JOE BIDEN HA LE MANI SPORCHE DI SANGUE UCRAINO da NEWSWEEK
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
14708
post-template-default,single,single-post,postid-14708,single-format-standard,stockholm-core-2.4,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-9.6,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-6.13.0,vc_responsive

JOE BIDEN HA LE MANI SPORCHE DI SANGUE UCRAINO da NEWSWEEK

Joe Biden ha le mani sporche di sangue ucraino. E continuerà a riversarsi nel 2024

Rebecca Koffler   26 dicembre 2023

presidente di Doctrine & Strategy Consulting, ex ufficiale dell’intelligence della DIA

Lo scontro tra il presidente Joe Biden e il Congresso sugli aiuti di emergenza all’Ucraina, senza i quali la maggior parte degli analisti prevede il collasso dell’Ucraina, non ha prodotto ulteriori miliardi per Kiev. Il Congresso ha rinviato la decisione fino a gennaio, al rientro dalle vacanze. Ma a prescindere da ciò che accadrà a gennaio, il destino dell’Ucraina è chiaro: più morte e distruzione, più spargimenti di sangue nel 2024.

Mentre il presidente russo Vladimir Putin è colui che ha lanciato l’invasione, Biden è ugualmente responsabile della cancellazione dell’Ucraina e dell’annientamento degli ucraini.

Biden in qualità di vicepresidente è stato il punto di riferimento dell’amministrazione Obama per la politica ucraina e l’architetto della strategia di “reset” della Russia per promuovere l’amicizia tra le due nazioni. Sfortunatamente, ha ignorato l’intelligence sulla minaccia rappresentata dalla Russia. In qualità di ex alto funzionario della Defense Intelligence Agency degli Stati Uniti e uno dei tre principali analisti sulla dottrina e sulla strategia russa nella comunità dell’intelligence, ho personalmente informato più volte lo staff di sicurezza nazionale della Casa Bianca del presidente Obama sui piani di Putin e sulla strategia di guerra della Russia.

Biden doveva essere stato informato di quei briefing data la sua posizione. Eppure, non solo non è riuscito a sviluppare una controstrategia per scoraggiare Putin, ma Biden e il suo team, molti dei quali sarebbero poi entrati a far parte della sua amministrazione presidenziale, hanno continuato la pericolosa strategia di spingere l’Ucraina verso l’ adesione alla NATO .

Pensare che Putin non riuscisse a far rispettare la sua versione della Dottrina Monroe e a permettere alla NATO di assorbire l’Ucraina, su cui la Russia ha fatto affidamento per secoli per la sua sicurezza, non era semplicemente da incompetente. Ciò equivaleva a firmare la condanna a morte dell’Ucraina. Nessun comandante militare sano di mente permetterebbe ad un’alleanza avversaria di situarsi lungo più di 1.600 miglia del suo confine. Nessun comandante in capo degli Stati Uniti permetterebbe alla Cina o alla Russia di stazionare le proprie forze in Messico o Canada. Pensare che Putin lo avrebbe fatto era delirante.

Sebbene Biden e la NATO – di cui ho informato anch’io nel 2013, nel periodo precedente l’invasione della Crimea da parte di Putin – abbiano avuto tutto il tempo per sviluppare un piano per cambiare il calcolo decisionale di Putin, non hanno fatto nulla. Vedete, era troppo complicato per i burocrati governativi. Per ideare un piano praticabile per battere Putin, il Team Biden ha dovuto prima comprendere la strategia anti-americana del Cremlino, o quello che io chiamo il Playbook di Putin.

Il fulcro della strategia russa in Ucraina ha meno a che fare con l’Ucraina che con gli Stati Uniti. E il presidente Biden lo ha capito. Sapeva bene che Putin avrebbe portato la guerra nella patria degli Stati Uniti e lanciato un attacco nucleare in Europa se Washington avesse fornito all’Ucraina armi strategiche in grado di distruggere la Russia, o se avessimo schierato forze sul teatro. Ecco perché Biden non ha mai autorizzato l’Ucraina a dotarsi di armi sufficienti per vincere, optando invece per segnali di virtù o, secondo le sue parole, semplicemente “facendo qualcosa”.

Biden ha capito fin dall’inizio che la vittoria dell’Ucraina era irraggiungibile senza mettere a rischio la patria degli Stati Uniti. Ha avvertito i suoi donatori che la minaccia di un Armageddon nucleare lanciata da Putin era reale. “[Putin] non scherza quando parla del potenziale uso di armi nucleari tattiche”, ha detto Biden ai suoi benefattori nell’ottobre dello scorso anno.

La strategia di Putin, sviluppata nel corso di 20 anni, ha cercato di sfruttare le vulnerabilità degli Stati Uniti, studiate dalla Russia per decenni, al fine di impedire a Washington di entrare in conflitto alla periferia della Russia. Mosca era determinata a ristabilire il perimetro di sicurezza strategica perso in seguito al crollo dell’URSS. Tali vulnerabilità includevano minacce come la guerra di blackout, utilizzando attacchi informatici, armi spaziali, attacchi a impulsi elettromagnetici (EMP), taglio di cavi Internet sottomarini e, se tutto il resto fallisce, lancio di armi nucleari.

Eliminare queste vulnerabilità o sviluppare contromisure richiederebbe una notevole potenza di fuoco intellettuale e finanziamenti significativi. Invece, Biden ha scelto di usare il popolo americano come mucca da mungere e gli ucraini come carne da gettare nel tritacarne di Putin. Per coprire i suoi fallimenti e allo stesso tempo prosciugare i contribuenti statunitensi, Washington ha utilizzato una narrativa propagandistica insistendo sul fatto che stava aiutando l’Ucraina a lottare per la sua democrazia. L’Ucraina, il paese più corrotto d’Europa, non è una democrazia più di quanto lo sia la Russia.

L’Ucraina viene ora spazzata via dalla Russia, che detiene un enorme vantaggio militare ed economico rispetto al suo ex vicino sovietico. La sua base industriale, le infrastrutture critiche e le fondamenta agricole vengono distrutte. L’Ucraina si sta spopolando, con un bilancio delle vittime che si avvicina a un quarto di milione di morti o feriti. Stiamo parlando di maschi giovani e fecondi. Eppure, Biden continua a cercare di convincere il Congresso a sborsare altri miliardi per il regime di Kiev, assicurando agli americani che la vittoria è proprio dietro l’angolo.

Se il Congresso non ferma Biden, il massacro degli ucraini continuerà fino al 2024 e oltre.

Rebekah Koffler è un’analista strategica dell’intelligence militare, ex alto funzionario della Defense Intelligence Agency (DIA) e autrice di ” Putin’s Playbook: il piano segreto della Russia per sconfiggere l’America “. È caporedattore di una newsletter via e-mail per pensatori indipendenti, CutToTheNews.com . Seguitela su Twitter @Rebekah0132.

Le opinioni espresse in questo articolo appartengono a chi scrive.

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.