HENRY KISSINGER, 1923-2023. CRIMINALE DI GUERRA da SUBSTACK e SIMPLICISSIMUS
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
14422
post-template-default,single,single-post,postid-14422,single-format-standard,cookies-not-set,stockholm-core-2.4.4,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-9.10,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-7.6,vc_responsive

HENRY KISSINGER, 1923-2023. CRIMINALE DI GUERRA da SUBSTACK e SIMPLICISSIMUS

Henry Kissinger, 1923-2023. Criminale di guerra 


ROBERTO REICH
  30 NOVEMBRE 2023

Amici,

È morto Henry Kissinger, all’età di 100 anni.

Quando muore un ex alto funzionario governativo noto come Kissinger, la risposta convenzionale è quella di dire cose carine su ciò che ha realizzato.

Mi dispiace ma non posso. Secondo la mia modesta opinione, Kissinger avrebbe dovuto essere considerato un criminale di guerra.

Un esempio significativo è stato il ruolo di Kissinger nel rovesciare il governo socialista eletto di Salvador Allende in Cile e nell’incoraggiare l’omicidio di massa di centinaia di cileni innocenti.

Il 12 settembre 1970, otto giorni dopo l’elezione di Allende, Kissinger iniziò una discussione telefonica con il direttore della CIA Richard Helms su un colpo di stato preventivo in Cile.

“Non lasceremo che il Cile vada in malora”, ha dichiarato Kissinger.

“Sono con te”, ha risposto Helms.

Tre giorni dopo, Nixon, in un incontro di 15 minuti che includeva Kissinger, ordinò alla CIA di “far urlare l’economia [cilena]” e nominò Kissinger supervisore degli sforzi segreti per impedire l’insediamento di Allende.

Kissinger ignorò una raccomandazione del suo principale vice del NSC, Viron Vaky, che sconsigliava vivamente azioni segrete per indebolire Allende.

Il 14 settembre 1970, Vaky scrisse un promemoria a Kissinger sostenendo che il complotto del colpo di stato avrebbe portato a “violenza diffusa e persino insurrezione”. Sosteneva anche che una tale politica era immorale: “Ciò che proponiamo è palesemente una violazione dei nostri stessi principi e principi politici… Se questi principi hanno un significato, normalmente ci allontaniamo da essi solo per affrontare la minaccia più grave per noi, ad esempio per la nostra sopravvivenza. Allende è una minaccia mortale per gli Stati Uniti? È difficile discuterlo”.

Dopo che le operazioni segrete statunitensi, che portarono all’assassinio del comandante in capo delle forze armate cilene, generale Rene Schneider, non riuscirono a fermare l’insediamento di Allende il 4 novembre 1970, Kissinger fece pressioni su Nixon affinché respingesse la raccomandazione del Dipartimento di Stato che gli Stati Uniti cercassero un modus vivendi con Allende.

Mentre Schneider stava morendo nell’ospedale militare di Santiago il 22 ottobre 1970, Kissinger disse a Nixon che l’esercito cileno si era rivelato “un gruppo piuttosto incompetente”. Nixon ha risposto: “Sono fuori allenamento”, secondo i documenti rilasciati in agosto dall’Archivio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti.

In un documento informativo segreto di otto pagine che forniva la motivazione più chiara di Kissinger per il cambio di regime in Cile, egli sottolineò a Nixon che “l’elezione di Allende a presidente del Cile rappresenta per noi una delle sfide più serie mai affrontate in questo emisfero” e ” la tua decisione su cosa fare al riguardo potrebbe essere la decisione più storica e difficile che prenderai in materia di affari esteri quest’anno”.

Non solo erano in gioco un miliardo di dollari di investimenti statunitensi, ha riferito Kissinger, ma c’era anche quello che ha definito “l’insidioso effetto modello” della sua elezione democratica.

Non c’era modo per gli Stati Uniti di negare la legittimità di Allende, osservò Kissinger, e se fosse riuscito a ridistribuire pacificamente le risorse in Cile in una direzione socialista, altri paesi avrebbero potuto seguirne l’esempio.

“L’esempio di un governo marxista eletto con successo in Cile avrebbe sicuramente un impatto – e persino un valore precedente – per altre parti del mondo, specialmente in Italia; la diffusione imitativa di fenomeni simili altrove influenzerebbe a sua volta in modo significativo l’equilibrio mondiale e la nostra stessa posizione in esso”.

Il giorno successivo Nixon chiarì all’intero Consiglio di Sicurezza Nazionale che la politica sarebbe stata quella di abbattere Allende. “La nostra principale preoccupazione”, ha affermato, “è la prospettiva che possa consolidarsi e che l’immagine proiettata al mondo sia quella del suo successo”.

Nei giorni successivi al colpo di stato dell’11 settembre 1973, Kissinger ignorò le preoccupazioni dei suoi massimi collaboratori del Dipartimento di Stato riguardo alla massiccia repressione da parte del nuovo regime militare. Ha inviato istruzioni segrete al suo ambasciatore di trasmettere a Pinochet “il nostro più forte desiderio di cooperare strettamente e stabilire solide basi per relazioni cordiali e costruttive”.

Quando l’assistente segretario di Stato per gli affari interamericani di Kissinger gli chiese cosa dire al Congresso in merito alle notizie di centinaia di persone uccise nei giorni successivi al colpo di stato, Kissinger diede queste istruzioni: “Penso che dovremmo comprendere la nostra politica – che per quanto spiacevole se agiscono, questo governo è migliore per noi di quello di Allende”.

Gli Stati Uniti aiutarono il regime di Pinochet a consolidare, attraverso aiuti economici e militari, sostegno diplomatico e assistenza della CIA nella creazione della famigerata agenzia di polizia segreta cilena, la DINA.

Quando Nixon si lamentò della “schifezza liberale” diffusa nei media riguardo alla caduta di Allende, Kissinger gli consigliò: “Nel periodo di Eisenhower saremmo stati degli eroi”.

Al culmine della repressione di Pinochet nel 1975, Kissinger incontrò il ministro degli Esteri cileno, l’ammiraglio Patricio Carvajal.

Piuttosto che fare pressione sul regime militare affinché migliorasse la situazione dei diritti umani, Kissinger aprì l’incontro denigrando il suo stesso staff per aver messo la questione dei diritti umani all’ordine del giorno.

“Ho letto il documento informativo di questo incontro e non era altro che diritti umani”, ha detto Kissinger a Carvajal. “Il Dipartimento di Stato è composto da persone che hanno una vocazione per il ministero. Poiché non ci sono abbastanza chiese per loro, sono andati al Dipartimento di Stato”.

Quando Kissinger si preparò a incontrare Pinochet a Santiago nel giugno 1976, il suo principale vice per l’America Latina, William D. Rogers, gli consigliò di mettere i diritti umani al centro delle relazioni USA-Cile e di fare pressione sul dittatore affinché “migliorasse le pratiche in materia di diritti umani”.

Invece, una trascrizione declassificata della loro conversazione rivela che Kissinger disse a Pinochet che il suo regime era vittima della propaganda di sinistra sui diritti umani. “Negli Stati Uniti, come sapete, siamo solidali con ciò che state cercando di fare qui”, ha detto Kissinger a Pinochet. “Vogliamo aiutarvi, non indebolirvi. Hai reso un grande servizio all’Occidente rovesciando Allende”.

Il governo cileno ha formalmente chiesto all’amministrazione Biden di pubblicare la documentazione del 1973 e del 1974 su ciò che è stato detto nello Studio Ovale prima e dopo il colpo di stato guidato da Pinochet.

“Non sappiamo ancora cosa abbia visto il presidente Nixon sulla sua scrivania la mattina del colpo di stato militare”, dice l’ambasciatore del Cile negli Stati Uniti, Juan Gabriel Valdés. “Ci sono dettagli che continuano a interessare [ai cileni], che sono importanti per ricostruire la nostra storia”.

Una risposta adeguata alla morte di Kissinger sarebbe che gli Stati Uniti ammettessero tutto ciò che Nixon e Kissinger hanno fatto.

Morto “Stranamore”, assassino di massa

ilsimplicissimus   1 Dicembre 2023

Tutti sanno o almeno lo sanno i cinefili, che il personaggio centrale del film di Kubrick  Stranamore (Strangelove) si ispirasse a Henry Kissinger col suo accento tedesco rimastogli attaccato per  tutta la vita e ancor più con quell’indole  guerrafondaia che era già evidente nel personaggio fin dai suoi primi passi. Passato a miglior vita l’altro ieri a 100 anni.  A tempo del film – era il 1964 – Kissinger era solo un professore  molto noto negli ambienti politici, ma grazie ai buoni uffici di Nelson Rockefeller  era diventato consulente per la politica estera della Casa Bianca fin dal tempo di Eisenhower. Il genio di Kubrik lo individuò bene come uno dei personaggi che sarebbero stati al centro delle stragi americane nel XX° e XXI° secolo e come fautore della “bomba” e del potere nucleare su cui ” Killinger” come qualcuno lo aveva sovrannominato aveva persino scritto un libro. O forse è stato  fu il suo atteggiamento cinico durante la guerra di Corea o ancora il fatto che nell’Harvard International Seminar, di cui era anche co fondatore si era offerto volontario per spiare i partecipanti per conto dell’FBI e dei suoi colleghi  di Harvard .

Del  resto nel suo  suo lavoro accademico, Kissinger insisteva sul fatto che la legittimità dell’ordine internazionale richiedeva solo l’accordo delle grandi potenze e che per quanto riguarda la moralità, sosteneva che fosse irrilevante: per lui  “l’indeterminazione morale era una condizione della libertà umana”. Nel 1952 Kissinger pubblicò un articolo sulla rivista Confluence, da lui curata, su Ernst von Salomon, un assassino condannato per la sua partecipazione all’assassinio del ministro degli Esteri della Repubblica di Weimar. I collaboratori  ebrei tedeschi emigrati al giornale, tra cui Hannah Arendt e Reinhold Niebuhr, non erano affatto contenti di questa esternazione e Kissinger scherzò con un amico dicendo che l’articolo era considerato “un sintomo delle mie simpatie totalitarie e persino naziste”. Tanto per riprendere un post di qualche tempo fa sulle origini totalitarie del sionismo.  Fu anche direttore dello studio sulle armi nucleari e la politica estera presso il Council on Foreign Relations nel 1955-56, e pubblicò il suo libro Nuclear Weapons and Foreign Policy nel 1957, sostenendo che gli Stati Uniti dovrebbero usare regolarmente armi nucleari tattiche in guerra per garantire la vittoria. I critici in seguito lo avrebbero parodiato come “Dr Henry Killinger”, come fece lo spettacolo di cartoni animati Venture Bros negli anni 2000.

Alla luce della simpatia di Kissinger per l’uso delle armi nucleari tattiche, fu invitato a visitare Israele nel 1962, e di nuovo nel 1965, molto probabilmente dall’ideatore  israeliano del programma nucleare del paese, Shimon Peres. Documenti recenti rivelano che nel suo rapporto all’ambasciata americana a Tel Aviv nel 1965, basato su incontri con funzionari e scienziati israeliani, egli già credeva che Israele stesse sviluppando armi nucleari, un programma che considerava con “grande comprensione, se non simpatia”. Ciò lo avrebbe portato nel 1969, in qualità di consigliere per la sicurezza nazionale di Nixon, a mediare l’intesa della Casa Bianca ‘per il programma di armi nucleari già sviluppato da Israele.

Anche se egli riteneva del tutto inutile la guerra degli Stati Uniti in Vietnam, cospirò con la campagna elettorale di Richard Nixon nel 1968 facendo trapelare informazioni dai colloqui di pace di Parigi per prolungare la guerra e per evitare evitare che i democratici vincessero le elezioni. Una volta eletto Nixon, Kissinger salì a bordo come consigliere per la sicurezza nazionale nel gennaio 1969, posizione che mantenne fino al 1975.

Determinato a sconfiggere il Fronte di liberazione nazionale del Vietnam del Sud e il Vietnam del Nord, Kissinger decise di intensificare il bombardamento tattico segreto della Cambogia, iniziato sotto Johnson nel 1965, in una spietata campagna di bombardamenti a tappeto che continuò fino al 1973. Solo in quell’anno furono uccisi tra 150.000 e mezzo milione di cambogiani. Kissinger supervisionò personalmente gli orari dei bombardamenti e l’allocazione degli aerei da un’area all’altra. Si dice che amasse giocare al “ bombardiere ”. Quando lui e Nixon iniziarono di nuovo a bombardare il Vietnam del Nord, Kissinger era molto emozionato dalla “dimensione dei crateri delle bombe” . In linea con il suo sostegno all’uso delle armi nucleari, ideò un piano per bombardare il Vietnam del Nord nel 1969 come parte di un’operazione chiamata Duck Hook . E tuttavia la stampa lo trattava come un simpatico personaggio mentre nelle riviste femminili veniva descritto come “sempre amichevole, soprattutto con le donne”.

Nel 1971, Kissinger appoggiò la campagna genocida dell’ex presidente pakistano Yahya Khan contro il Pakistan orientale (Bangladesh) e nel 1975 appoggiò la guerra genocida del dittatore indonesiano Suharto contro il popolo di Timor Est, in cui fu ucciso un terzo della popolazione. Suharto era salito al potere grazie a un colpo di stato sostenuto dagli Stati Uniti nel 1965 ( sempre, pare su consiglio di Kissinger) che scatenò massacri contro un milione di indonesiani sospettati di comunismo. Per quanto riguarda i 200.000 morti a Timor Est, Kissinger è rimasto impassibile: “Penso che abbiamo sentito abbastanza parlare di Timor”. Quando poi nel 1970, il socialista Salvador Allende venne eletto presidente del Cile, Kissinger commentò : “Non vedo perché dovremmo restare a guardare un paese diventare comunista a causa dell’irresponsabilità del suo stesso popolo”. Spinse Nixon a organizzare un violento colpo di stato contro Allende, sottoponendo il paese al dominio fascista per i successivi quindici anni, con migliaia di morti da parte della giunta militare appoggiata dagli Stati Uniti .

Per quanto riguarda il Medio Oriente, oltre a rafforzare i legami con la colonia di coloni sionisti di Israele, che divenne uno dei principali alleati degli Stati Uniti durante gli anni di Nixon e Ford:  Kissinger armò Israele fino ai denti durante la guerra del 1973 per “impedire una vittoria araba  . ”. Il suo aiuto militare di emergenza a Israele durante la guerra annullò le prime vittorie degli eserciti egiziano e siriano e assicurò che Israele vincesse la guerra. Ha inoltre assicurato che non si sarebbero potute stabilire relazioni tra gli Stati Uniti e l’Organizzazione per la Liberazione della Palestina. È stato anche  l’artefice della svendita dei diritti dei palestinesi a Camp David, e ha ideato il cosiddetto “processo di pace” sponsorizzato dagli americani, che ha definito la politica statunitense nei confronti dei palestinesi e di Israele.

Si potrebbero citare altri infiniti casi in cui questo sinistro personaggio è intervenuto a fianco dell’ingiustizia, ma il fatto che sia morto proprio mentre la sua arbitraria costruzione in Medio Oriente sta esplodendo, sembra simbolico e buon auspicio per sperare nella pace.

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.