” LA RESILIENZA NON È ECONOMIA DI GUERRA” da IL MANIFESTO
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
12397
post-template-default,single,single-post,postid-12397,single-format-standard,cookies-not-set,stockholm-core-2.4.4,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-9.10,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-7.6,vc_responsive

” LA RESILIENZA NON È ECONOMIA DI GUERRA” da IL MANIFESTO

La resilienza non è economia di guerra

DISARMO. Appello per un uso di pace dei fondi del Recovery Plan

***    27/05/2023

al Parlamento Europeo
al Consiglio dell’Unione
al Parlamento italiano

Negli ultimi anni si è rafforzato un processo di militarizzazione dell’Unione europea, con scelte che hanno portato all’istituzione di un Fondo europeo per la Difesa e di uno Strumento “per la Pace” che in realtà è funzionale all’invio di armamenti e alla cooperazione di natura militare, senza un coinvolgimento del Parlamento e dei cittadini europei su una questione tanto delicata e che tocca le fondamenta dello stesso Trattato di Lisbona.

Per la prima volta dalla sua fondazione come percorso di pace, l’UE ha destinato miliardi di euro – mascherati da linee di finanziamento industriali e con meccanismi decisionali e di controllo opachi fin dai progetti preparatori – al sostegno dell’industria militare, senza un dibattito serio sulla propria politica estera e di difesa. E con il rischio, in parte già concretizzato, sia di distogliere risorse a interventi di natura sociale e cooperativa più utili sia di alimentare una pericolosa corsa agli armamenti.

La recente proposta della Commissione europea di permettere agli Stati membri di utilizzare il Fondo di coesione UE e il PNRR per sostenere le imprese della difesa nella produzione di munizioni e missili destinati all’Ucraina mostra la volontà di trasformare la tragedia della guerra in Europa in occasione di profitto per le multinazionali delle armi e, al tempo stesso – con una base giuridica più che dubbia – propone di rimettere in discussione il senso originario del Recovery fund, concepito specificamente per tre principali azioni: la transizione verde, la transizione digitale e la resilienza dopo la pandemia.

L’Act to Support Ammunition Production (ASAP), nelle parole del commissario europeo Thierry Breton, è un piano «mirato a sostenere direttamente, con i fondi UE, lo sviluppo dell’industria della difesa, per l’Ucraina e per la nostra sicurezza», da velocizzare al punto da chiedere deroghe perché le fabbriche di armi e munizioni possano funzionare giorno e notte, sette giorni su sette, entrando in «modalità economia di guerra».

Questa nuova misura – non diversamente da quella già all’esame del Parlamento europeo, relativa agli acquisti coordinati per la difesa – è strumentale alla realizzazione di strategie in materia di difesa, elaborate senza la partecipazione del Parlamento europeo e con un intervento quanto meno dubbio dei Parlamenti nazionali. Anche dopo Lisbona, i Trattati riservano alle politiche di difesa un regime speciale che esclude il ruolo decisionale del Parlamento europeo, impedisce il ricorso a strumenti legislativi, non garantisce un pieno rispetto dei diritti fondamentali e limita il ruolo della Corte di Giustizia.

Il testo viene presentato come una proposta di politica industriale e mercato interno, mentre persegue di fatto obiettivi collegati alla sicurezza dell’UE, per la quale il Trattato non ammette l’adozione di misure legislative. Davanti alla sfida rappresentata dalla guerra in Ucraina, la risposta del Parlamento europeo e della Commissione deve tener conto dei rischi che l’escalation militare può produrre e delle conseguenze che la scelta del sostegno militare, anziché la scelta del negoziato, possono costituire per il futuro dell’Europa.

La strada deve essere quella di una democratizzazione della politica di difesa europea, nella volontà di condizionarla al rispetto dello Stato di diritto, non quella della strumentalizzazione delle politiche europee e delle risorse dei contribuenti dell’Unione. Consideriamo ingiustificato il fatto che il provvedimento in questione preveda la possibilità di disapplicare le norme in materia ambientale, di tutela della salute umana e della sicurezza sul luogo di lavoro.

Chiediamo che il Parlamento europeo, che ne discuterà a Bruxelles il prossimo 31 maggio, non accetti di rimettere in discussione le misure di solidarietà già decise attraverso il PNRR, affermando che, in materia di difesa, i nuovi fondi possono essere utilizzati solo con il ruolo determinante del Parlamento, nel rispetto dei valori e dei diritti fondamentali dell’Unione europea e della Carta delle Nazioni Unite. Non bisogna ripetere gli errori commessi sugli altri fondi legati all’industria militare, per i quali il Parlamento europeo ha rinunciato nella pratica alle proprie prerogative di controllo in piena trasparenza.

Chiediamo perciò che nell’ambito delle iniziative dell’Unione sulle politiche di finanza sostenibile, le armi controverse – oggetto di convenzioni internazionali che ne vietano lo sviluppo, la produzione, lo stoccaggio, l’impiego, il trasferimento e la fornitura – siano considerate incompatibili con la sostenibilità sociale.

Chiediamo che il settore sia soggetto a un rigoroso controllo normativo da parte degli Stati membri per quanto riguarda il trasferimento e l’esportazione di prodotti militari e a duplice uso. Chiediamo la creazione di un comitato di collegamento tra Parlamento europeo e Parlamenti nazionali, nel quadro delle loro competenze ai sensi dell’art. 12 del TUE per il monitoraggio della messa in opera di queste disposizioni.

Chiediamo di vigilare affinché l’industria bellica non possa esercitare un’influenza indebita – come invece già avvenuto fin dall’istituzione dei programmi precursori del Fondo europeo per la Difesa – sulle agende politiche nazionali in materia di difesa e sicurezza e perché, nel rischio di un progressivo scivolamento verso un’“Europa delle Patrie”, l’industria bellica non diventi un mostruoso “motore di crescita”, cinica declinazione dei concetti di “ripresa” e “resilienza”.

23 maggio 2023
Libertà e Giustizia
Rete Italiana Pace e Disarmo
ANPI
ARCI

Non trasformiamo il Pnrr in missili e munizioni

EUROPARLAMENTO . L’adesione di alcuni europarlamentari italiani all’appello che chiede l’esclusione del riarmo tra gli obiettivi del Pnrr

***    27/05/2023

Aderiamo all’appello «La resilienza non è economia di guerra» promosso da Rete italiana pace e disarmo, liberta’ e giustizia, Anpi e Arci. Per questo motivo voteremo convintamente No alla risoluzione Act to support ammunition production (Asap) che vorrebbe utilizzare il Fondo di coesione e il Pnrr per produrre armi, missili e munizioni.

Un passaggio traumatico dagli obiettivi virtuosi del Next Generation Ue (transizione ecologica, innovazione digitale, inclusione sociale, conoscenza e parità di genere) ad una vera e propria economia di guerra. Permettere ai singoli Stati di finanziate la produzione di armi con risorse dedicate ai servizi sociali, al diritto allo studio, alle politiche per l’abitare, alla mobilità verde è un errore drammatico che può segnare negativamente il modello di sviluppo europeo per i prossimi anni.

La guerra muta da stato di eccezione in normalità e ordina gerarchicamente tutte le scelte. L’Agenda di guerra è la negazione di quella concreta utopia voluta dai padri fondatori dell’Unione: cancellare il conflo bellico dal suolo europeo. Peraltro un atto che prefigura una palese violazione dei Trattati e che contesteremo in ogni sede.

Da ultimo, se si voterà a favore di questo atto, sarà difficile contrapporsi alla riscrittura del Pnrr da parte del governo Meloni.
Quando, invece di asili nido, servizi pubblici e treni non inquinanti finanzieranno le produzione militari la responsabilità sarà anche di chi avrà votato favorevolmente a questo atto.

Ci appelliamo ai nostri colleghi parlamentari europei, ai parlamentari italiani, ai presidenti di Regione, agli amministrati locali. Al di là delle posizioni che ognuno può assumere circa il dibattito sull’invio delle armi in Ucraina, in questo caso ci troviamo di fronte ad un salto di qualità senza precedenti che, in un solo colpo, ci farà tornare indietro di decenni: produrre piombo e morte a scapito delle politiche attive e di coesione sociale che sostengono gran parte del sistema Paese, soprattutto a Sud.

Per queste ragioni promuoveremo in ogni forma il No a questo atto sbagliato che comporterà un peggioramento delle condizioni di vita dei nostri cittadini, senza apparire utile alla causa della popolazione ucraina aggredita dall’esercito russo.

*** Gli Eurodeputati

Massimiliano Smeriglio, Gruppo Socialisti e Democratici
Pietro Bartolo, Gruppo Socialisti e Democratici
Rosa D’amato, Gruppo Verdi
Piernicola Pedicini, Gruppo Verdi

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.