NELLA COSTITUZIONE LE VITTIME DEI DISASTRI da IL MANIFESTO
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
9805
post-template-default,single,single-post,postid-9805,single-format-standard,stockholm-core-2.3.2,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-9.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-6.7.0,vc_responsive

NELLA COSTITUZIONE LE VITTIME DEI DISASTRI da IL MANIFESTO

Nella Costituzione le vittime dei disastri

DIRITTI. Le vittime dei disastri ambientali e dei morti sul lavoro chiedono che i propri diritti e quelli della natura siano riconosciuti dalla carta costituzionale. Una idea di «Noi 9 ottobre»

Daniela Passeri  20/10/2022

Le vittime dei disastri ambientali, dell’inquinamento da amianto, da Pfas, da Cvm, delle stragi industriali, delle morti sul lavoro e del profitto a tutti i costi, chiedono che i propri diritti e i diritti della natura vengano riconosciuti nella Costituzione. La proposta viene dal coordinamento Noi 9 ottobre – è la data della strage della diga del Vajont del 1963, allora le vittime furono oltre 2000 – ed è stata formulata proprio a Longarone, durante gli Stati generali dei diritti delle vittime, organizzati alla vigilia della Notte Bianca della memoria del Vajont, con la partecipazione di giuristi, magistrati e avvocati.

DEL COORDINAMENTO fanno parte i comitati di vittime di tanti stragi che hanno segnato la storia italiana degli ultimi decenni: dal Vajont alla Val di Stava, dalle vittime dell’asbestosi per esposizione all’amianto che causa tuttora 1500 morti all’anno, fino alle stragi causate da mancanza di manutenzione o osservanza delle norme di sicurezza e anti-sismiche (ponte Morandi, stragi di Viareggio, Casalecchio di Reno, Cavalese, Thyssen-Krupp, torre dei piloti di Genova, terremoti, ecc., l’elenco non è purtroppo esaustivo), fino alla strage del Covid.

A TENERE INSIEME REALTA’ TANTO DIVERSE, pur accomunate dallo stesso dolore e dal bisogno di verità, è il lavoro della giornalista Lucia Vastano che da vent’anni si è messa al servizio di queste comunità ferite per raccontarne le storie (sta per uscire il suo ultimo libro Papaveri rossi. Noi vittime del profitto, ed. La Vela) e soprattutto «per fare rete tra le associazioni di vittime che non possono condurre le loro battaglie da sole, per coinvolgere la classe politica, per recuperare la parte dormiente della società civile, per cambiare linguaggio perché non si dica più che queste stragi sono stati incidenti o calamità, e per ottenere, insieme alla verità, più prevenzione in futuro», dice la Vastano.

PERCHE’ E’ FONDAMENTALE INSERIRE i diritti delle vittime nella Costituzione lo ha spiegato l’ex-magistrato ed ex-senatore Felice Casson: «Nel codice di procedura penale non c’è un vero riconoscimento del ruolo della vittima nel processo dove le parti sono solo il pubblico ministero e la difesa. Questo ha comportato un effetto negativo sulla cultura della magistratura. Certo, l’inserimento in Costituzione di per sé non basta, perché servirà anche una volontà culturale ed etica per accogliere la parte offesa, ma almeno costringerebbe a dare un’interpretazione costituzionalmente rilevante della norma. Sarebbe inoltre un messaggio politico importante perché, dopo tante lacrime di coccodrillo, di fronte ad eventi così gravi, si muova davvero qualcosa e non ci siano magistrati portati a pensare: ma chi me lo fa fare?».

LA RIFORMA COSTITUZIONALE dello scorso febbraio ha inserito un riferimento alla tutela dell’ambiente nell’articolo 9, mentre l’articolo 41 ora sancisce che l’iniziativa economica privata non può svolgersi in modo da recare danno all’ambiente e alla salute, «un riferimento etico-filosofico importante – ha sottolineato Casson – ma il riconoscimento delle vittime non c’è».

QUELLO CHE SUCCEDE E’ CHE LE VITTIME non sono tutte uguali, né sotto il profilo degli indennizzi né dal punto di vista della protezione penale. Secondo Marco Bouchard, ex magistrato e presidente della rete Dafne per l’assistenza alle vittime di reato, «nei confronti delle vittime ci vorrebbe un’attenzione universale, mentre oggi ci sono grandi differenze: le vittime di reato sono state classificate e qualche volta protette in base alle emergenze che si sono rappresentate nella storia italiana. Oggi si fa giustamente grande attenzione alle violenze sessuali, domestiche, gli uomini maltrattanti sono oggetto di misure di prevenzione, mentre per le vittime del lavoro o della mancata protezione dell’ambiente c’è tutto un altro atteggiamento».

A QUESTO PROPOSITO, TRA LE RICHIESTE del coordinamento Noi 9 ottobre c’è anche l’istituzione di un Dipartimento presso la Presidenza del Consiglio per il coordinamento delle diverse competenze sui diritti sociali delle vittime di reato, oggi ripartite tra diversi organi dello Stato (Presidenza del Consiglio, ministeri di Giustizia, Interno, Salute e Regioni), che comunicano poco tra loro e determinano disparità e discriminazioni inaccettabili anche nella ripartizione dei fondi.

QUANTO AI DIRITTI DELLA NATURA, denuncia il coordinamento, «la sua tutela viene interpretata come salvaguardia di interessi personali e non come difesa della vita, ed è presa in considerazione solo per il risarcimento danni e non come violazione dei diritti della natura stessa causati da disboscamento, inquinamento, cementificazione e quant’altro».

A MINARE I GIA’ SCARSI DIRITTI delle vittime si è aggiunta la Riforma Cartabia, che ha introdotto l’istituto dell’improcedibilità se, dopo la sentenza di primo grado, non si arriva entro due anni all’Appello e un anno in Cassazione. «Questo è uno degli aspetti più gravi per le vittime – ha puntualizzato Luca Masera, professore di Diritto penale a Brescia – non solo perché lo Stato dimostra di non avere interesse a perseguire il colpevole, ma anche perché, se si arriva all’improcedibilità del processo penale, cessa anche l’azione civile ed è necessario ricominciare tutto da capo per ottenere un risarcimento in sede civile». Per processi particolarmente complessi c’è la possibilità di ottenere delle proroghe «ma la valutazione diventa troppo discrezionale, e il rischio di impunità è reale», commenta Bouchard.

SE LE PERSONE OFFESE DA REATO hanno soprattutto bisogno di giustizia e verità dei fatti, per come sono riconosciute oggi possono solo richiedere un risarcimento danni costituendosi parte civile, con tutto quello che comporta imbarcarsi in un iter processuale che può durare un decennio in termini di spese processuali, di impegno personale e stress emotivo. Per questo, tra le richieste c’è anche il riconoscimento di un diritto autonomo alla prova, a richiedere l’incidente probatorio e all’impugnazione senza doversi necessariamente costituire parte civile.

LE ASSOCIAZIONI DELLE VITTIME denunciano di sentirsi abbandonate dallo Stato anche perché in Italia mancano completamente servizi pubblici e specialistici di assistenza loro dedicati, come il diritto all’informazione, al sostegno emotivo, alla protezione, come prescritti dalla Direttiva europea 2012/29. L’unica realtà esistente è la rete Dafne, nata nel 2008 a Torino e poi sviluppatasi a macchia di leopardo e sostenuta perlopiù dal volontariato, essenzialmente grazie al supporto di alcune fondazioni, ma che non è in grado di offrire un servizio universale. Solo dal 2020 la legge di bilancio ha stanziato fondi per alcuni servizi di assistenza, ma molto ridotti.

«LA QUESTIONE CHE PONGONO LE VITTIME è anche democratica – spiega Bouchard – Le vittime vengono spesso strumentalizzate dalle parti del processo per ottenere pene più elevate o per ridurre le garanzie, mentre quello di cui hanno bisogno è attenzione e assistenza, che non trovano se non privatamente. Diversa è la situazione in altri paesi europei, molto più evoluti sotto questo aspetto, soprattutto la Francia dove questi servizi pubblici sono attivi da 30 anni. Mi ha molto colpito la vicenda della strage del Bataclan di Parigi, per come sono state condotte le indagini e il processo. Le oltre 3 mila vittime sono state seguite fin dai primi istanti dopo la tragedia con attenzioni che noi in Italia non riusciamo nemmeno ad immaginare. E alla fine quasi tutte le associazioni delle vittime si sono dette soddisfatte. Io penso che questo tipo di servizi siano fondamentali per uno Stato che si affaccia alla modernità e che si rende conto che le vittime non sono solo strumenti per accertare la verità dei fatti, ma persone in carne ed ossa».

I big della finanza al Parlamento Gb: “Nessuna intenzione di smettere di finanziare petrolio, gas e carbone”

Le affermazioni sono contenute tra le risposte ad una serie di domande inviate dai legislatori britannici incaricati di capire come il paese può soddisfare i propri impegni di riduzione delle emissioni di Co2. Blackrock, il cui amministratore delegato Fink ha ripetutamente sbandierato la “svolta verde”, scrive di non condividere le preoccupazioni dell’Agenzia internazionale dell’energia. Sulla stessa linea Vanguard, Morgan Stanley, Hsbc e Barclays

 Mauro Del Corno | 19 OTTOBRE 2022

Alcune delle più grandi società finanziarie del mondo, tra cui le statunitensi BlackRock Inc. e Vanguard Group Inc., hanno dichiarato al Regno Unito di non avere intenzione di interrompere il finanziamento allo sviluppo della produzione di combustibili fossili. Le affermazioni sono contenute tra le risposte ad una serie di domande inviate dai legislatori britannici incaricati di capire come il paese può soddisfare i propri impegni di riduzione delle emissioni di Co2. L’inchiesta è condotta dalla Commissione per il controllo ambientale della Camera dei Comuni. La Gran Bretagna, che è stata citata in giudizio da un gruppo di attivisti per l’ambiente, all’inizio di quest’anno dopo aver presentato un piano poco chiaro per la riduzione dei gas nocivi, ha chiesto alle aziende di spiegare come stanno recependo le indicazioni per ridurre gradualmente e, infine, fermare il finanziamento di nuovi fossili.

LEGGI ANCHE

Blackrock, la svolta verde è solo a parole. Scendono ancora i voti del colosso a favore di risoluzioni societarie pro-ambiente

Secondo quanto riporta l’agenzia Bloomberg, le risposte ricevute dal Comitato, sono state inviate da più di 30 delle più grandi banche e gestori di investimenti del mondo. BlackRock ha sottolineato di essere “obbligato ad agire sempre nel migliore interesse finanziario dei nostri clienti”. Durante il forum di Davos del 202o, dove era arrivato con jet privato, l’amministratore Larry Fink aveva ampiamente reclamizzato la “svolta verde” di quello che è il più grande gruppo di gestioni del risparmio al mondo. Nelle risposte per le autorità britanniche Blackrock ha anche affermato che il suo approccio generale alla transizione energetica non include politiche di esclusione dei combustibili fossili e che non condivide lo scenario prospettato dall’Agenzia internazionale per l’energia, secondo cui i nuovi investimenti nelle fonti fossili dovrebbero azzerarsi da subito per avere una qualche speranza di soddisfare gli obiettivi fissati negli accordi di Parigi (aumento massimo di 1,5 gradi della temperatura globale media rispetto al periodo preindustriale).

L’obiettivo di BlackRock “non è quello di progettare un risultato specifico di decarbonizzazione“, si legge nella risposta. E, come altre aziende intervistate, BlackRock ha affermato che è compito dei governi fissare obiettivi per gli attori del settore privato. Il gestore patrimoniale ha anche affermato che prevede di rimanere un investitore a lungo termine in settori ad alta intensità di carbonio “per conto dei nostri clienti”. Vanguard ha fornito risposte simili, affermando che “non detta la strategia e le operazioni nelle società di cui possiede partecipazioni e quindi non ha una visione aziendale dello scenario prospettato dall’Agenzia internazionale dell’energia.Le opinioni di BlackRock e Vanguard esemplificano la linea di tutte le istituzioni interpellate. La Royal Bank of Canada ha ad esempio osservato che “i piani globali di decarbonizzazione e transizione energetica sono in continuo mutamento poiché vengono gestite le preoccupazioni relative al costo dell’energia, all’inflazione e alla sicurezza energetica”. Morgan Stanley ha affermato che “continuerà a supportare le società energetiche nel loro lavoro per decarbonizzare l’economia globale a un ritmo che bilancia le preoccupazioni climatiche insieme alla sicurezza energetica e ad altri fattori”. La britannica Barclays ha affermato che pensa che “può fare la differenza più grande supportando i nostri clienti nella transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio, piuttosto che eliminando gradualmente il supporto per l’industria di carbone, petrolio e gas”. Hsbc ha scritto di “riconoscere l’importanza della sicurezza energetica e di una giusta transizione dai combustibili fossili” e che “l’attenzione deve essere rivolta all’urgente eliminazione graduale dell’attuale energia a carbone”. Tuttavia, “sebbene le alternative rinnovabili stiano diventando sempre più economiche ed efficienti, la chiusura delle centrali a carbone non è al momento un’opzione“. L’iniziativa del Regno Unito per raccogliere risposte arriva a meno di un mese dal vertice Cop27 sul clima che si terrà in Egitto.

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.