scrivere le regole che saranno applicate nel 21° secolo”.

La creazione di un “club per chiunque tranne la Cina” è stato il motivo degli Stati Uniti per la creazione del TPP. Ma con il mutato sentimento pubblico dalla presidenza Trump, un tempo il fedele vicepresidente di Obama e ora il Presidente, Biden non ha tentato di rilanciare il TPP durante la sua campagna presidenziale, o da allora.

Alleanze di sicurezza

“La prosperità e la sicurezza americane sono messe alla prova da una competizione economica che si svolge in un contesto strategico più ampio… Dobbiamo lavorare con alleati e partner che la pensano allo stesso modo per garantire che i nostri principi prevalgano e le regole siano applicate in modo che le nostre economie prosperino”, ha osservato il presidente Trump strategia di sicurezza .

Di conseguenza, il ‘ Quad ‘ – gruppo di dialogo quadrilaterale sulla sicurezza per la cooperazione marittima di Stati Uniti, Australia, India e Giappone, avviato dopo lo tsunami dell’Oceano Indiano del 2004 – è diventato un presunto accordo di sicurezza anti-cinese.

Entro il 2020, i leader di tutti e quattro i paesi erano più allineati nelle loro preoccupazioni per l’ascesa della Cina. Nel novembre 2020, le marine di tutti e quattro i paesi hanno partecipato alla loro prima esercitazione militare congiunta in oltre un decennio .

Nel frattempo, sotto Shinzo Abe, il Giappone ha trasformato radicalmente la sua politica di sicurezza. Abe ha notevolmente ampliato il ruolo, la missione e le capacità delle forze di autodifesa giapponesi all’interno e all’esterno dell’alleanza USA-Giappone, specialmente nell’Asia orientale.

La “cooperazione in materia di difesa” è stata rafforzata anche attraverso accordi da paese a paese, come il recente accordo di accesso reciproco Giappone-Australia e il precedente accordo di acquisizione e servizi incrociati Giappone-India .

Il profilo di sicurezza degli Stati Uniti nella regione è stato rafforzato dall’alleanza AUKUS (Australia-UK-USA). La sua chiara intenzione è quella di rafforzare la presenza militare degli Stati Uniti e dei suoi alleati nell’Indo-Pacifico, con la maggiore “attenzione alla Cina” di tutti gli accordi di sicurezza regionale.

Egemonia mondiale

Gli Stati Uniti stanno anche collegando il commercio alla loro strategia di sicurezza nazionale, in particolare per contenere la Cina, in Africa e in America Latina. Come osserva l’USTR , “L’amministrazione Biden sta conducendo una revisione completa della politica commerciale degli Stati Uniti nei confronti della Cina come parte dello sviluppo della sua strategia globale per la Cina”.

Il suo ufficio sottolinea inoltre: “Affrontare la sfida della Cina richiederà una strategia globale e un approccio più sistematico rispetto all’approccio frammentario del recente passato”.

Riflettendo sulla sua guida strategica provvisoria sulla sicurezza nazionale , Biden sottolinea: “Gli Stati Uniti devono rinnovare i loro vantaggi duraturi…; modernizzare le nostre capacità militari…; e rivitalizzare l’impareggiabile rete di alleanze e partnership dell’America”. Osserva “una crescente rivalità con la Cina, la Russia… che rimodella ogni aspetto della nostra vita”.

Biden insiste che la sua amministrazione “si assicurerà che le regole dell’economia internazionale non siano inclinate contro gli Stati Uniti. Applicheremo le regole commerciali esistenti e ne creeremo di nuove… Questa agenda rafforzerà i nostri vantaggi duraturi e ci consentirà di prevalere nella competizione strategica con la Cina o qualsiasi altra nazione”.

La sua amministrazione ha annunciato una revisione di tutti i negoziati commerciali dell’era Trump. In scadenza nel 2025, l’African Growth and Opportunity Act del presidente Clinton ha offerto un migliore accesso al mercato statunitense ai paesi africani qualificati dal 2000.

Nell’aprile 2021, il segretario di Stato Antony Blinken ha confermato che i colloqui sull’accordo di libero scambio USA-Kenya sarebbero ripresi. Gli osservatori ritengono che l’accordo di libero scambio USA-Kenya, avviato da Trump nel 2020, aiuterebbe ad espandere le politiche commerciali e di sicurezza “carota e bastone” degli Stati Uniti nel continente per contrastare la Cina.

Nel “cortile della dottrina Monroe ” degli Stati Uniti, sei accordi di libero scambio statunitensi coinvolgono già 12 paesi dell’America Latina e dei Caraibi. L’8 giugno Biden ha annunciato una nuova partnership economica regionale per contrastare la Cina. Il suo discorso ha inaugurato un Summit delle Americhe, criticato per aver omesso i paesi considerati amici della Cina.

Ma il partenariato americano per la prosperità economica di Biden è ancora visto come un lavoro in corso . Non offrendo nemmeno lo sgravio tariffario standard degli accordi di libero scambio, gli Stati Uniti prevedono inizialmente di concentrarsi su “partner che la pensano allo stesso modo”. Sebbene Biden abbia elogiato il suo “nuovo approccio innovativo e integrato”, le risposte suggeriscono che l’influenza degli Stati Uniti “diminuisce” .

Ora, cinque anni dopo che Trump si è ritirato dal TPP, Biden ha rilanciato la strategia cinese di Obama con il suo quadro economico indo-pacifico. Compiaciuto, non ha potuto fare a meno di fare eco al vanto del TPP di Obama: “ Stiamo scrivendo le nuove regole ”.

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.