LA POSSIBILITÀ DI CHIEDERE CONTO A ISRAELE E AGLI USA DEL GENOCIDIO da OTHER NEWS e IL MANIFESTO
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
14859
post-template-default,single,single-post,postid-14859,single-format-standard,stockholm-core-2.4,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-9.6,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-6.13.0,vc_responsive

LA POSSIBILITÀ DI CHIEDERE CONTO A ISRAELE E AGLI USA DEL GENOCIDIO da OTHER NEWS e IL MANIFESTO

La possibilità di chiedere conto a Israele e agli Stati Uniti del genocidio di Medea Benjamin e Nicolas JS Davies (*) – CODEPINK  12/01/2024 L’11 gennaio, la Corte Internazionale di Giustizia (ICJ) dell’Aia terrà la sua prima udienza nel caso del Sud Africa contro Israele ai sensi della Convenzione sul genocidio. La prima misura provvisoria che il Sudafrica ha chiesto alla Corte è di ordinare la fine immediata di questa carneficina, che ha già ucciso più di 23.000 persone, la maggior parte delle quali donne e bambini. Israele sta cercando di bombardare Gaza fino a farla dimenticare e di disperdere i sopravvissuti terrorizzati sulla Terra, rispettando alla lettera la definizione di genocidio della Convenzione. Dal momento che i paesi coinvolti in genocidi non dichiarano pubblicamente il loro vero obiettivo, il più grande ostacolo legale per qualsiasi procedimento giudiziario per genocidio è dimostrare l’intenzione del genocidio. Ma nel caso straordinario di Israele, il cui culto del diritto biblicamente ordinato è sostenuto fino in fondo dalla complicità incondizionata degli Stati Uniti, i suoi leader sono stati particolarmente sfacciati riguardo al loro obiettivo di distruggere Gaza come rifugio della vita, della cultura e della resistenza palestinese. La richiesta di 84 pagine del Sudafrica all’ICJ include dieci pagine (a partire da pagina 59) di dichiarazioni di funzionari civili e militari israeliani che documentano le loro intenzioni genocide a Gaza. Includono dichiarazioni del primo ministro Netanyahu, del presidente Herzog, del ministro della Difesa Gallant, di altri cinque ministri, alti ufficiali militari e membri del parlamento. Leggendo queste dichiarazioni, è difficile vedere come un tribunale giusto e imparziale possa non riconoscere l’intento genocida dietro la morte e la devastazione che le forze israeliane e le armi americane stanno provocando a Gaza. La rivista israeliana +972 ha parlato con sette attuali ed ex funzionari dell’intelligence israeliana coinvolti in precedenti attacchi a Gaza. Hanno spiegato la natura sistematica delle pratiche di targeting di Israele e come la gamma di infrastrutture civili che Israele sta prendendo di mira sia stata notevolmente ampliata nell’attuale attacco. In particolare, ha ampliato il bombardamento delle infrastrutture civili, o di quelli che eufemisticamente definisce “obiettivi di potere”, che hanno costituito la metà dei suoi obiettivi dall’inizio di questa guerra. Gli “obiettivi di potere” di Israele a Gaza includono edifici pubblici come ospedali, scuole, banche, uffici governativi e grattacieli. Il pretesto pubblico per distruggere le infrastrutture civili di Gaza è che i civili incolperanno Hamas per la sua distruzione, e che ciò minerà la sua base di sostegno civile. Questo tipo di logica brutale si è rivelata sbagliata nei conflitti sostenuti dagli Stati Uniti in tutto il mondo. A Gaza non è altro che una fantasia grottesca. I palestinesi capiscono perfettamente chi li bombarda e chi fornisce le bombe. Funzionari dell’intelligence hanno detto a +972 che Israele mantiene dati estesi sull’occupazione di ogni edificio a Gaza, e ha stime precise di quanti civili verranno uccisi in ogni edificio bombardato. Mentre i funzionari israeliani e statunitensi denigrano pubblicamente le cifre sulle vittime palestinesi, fonti di intelligence hanno detto a +972 che il conteggio delle vittime palestinesi è notevolmente coerente con le stime di Israele su quanti civili sta uccidendo. A peggiorare le cose, Israele ha iniziato a utilizzare l’intelligenza artificiale per generare obiettivi con un controllo umano minimo, e lo sta facendo più velocemente di quanto le sue forze riescano a bombardarli. Funzionari israeliani affermano che ciascuno dei grattacieli bombardati contiene una sorta di presenza di Hamas, ma un funzionario dell’intelligence ha spiegato: “Hamas è ovunque a Gaza; non c’è edificio che non contenga qualcosa di Hamas, quindi se vuoi trovare un modo per trasformare un grattacielo in un bersaglio, sarai in grado di farlo”. Come ha riassunto Yuval Abraham di +972: “Le fonti hanno capito, alcune esplicitamente e altre implicitamente, che il danno ai civili è il vero scopo di questi attacchi”. Due giorni dopo che il Sudafrica aveva presentato all’ICJ la richiesta di Convenzione sul genocidio, il ministro delle Finanze israeliano Smotrich ha dichiarato alla vigilia di Capodanno che Israele dovrebbe sostanzialmente svuotare la Striscia di Gaza dai palestinesi e introdurre coloni israeliani. “Se agiamo in modo strategicamente corretto e incoraggiamo l’emigrazione”, ha detto Smotrich, “se ci sono 100.000 o 200.000 arabi a Gaza, e non due milioni, l’intero discorso sul “giorno dopo” sarà completamente diverso”. Quando i giornalisti hanno affrontato il portavoce del Dipartimento di Stato americano Matt Miller riguardo alla dichiarazione di Smotrich, e ad altre simili del ministro della Sicurezza nazionale Itamar Ben-Gvir, Miller ha risposto che il primo ministro Netanyahu e altri funzionari israeliani hanno rassicurato gli Stati Uniti che quelle dichiarazioni non riflettono la politica del governo israeliano. . Ma le dichiarazioni di Smotrich e Ben-Gvir fanno seguito a un incontro dei leader del partito Likud il giorno di Natale in cui lo stesso Netanyahu ha affermato che il suo piano era quello di continuare il massacro finché la popolazione di Gaza non avrà altra scelta che andarsene o morire. “Per quanto riguarda l’emigrazione volontaria, non ho alcun problema”, ha detto all’ex ambasciatore israeliano alle Nazioni Unite Danny Danon. “Il nostro problema non è consentire l’uscita, ma la mancanza di paesi pronti ad accogliere i palestinesi. E ci stiamo lavorando. Questa è la direzione in cui stiamo andando”. Avremmo dovuto imparare dalle guerre perdute dell’America che gli omicidi di massa e la pulizia etnica raramente portano alla vittoria o al successo politico. Più spesso alimentano solo profondi risentimenti e desideri di giustizia o di vendetta che rendono la pace più sfuggente e il conflitto endemico. Sebbene la maggior parte dei martiri di Gaza siano donne e bambini, Israele e gli Stati Uniti giustificano politicamente il massacro come una campagna per distruggere Hamas uccidendo i suoi alti leader. Andrew Cockburn ha descritto nel suo libro Kill Chain: the Rise of the High-Tech Assassins come, in 200 casi studiati dall’intelligence militare statunitense, la campagna statunitense per assassinare i leader della resistenza irachena nel 2007 ha portato in ogni singolo caso a un aumento degli attacchi contro le forze di occupazione statunitensi. . Ogni leader della resistenza ucciso veniva sostituito entro 48 ore, invariabilmente da nuovi leader più aggressivi, determinati a mettersi alla prova uccidendo ancora più soldati statunitensi. Ma questa è solo un’altra lezione non imparata, dato che Israele e gli Stati Uniti uccidono i leader della Resistenza Islamica a Gaza, in Cisgiordania, in Libano, Iraq, Yemen e Iran, rischiando una guerra regionale e lasciandosi più isolati che mai. Se la Corte Internazionale di Giustizia emettesse un ordine provvisorio per un cessate il fuoco a Gaza, l’umanità dovrebbe cogliere l’attimo per insistere affinché Israele e gli Stati Uniti mettano finalmente fine a questo genocidio e accettino che lo stato di diritto internazionale si applichi a tutte le nazioni, comprese loro stesse. ………………… *Medea Benjamin e Nicolas JS Davies sono gli autori di War in Ukraine: Making Sense of a Senseless Conflect , pubblicato da OR Books nel novembre 2022. Medea Benjamin è cofondatrice di CODEPINK for Peace e autrice di numerosi libri, tra cui Inside Iran : La vera storia e politica della Repubblica islamica dell’Iran . Nicolas JS Davies è un giornalista indipendente, ricercatore per CODEPINK e autore di Blood on Our Hands: The American Invasion and Destruction of Iraq .

Oxfam: 250 uccisi al giorno, mai così tanti nel XXI secolo

INTANTO NELLA STRISCIA. «Il bilancio giornaliero di morti a Gaza è il più alto di ogni altro conflitto del XXI secolo», scrive l’organizzazione citando i numeri di Siria (96,5 decessi), Sudan (51,6), Iraq (50,8) e Ucraina (43,9)

Redazione  12/01/2024

Il comunicato di Oxfam è uscito mentre all’Aja era in corso la prima udienza sulle procedure di emergenza chieste dal Sudafrica per fermare l’offensiva israeliana su Gaza.

Con una media di 250 palestinesi uccisi ogni 24 ore, «il bilancio giornaliero di morti a Gaza è il più alto di ogni altro conflitto del XXI secolo», scrive l’organizzazione citando i numeri di Siria (96,5 decessi), Sudan (51,6), Iraq (50,8) e Ucraina (43,9). L’ong dà poi conto delle condizioni ormai strutturali nella Striscia: carestia montante, sfollamento di massa in aree sempre più piccole, confini chiusi, malattie. Ieri il bilancio complessivo è salito a 23.469 uccisi, a cui vanno aggiunti migliaia di dispersi sotto le macerie. Tra le vittime 117 giornalisti, l’ultimo Muhammad Jamal Thalathini ucciso ieri mattina in un raid contro la sua casa.

Tra i 117 ci sono anche Hamza Dahdouh e Mustafa Thurayya, uccisi il 6 gennaio in un raid contro la loro auto a Rafah. Di loro ha parlato ieri l’esercito israeliano su X, definendoli «terroristi che hanno commesso atti terroristici contro Israele» e lasciando apparentemente intendere di averli presi di mira. Si muore anche altrove: in Cisgiordania il 37enne MajdiAbdel Latif Fashfasha è stato ucciso a Jaba, vicino Jenin, colpito dal fuoco dell’esercito israeliano, mentre nel sud del Libano a morire sotto i raid israeliani sono stati due medici a bordo di un’ambulanza del corpo di protezione civile legato a Hezbollah (25 i civili libanesi uccisi dal 7 ottobre).

A Gaza le bombe sono cadute in prossimità dell’ospedale Martiri di Al Aqsa a Deir al-Balah: otto uccisi. Nelle stesse ore le Brigate al Qassam, braccio armato di Hamas, hanno detto di aver colpito, in due diversi attacchi, un’unità di fanteria israeliana e tre veicoli militari, in entrambi i casi a est di Khan Yunis, ormai di fatto la linea del fronte più sanguinosa. Intanto prosegue, lontano dai riflettori, il negoziato gestito dal Qatar e sostenuto da Washington per un nuovo accordo di tregua tra Israele e Hamas. Ieri in condizione di anonimato un funzionario qatarino ha negato che del dialogo faccia parte l’espulsione da Gaza di alti membri di Hamas in cambio di un cessate il fuoco.

Nelle stesse ore, lungo le barriere tra Gaza e Israele, familiari degli ostaggi israeliani con un microfono hanno inviato messaggi ai propri cari, sperando potessero sentirli.

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.