COMPRENDERE IL PRESENTE, PREVEDERE IL FUTURO da 18BRUMAIOBLOG
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
13086
post-template-default,single,single-post,postid-13086,single-format-standard,cookies-not-set,stockholm-core-2.4.4,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-9.10,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-7.6,vc_responsive

COMPRENDERE IL PRESENTE, PREVEDERE IL FUTURO da 18BRUMAIOBLOG

Comprendere il presente, prevedere il futuro

 Olympe de Gouges  22 luglio 2023

Nonostante la complessità del loro design, i semiconduttori sono, in un certo senso, piuttosto semplici: minuscoli pezzi di silicio scolpiti con matrici di circuiti. I circuiti si accendono e si spengono in base all’attività di interruttori chiamati transistor. I primi chip, inventati alla fine degli anni 1950, contenevano solo una manciata di transistor. Oggi il semiconduttore primario in un nuovo smartphone ha tra i 10 ei 20 miliardi di transistor, ciascuno delle dimensioni di un virus, “fotografato” come in una torta a strati nella struttura del silicio.

Il tasso di progresso negli ultimi sei decenni è stato notoriamente descritto dalla legge di Moore, che ha osservato che il numero di transistor che possono essere inseriti in un chip è quasi raddoppiato ogni due anni. Per dare un’idea concreta della velocità in cui sono stati sviluppati i chip, basti notare che se gli aeroplani fossero migliorati alla stessa velocità dei chips, ora volerebbero a una velocità parecchie volte superiore a quella della luce. Nessuna tecnologia nella storia della civiltà umana ha mai eguagliato la velocità di sviluppo della potenza di calcolo di questi strumenti.

Gli impianti di produzione di semiconduttori, noti con l’acronimo fab, sono le fabbriche a più elevato investimento del mondo (3-4 miliardi), dove avviene la produzione più complessa e in una scala mai raggiunta prima con nessun altro dispositivo. La più ampia industria dei chips è una rete di interdipendenza reciproca, diffusa in tutto il pianeta in regioni e aziende altamente specializzate, che si avvalgono di catene di approvvigionamento di lunghezza e complessità eccezionali. In buona sostanza questo sistema di connessioni rappresenta un manifesto della globalizzazione (*).

Pertanto, non è difficile comprendere la fondamentale importanza strategica assunta da questi chips e la guerra che si è scatenata per il controllo sulla loro progettazione, produzione e commercializzazione.

«Lo scorso ottobre, il Bureau of Industry and Security degli Stati Uniti (B.I.S.) ha pubblicato un documento che, sotto le sue 139 pagine di denso gergo burocratico e minuti dettagli tecnici, equivaleva a una dichiarazione di guerra economica alla Cina».

Queste parole si possono leggere in un articolo del New York Times a firma Alex W. Palmer pubblicato il 12 luglio scorso.

Il documento, scrive Palmer, proviene da uno dei 13 uffici all’interno del Dipartimento del Commercio, il B.I.S. per l’appunto, che «impiega circa 350 agenti e funzionari, che monitorano collettivamente transazioni per un valore di migliaia di miliardi di dollari che si svolgono in tutto il mondo».

«Durante il culmine della Guerra Fredda, quando i controlli sulle esportazioni verso il blocco sovietico erano più severi, il B.I.S. era un hub critico nelle difese occidentali, elaborava fino a 100.000 licenze di esportazione all’anno. […] Oggi il numero è di 40.000 e sta salendo. Con una lista nera tentacolare conosciuta come l’elenco delle entità (attualmente 662 pagine e oltre), numerosi accordi multilaterali preesistenti sul controllo delle esportazioni e azioni in corso contro Russia e Cina, B.I.S. è più impegnato che mai.»

Con i controlli sulle esportazioni decisi il 7 ottobre 2022, il governo degli Stati Uniti ha annunciato la sua intenzione di paralizzare la capacità della Cina di produrre, o addirittura acquistare, i chip di fascia più alta. La logica della misura è semplice: chips avanzati, supercomputer e A.I. sono sistemi che alimentano e consentono la produzione di nuove armi e apparati di sorveglianza.

Pertanto, la giustificazione ufficiale per i controlli sulle esportazioni è che mirano a frenare lo sviluppo militare cinese. Durante la sua recente visita in Cina, il segretario al Tesoro Janet Yellen ha affermato che erano mirati in modo ristretto e non mirati all’economia in generale. Il che è palesemente falso.

Palmer ci rivela che «Nella loro portata e significato le misure difficilmente avrebbero potuto essere più radicali, mirando a un obiettivo molto più ampio dello stato di sicurezza cinese. […] Anche se forniti sotto forma di regole di esportazione aggiornate, i controlli del 7 ottobre cercano essenzialmente di sradicare l’intero ecosistema cinese di tecnologia avanzata. “La nuova politica incarnata il 7 ottobre è: non solo non permetteremo alla Cina di progredire ulteriormente tecnologicamente, ma invertiremo attivamente il loro attuale stato dell’arte”, afferma Allen. CJ Muse, analista senior di semiconduttori presso Evercore ISI, il quale la mette così: “Se mi avessi parlato di queste regole cinque anni fa, ti avrei detto che è un atto di guerra: siamo in guerra”.»

La portata di questa guerra tecnologica è chiarita da Palmer in modo esplicito: «Se i controlli avranno successo, potrebbero ostacolare la Cina per una generazione; se falliscono, potrebbero ritorcersi contro in modo spettacolare, accelerando proprio il futuro che gli Stati Uniti stanno cercando disperatamente di evitare. Il risultato probabilmente plasmerà la concorrenza USA-Cina e il futuro dell’ordine globale per i decenni a venire.»

Ovvio che gli Usa avvertano la concorrenza cinese come una minaccia al loro dominio. Scrive ancora Palmer: «[…] l’amministrazione Biden mira a bloccare la Cina dal futuro della tecnologia dei chip. Gli effetti andranno ben oltre il taglio dei progressi militari cinesi, minacciando anche la crescita economica e la leadership scientifica del Paese».

È uno scontro gigantesco di cui noi non siamo solo spettatori e tifosi per l’una o l’altra parte; un gioco, non solo commerciale, in cui siamo alleati di uno dei contendenti, ma non decidiamo niente. Tutto ciò avviene mentre disputiamo di concessioni balneari, licenze dei taxi, made in Italy e sceneggiate vergognose sui salari minimi.

(*) Solo una piccola manciata di aziende può competere a livelli d’avanguardia, dove le scoperte costano miliardi e decenni di ricerca. Il risultato è un settore strutturato come una serie di punti di strozzatura. L’esempio più noto è la macchina per la litografia a ultravioletti estremi (EUV) prodotta da ASML, un conglomerato manifatturiero olandese, che viene utilizzata per stampare gli strati di un chip.

La versione più recente della macchina può creare strutture fino a 10 nanometri; un globulo rosso umano, in confronto, ha un diametro di circa 7.000 nanometri. Utilizza un laser per creare un plasma 40 volte più caldo della superficie del sole, che emette luce ultravioletta estrema, invisibile all’occhio umano, che viene rifratta su un chip di silicio da una serie di specchi. Il laser proviene da un’azienda tedesca ed è costituito da 457.329 pezzi; un intero EUV ha più di 100.000 componenti di complessità simile. Un EUV è solo una parte del processo: una fabbrica all’avanguardia può includere più di 500 macchine e 1.000 passaggi.

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.