PER GRETA&C. UN’AMNESIA CHIAMATA “CAPITALISMO” da IL FATTO e ASSOCIATED PRESS
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
12970
post-template-default,single,single-post,postid-12970,single-format-standard,cookies-not-set,stockholm-core-2.4.4,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-9.10,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-7.6,vc_responsive

PER GRETA&C. UN’AMNESIA CHIAMATA “CAPITALISMO” da IL FATTO e ASSOCIATED PRESS

Per Greta&C. un’amnesia chiamata “capitalismo”

ANGELO D’ORSI  16 LUGLIO 2023

“Il più peculiare e anche il più nocivo assetto sociale mai emerso nel corso della storia umana, che identifica il progresso con la competizione e la rivalità più aspre; lo status sociale con l’accumulazione rapace e illimitata di ricchezze; i valori della persona con la meschinità e l’egoismo”. La manifestazione di tre giorni fa a Strasburgo in occasione del voto del Parlamento Ue sulla difesa della natura mi ha indotto a sfogliare un testo di Murray Bookchin, Per una società ecologica (1989, ed. it., Elèuthera 2021). Non so se Greta Thunberg e i numerosi combattenti contro cambio climatico, riscaldamento globale, devastazione ambientale, lo conoscano, ma ne consiglierei loro vivamente la lettura. Sempre più ho l’impressione che in questi eco-warriors, i guerriglieri dell’ambiente, i partecipanti alle ormai rituali manifestazioni dei Friday for future, dimentichino che alle spalle di tutto c’è l’economia, o più esplicitamente, c’è il capitalismo, che da quattro-cinque decenni, ha assunto il volto feroce del turbo-capitalismo, una macchina spietata che macina profitti per i pochi e produce sofferenze per i molti.

A Strasburgo la giovane Greta era in prima fila, e ha ripetuto le sue invettive, ma accusare l’umanità di tendenza all’autodistruzione significa dire tutto senza dire nulla. Del resto Greta è riuscita nei giorni scorsi a portare e a notificare al mondo il suo sostegno a Zelensky, accusando la Russia di crimini ambientali, dimenticando le fondamentali responsabilità della leadership ucraina, a cominciare proprio dal presidente-comandante in capo che sta favorendo il massacro (incoraggiato, o tollerato, da Nato e Usa); massacro di persone, di strutture e dell’ambiente, magari preparando un “incidente nucleare”, di cui, come per la semidistruzione della diga, si attribuirà la colpa ai russi. Come Greta Thunberg ha ripetuto, impudicamente, nell’incontro con Zelensky. In altre parole, separare la lotta per l’ambiente da quella per una radicale sovversione degli assetti sociali, condannare le “fonti fossili” o il climate change rinunciando a vedere e denunciare le responsabilità politiche del turbo-capitalismo e della sua base teorica, il neoliberismo, rischia di non produrre né la salvezza della natura, né, meno che meno, quella dell’umanità.

Gli scienziati affermano che la nuova epoca segnata dall’impatto umano – l’Antropocene – è iniziata negli anni ’50

Cole Burston 11 luglio 2023 

Dal cambiamento climatico alla perdita di specie e all’inquinamento, gli esseri umani hanno inciso il loro impatto sulla Terra con tale forza e permanenza dalla metà del 20° secolo che un team speciale di scienziati afferma che una nuova era geologica è iniziata allora.

Chiamato Antropocene – e derivato dai termini greci per “umano” e “nuovo” – quest’epoca è iniziata tra il 1950 e il 1954, secondo gli scienziati. Mentre ci sono prove in tutto il mondo che catturano l’impatto della combustione di combustibili fossili, della detonazione di armi nucleari e dello scarico di fertilizzanti e plastica sulla terraferma e nei corsi d’acqua, gli scienziati stanno proponendo un piccolo ma profondo lago fuori Toronto, in Canada, il Crawford Lake, per collocare uno storico marcatore.

“È abbastanza chiaro che la portata del cambiamento si è intensificata in modo incredibile e questo deve essere un impatto umano”, ha affermato Colin Waters, geologo dell’Università di Leicester, che ha presieduto l’Anthropocene Working Group.

Ciò pone il potere degli umani in una classe in qualche modo simile a quella del meteorite che si schiantò sulla Terra 66 milioni di anni fa, uccidendo i dinosauri e dando inizio all’era cenozoica, o quella che è colloquialmente nota come l’era dei mammiferi. Ma non del tutto. Mentre quel meteorite ha dato inizio a un’era completamente nuova, il gruppo di lavoro propone che gli umani abbiano iniziato solo una nuova epoca, che è un periodo di tempo geologico molto più piccolo.Il gruppo mira a determinare una data di inizio specifica dell’Antropocene misurando i livelli di plutonio sul fondo del lago Crawford.

L’idea dell’Antropocene è stata proposta in una conferenza scientifica più di 20 anni fa dal defunto chimico vincitore del Premio Nobel Paul Crutzen. Da allora gruppi di scienziati hanno discusso la questione e alla fine hanno istituito il gruppo di lavoro per studiare se fosse necessario e, in tal caso, quando sarebbe iniziata l’epoca e dove sarebbe stata commemorata.

Il lago Crawford, che è profondo 79 piedi (29 metri) e largo 25.800 piedi quadrati (24.000 metri quadrati), è stato scelto tra altri 11 siti perché gli effetti annuali dell’attività umana sul suolo terrestre, sull’atmosfera e sulla biologia sono così chiaramente preservati nel suo strati di sedimenti. Ciò include tutto, dalle ricadute nucleari all’inquinamento che minaccia le specie fino alle temperature in costante aumento.

Ci sono segnali distinti e multipli a partire dal 1950 circa a Crawford Lake che mostrano che “gli effetti degli umani sopraffanno il sistema terrestre”, ha detto Francine McCarthy, un membro del comitato specializzato in quel sito come professore di scienze della Terra alla Brock University in Canada.

“Il record annuale di deposizione straordinariamente conservato nel lago Crawford è davvero sorprendente”, ha affermato Marcia McNutt, presidente dell’Accademia nazionale delle scienze degli Stati Uniti, che non faceva parte del comitato.

L’Antropocene mostra il potere – e l’arroganza – dell’umanità, hanno affermato diversi scienziati.”L’arroganza sta nell’immaginare di avere il controllo”, ha detto l’ex consigliere scientifico della Casa Bianca degli Stati Uniti John Holdren, che non faceva parte del gruppo di lavoro degli scienziati e non è d’accordo con la data di inizio proposta, desiderandone una molto prima. “La realtà è che il nostro potere di trasformare l’ambiente ha superato di gran lunga la nostra comprensione delle conseguenze e la nostra capacità di cambiare rotta”.

I geologi misurano il tempo in eoni, ere, periodi, epoche ed età. Il gruppo di lavoro scientifico propone che l’epoca dell’Antropocene abbia seguito l’epoca dell’Olocene, iniziata circa 11.700 anni fa alla fine di un’era glaciale.

Propongono anche che inizi una nuova era, chiamata Crawfordiana dal lago scelto come punto di partenza.

La proposta deve ancora essere approvata da tre diversi gruppi di geologi e potrebbe essere firmata in occasione di un’importante conferenza il prossimo anno.

Il motivo per cui i geologi non hanno dichiarato l’Antropocene l’inizio di una misurazione del tempo più grande e più importante, come un periodo, è perché l’attuale periodo quaternario, iniziato quasi 2,6 milioni di anni fa, si basa sul ghiaccio permanente sui poli terrestri, che esiste ancora. Ma tra qualche centinaio di anni, se il cambiamento climatico continua e quelli scompaiono, potrebbe essere il momento di cambiarlo, ha detto Waters.

“Se conosci le tue tragedie greche, sai che potere, arroganza e tragedia vanno di pari passo”, ha detto la storica della scienza di Harvard Naomi Oreskes, membro del gruppo di lavoro. “Se non affrontiamo gli aspetti dannosi delle attività umane, il cambiamento climatico più ovviamente dirompente, andiamo verso la tragedia”.

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.