USA: LA CAMERA APPROVA UN DDL PER REGISTRARE AUTOMATICAMENTE I GIOVANI ALLA LEVA da REASON
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
16602
post-template-default,single,single-post,postid-16602,single-format-standard,cookies-not-set,stockholm-core-2.4.4,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-9.10,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-7.6,vc_responsive

USA: LA CAMERA APPROVA UN DDL PER REGISTRARE AUTOMATICAMENTE I GIOVANI ALLA LEVA da REASON

La Camera approva un disegno di legge per registrare automaticamente i giovani alla leva

Il Servizio Selettivo va abolito, non reso più efficiente ed equo.

CJ CIARAMELLA | 15.06.2024 10:15

(Bumbleedee | Dreamstime.com)

Venerdì sera la Camera ha approvato un ampio disegno di legge sulla difesa che includeva una disposizione che iscriverebbe automaticamente i giovani di età compresa tra 18 e 26 anni* per il servizio selettivo.

La versione della Camera del National Defense Authorization Act (NDAA), che autorizzerebbe 895 miliardi di dollari in spese militari, è stata approvata con un voto di 217-199. È improbabile che venga ripresa dal Senato controllato dai democratici a causa dei numerosi emendamenti riguardanti l’aborto, gli sforzi per la diversità e le cure mediche per i transgender. La disposizione del servizio selettivo, tuttavia, fa parte di un duraturo sforzo bipartisan per mantenere in vigore il quadro per la coscrizione militare, anche se la leva è terminata nel 1975.

La registrazione automatica sostituirebbe la tradizione di raggiungimento della maggiore età che tutti i cittadini statunitensi maschi di 18 anni sperimentano quando ricevono per posta una cartolina dallo Zio Sam che li informa che sono tenuti, sotto minaccia di sanzioni penali, a registrarsi per il Selective. Servizio.

I sostenitori della legislazione lo hanno definito un metodo più efficiente ed economico.

“Utilizzando i database federali disponibili, l’agenzia [Servizio selettivo] sarà in grado di registrare tutte le persone richieste e quindi contribuire a garantire che qualsiasi futura leva militare sia giusta ed equa”, ha affermato la deputata Chrissy Houlahan (D-Pa . ) il pavimento della casa. “Ciò ci consentirà anche di ridedicare le risorse – fondamentalmente significa denaro – verso la preparazione alla lettura e verso la mobilitazione… piuttosto che verso campagne educative e pubblicitarie volte a registrare le persone”.

L’altro effetto non detto sarebbe quello di eliminare la possibilità per i giovani di impegnarsi nella disobbedienza civile.

Il progetto è un cavallo di battaglia per Houlahan, un veterano dell’aeronautica. Ha anche guidato un disegno di legge della Camera nel 2021 per richiedere alle donne di registrarsi presso il servizio selettivo, raddoppiando di fatto il pool di bozze.

Come ha scritto Matt Welch di Reason nel 2021 , il Servizio Selettivo non è una parte orgogliosa del tessuto civico americano, ma uno strumento a intermittenza del Pentagono:

Il Selective Service System fu fondato per la prima volta nel 1917 per alimentare gli sforzi americani nella Prima Guerra Mondiale. Fu sciolto nel 1920, riattivato nel 1940, riformattato nel 1948 e poi terminato nel 1975 come parte del passaggio decisivo di Washington verso un esercito composto da soli volontari. Poi, nel 1980, il presidente Jimmy Carter, in preda al panico, allarmato dall’invasione dell’Afghanistan da parte dell’Unione Sovietica, ripristinò la leva di registrazione come rito di passaggio per i ragazzi da completare entro 30 giorni dal loro 18esimo compleanno, sotto pena teorica di cinque anni di reclusione. e (eventualmente) fino a $ 250.000 di multe.

Anche se ci sono state solo 14 condanne per i Refugenik del Servizio Selettivo, e nessuna dal 1986, a quei circa 100.000 giovani all’anno che disobbediscono agli ordini di marcia di Washington viene generalmente impedito di lavorare in posti di lavoro governativi, di ricevere prestiti studenteschi e (in circa 40 stati) di ottenere una patente di guida.

C’è un crescente consenso centrista tra i liberali e i conservatori più aggressivi sull’espansione del servizio selettivo. L’American Civil Liberties Union, ad esempio, si batte per il diritto delle donne alla leva militare e sostiene che il servizio selettivo è un esempio di palese discriminazione sessuale.

Ma l’uguaglianza al servizio di una più ampia privazione dei diritti non è una virtù, e la coscrizione resta un’istituzione immorale al suo interno.

“La coscrizione di qualsiasi tipo viola qualsiasi costituzione che pretenda di garantire le libertà individuali”, scrisse Fred Etcheverry su Reason nel 1972, quando la leva rimaneva una minaccia attiva per i giovani. “Altrimenti, cosa impedirà alla coscrizione di durare i dodici mesi temuti dal senatore Taft o i due anni che abbiamo adesso, i quattro anni del National Service Act Bill, o per sempre? Se la coscrizione è limitata a un’emergenza, allora chi decide cosa è un’emergenza? La disoccupazione al dieci per cento è un’emergenza sufficiente per giustificare la coscrizione?”

Il servizio nazionale obbligatorio di un tipo o dell’altro è una cattiva idea perenne tirata fuori da nazionalisti e tecnocrati preoccupati per “l’unità”, ma l’esercito americano composto da soli volontari non è una debolezza autoinflitta. È un segno di forza: la fiducia di un cittadino libero nel sapere quando combattere. Il Servizio Selettivo è una traccia di paura. Dovrebbe essere abolito, non reso più equo ed efficiente.

*CORREZIONE: una versione precedente di questa storia indicava erroneamente la fascia di età proposta per l’iscrizione automatica al servizio selettivo.

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.