IL GENOCIDIO DI GAZA DENUNCIA LA FRODE DELLE GUERRE UMANITARIE DELLA NATO GUIDATA DAGLI USA da CONTROINFORMAZIONE
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
15718
post-template-default,single,single-post,postid-15718,single-format-standard,stockholm-core-2.4,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-9.6.1,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-7.1,vc_responsive

IL GENOCIDIO DI GAZA DENUNCIA LA FRODE DELLE GUERRE UMANITARIE DELLA NATO GUIDATA DAGLI USA da CONTROINFORMAZIONE

IL GENOCIDIO DI GAZA DENUNCIA LA FRODE DELLE GUERRE UMANITARIE DELLA NATO GUIDATA DAGLI STATI UNITI

Finian Cunningham* 24/03/2024

Venticinque anni fa, gli Stati Uniti e l’alleanza militare NATO lanciarono una guerra illegale contro l’ex Jugoslavia.

Fu un evento spartiacque che portò a una serie di guerre della NATO guidate dagli Stati Uniti in tutto il mondo nel corso del quarto di secolo successivo fino ad oggi, il tutto sulla base di qualche nobile principio di “difesa” dei diritti umani o della democrazia.

Nell’ex Jugoslavia, la campagna di bombardamenti aerei durata 10 settimane, iniziata il 24 marzo 1999, causò centinaia di morti civili e distrusse le infrastrutture di quello che allora era un paese socialista ben sviluppato.

La logica dell’intervento militare è stata dichiarata “umanitaria”, presumibilmente per proteggere i civili in una guerra civile.

L’avvocato e scrittore internazionale Dan Kovalik afferma che il pretesto “umanitario” per il bombardamento della NATO sulla Jugoslavia era una farsa.

Il vero obiettivo, dice, era che gli Stati Uniti e i loro partner imperialisti occidentali creassero un precedente per la violazione sistematica del diritto internazionale.

Kovalik è l’autore del libro “Mai più guerre: come l’Occidente viola il diritto internazionale utilizzando l’intervento umanitario per promuovere interessi economici e strategici”.

Il bombardamento della NATO sull’ex Jugoslavia non aveva l’autorizzazione legale del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Si è trattato di un’azione unilaterale definita più accuratamente come un’aggressione illegale – un crimine di guerra.

Kovalik nota che il periodo storico è stato cruciale. Durante gli anni ’90, gli Stati Uniti stavano riconfigurando il proprio potere imperiale nell’era successiva alla Guerra Fredda (1945-90). Con la caduta dell’Unione Sovietica nel 1991, Washington venne proclamata unica superpotenza. Dice che gli Stati Uniti volevano affermare la loro prerogativa nel mondo post-Guerra Fredda di utilizzare la propria potenza militare e quella dei suoi partner NATO ovunque e ogni volta che fosse necessario allo scopo di portare avanti i propri interessi strategici.

L’aggressione guidata dagli Stati Uniti contro la Jugoslavia fu quindi l’apertura verso un nuovo ordine mondiale in cui la potenza militare americana e della NATO poteva essere utilizzata a piacimento in totale spregio del diritto internazionale e della Carta delle Nazioni Unite che era stata redatta nel 1945 per prevenire questo tipo di aggressione. aggressione che la Germania nazista aveva intrapreso.

In breve, è stata una reinvenzione dell’imperialismo vestito con un mantello di virtù.

Dopo la Jugoslavia, balcanizzata a seguito dell’aggressione della NATO, gli Stati Uniti e i loro partner militari si sono imbarcati in un’orgia di guerre illegali e interventi segreti durata 25 anni. Afghanistan, Iraq, Somalia, Libia, Siria e altri luoghi del Medio Oriente e dell’Africa. Guerre infinite che costano trilioni di dollari al pubblico occidentale e fomentano una serie di problemi socio-economici, dall’immigrazione di massa alla povertà di massa – tutte queste guerre sono state intraprese dai successivi presidenti degli Stati Uniti, tra cui il democratico in carica Joe Biden e il suo rivale repubblicano Donald Trump.

L’attuale guerra in Ucraina – la più grande dalla Seconda Guerra Mondiale – può essere attribuita all’incessante espansione della NATO verso i confini della Russia negli ultimi 25 anni. Washington e i suoi partner occidentali affermano di difendere la democrazia, i diritti umani e il diritto internazionale in Ucraina dalla presunta aggressione russa. Questa narrazione occidentale ignora la realtà che gli Stati Uniti e i loro partner NATO hanno militarizzato un regime neonazista in Ucraina per almeno otto anni prima che l’attuale conflitto scoppiasse il 24 febbraio 2022.

Daniel Kovalik conclude con un argomento devastante: se gli Stati Uniti e i loro alleati della NATO sono così preoccupati per i principi umanitari e la democrazia, allora perché non intervengono per fermare il genocidio a Gaza contro i palestinesi? Oltre 30.000 persone – soprattutto donne e bambini – sono state uccise dall’offensiva militare israeliana. Lungi dall’intervenire per proteggere i civili dai massacri e dalla fame israeliani, gli Stati Uniti e i suoi partner della NATO sono pienamente complici nel sostenere i crimini di guerra israeliani – militarmente, politicamente e diplomaticamente.

L’“intervento umanitario” occidentale, così prontamente intrapreso altrove, viene smascherato come una grottesca frode volta a coprire i crimini imperialisti statunitensi.

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.