MAGGIORI RISORSE PER TUTTI I PROFUGHI da IL MANIFESTO
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
7883
post-template-default,single,single-post,postid-7883,single-format-standard,stockholm-core-2.3.2,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-9.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-6.7.0,vc_responsive

MAGGIORI RISORSE PER TUTTI I PROFUGHI da IL MANIFESTO

Oxfam ai donatori: “Non sacrificate le risorse per l’aiuto internazionale, l’emergenza Ucraina ha bisogno di risorse aggiuntive”

* * *  23.03.2022

Le ripercussioni globali della crisi ucraina, che già cominciano a farsi sentire ovunque con il rapido aumento dei prezzi di cibo, materie prime ed energia, potrebbero seriamente minare gli sforzi dell’aiuto internazionale in regioni e paesi del mondo colpiti da gravi emergenze umanitarie.

“Ci preoccupa il fatto che molti governi donatori, invece di prevedere risorse aggiuntive, stiano attingendo ai budget dell’Aiuto pubblico allo sviluppo (APS) per rispondere nei propri territori all’emergenza dei rifugiati ucraini, arrivati già a oltre 3 milioni in questi giorni – ha detto Francesco Petrelli, esperto di finanza per lo sviluppo di Oxfam Italia – Non si può scegliere tra le donne e i bambini ucraini in fuga dalla guerra o quelli della Somalia o dello Yemen che soffrono la fame. Per questo sulla crisi ucraina sono necessarie risorse aggiuntive. L’Italia nei giorni scorsi ha stanziato 110 milioni all’Ucraina attraverso la modalità del sostegno diretto al bilancio del governo ucraino. Si tratta di risorse stanziate per l’APS che chiediamo siano reintegrate.”

In Europa vari governi come Spagna, Paesi Bassi e Francia hanno stanziato nuovi fondi per le emergenze prodotte dall’eccezionale massa di profughi che fuggono dall’Ucraina. Ci auguriamo presto la conferma ufficiale che si tratti di fondi aggiuntivi, rispetto alle linee di bilancio del loro aiuto pubblico per lo sviluppo e le emergenze umanitarie.

Dimezzati gli aiuti per Timor Est, alto il rischio di tagli verso i paesi dell’Africa occidentale

Mentre l’Unione europea – e già questa purtroppo è una certezza – ha più che dimezzato i finanziamenti umanitari a Timor Est, e alcuni donatori hanno avvertito che ridurranno del 70% l’APS per il Burkina Faso, un destino che potrebbe riguardare altri paesi dell’Africa occidentale.

In queste prime settimane di conflitto abbiamo assistito a vari tipi di risposta: alcuni paesi stanno utilizzando risorse stanziate per l’aiuto allo sviluppo e le emergenze umanitarie, definendo diverse priorità come i paesi nordici, Danimarca, Norvegia e in parte la Svezia. Altri stanno ridefinendo modalità nell’uso delle risorse come la Gran Bretagna, cofinanziando con 25 milioni di sterline le famiglie inglesi che ospiteranno i profughi ucraini.

Infine paesi come la Germania che, in attesa di ulteriori sviluppi della crisi, non hanno ancora preso decisioni.

Già nel 2015, con la crisi dei profughi del milione di rifugiati siriani, l’Europa aveva risposto utilizzando all’interno del proprio territorio in media l’11% (15,4 miliardi di dollari) delle risorse destinate alla cooperazione internazionale, producendo così il fenomeno della cosiddetta “distorsione dell’aiuto”.

I fondi per lo sviluppo non restino dentro i confini nazionali

“Dobbiamo evitare questa volta che i paesi donatori spendano dentro i confini nazionali, il loro budget per l’aiuto allo sviluppo – ha aggiunto Petrelli – Basti pensare che al momento l’appello di 6 miliardi delle Nazioni Unite per intervenire in Etiopia, Kenya, Somalia e Sud Sudan, colpiti da gravissima insicurezza alimentare, è finanziato solo al 3%. Yemen, Siria, i paesi dell’Africa orientale e occidentale, i milioni di persone colpiti duramente da cambiamenti climatici e Covid non possono essere abbandonati.”

Di fronte ai 3,5 milioni di profughi ucraini l’Ue ha dimostrato di essere coerente con i suoi valori e i suoi principi. È essenziale che lo sia sempre, anche con i rifugiati di tutte le guerre e che agisca in modo coordinato, costituendo un fondo extra budget europeo comune per gestire la crisi attraverso un impegno realmente collettivo.

L’appello al Governo italiano

“Ribadiamo quindi la richiesta al nostro governo che l’Italia, come altri donatori europei stanno facendo, dimostri generosità e lungimiranza e non sottragga risorse già stanziate per la cooperazione o le crisi umanitarie. – conclude Petrelli – In particolare chiediamo che i 110 milioni stanziati al governo ucraino attraverso l’Agenzia della Cooperazione siano reintegrati per le finalità proprie della cooperazione internazionale. Vorremmo che le dichiarazioni fatte dalla Vice Ministra con delega alla cooperazione Sereni, trovino al più presto un riscontro concreto.”

110 milioni di euro stanziati per i profughi ucraini e sottratti a quelli africani

Il caso. Oxfam Italia: “Servono risorse aggiuntive, reintegrare i fondi investiti”Mario Pierro  23.03.2022

Il governo non può sottrarre 110 milioni di euro già stanziati per la cooperazione e per le crisi umanitarie e usarli per l’emergenza umanitaria creata dalla guerra russa contro l’Ucraina. Oxfam Italia chiede di stanziare fondi aggiuntivi e reintegrare quelli appena investiti. «Non si può scegliere tra le donne e i bambini ucraini in fuga dalla guerra o quelli della Somalia o dello Yemen che soffrono la fame» sostiene Francesco Petrelli (Oxfam).

«Dobbiamo evitare questa volta che i paesi donatori spendano dentro i confini nazionali, il loro budget per l’aiuto allo sviluppo – ha aggiunto Petrelli – Basti pensare che al momento l’appello di sei miliardi delle Nazioni Unite per intervenire in Etiopia, Kenya, Somalia e Sud Sudan, colpiti da gravissima insicurezza alimentare, è finanziato solo al 3%. Yemen, Siria, i paesi dell’Africa orientale e occidentale, i milioni di persone colpiti duramente da cambiamenti climatici e Covid non possono essere abbandonati».
A livello di Unione europea i fondi per l’aiuto pubblico allo sviluppo sono stati più che dimezzati negli ultimi tempi. I paesi più colpiti sono stati, ad esempio, Timor Est. In prospettiva gli aiuti al Burkina Faso diminuiranno fino al 70%. E un destino molto simile potrebbe interessare altri paesi dell’Africa occidentale.

Nelle prime settimane della guerra i paesi europei hanno risposto in maniera non uniforme: alcuni hanno usato le risorse stanziate per l’aiuto allo sviluppo e le emergenze umanitarie: Danimarca, Norvegia e in parte la Svezia. Così anche i governi di Spagna, Paesi Bassi e Francia. Altri stanno ridefinendo l’uso delle risorse come la Gran Bretagna che ha stanziato 25 milioni di sterline alle famiglie inglesi che ospiteranno i profughi ucraini. La Germania non ha ancora preso decisioni. L’Italia ha preferito fare un pasticcio.
Ieri, nel corso della presentazione del rapporto sulla politica estera all’Istituto Affari Internazionali, la viceministra degli Esteri Marina Sereni ha detto che «l’Italia sarà chiamata anche ad aumentare le risorse finalizzate a rafforzare la nostra presenza e il nostro ruolo internazionale. Non solo sul terreno della difesa ma anche su quelli – altrettanto essenziali – della diplomazia e della cooperazione allo sviluppo». «Vorremmo che le dichiarazioni fatte dalla viceministra Sereni, trovino al più presto un riscontro concreto» ha commentato Oxfam.

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.