GAZA: LA DIFFERENZA TRA DIRITTO INTERNAZIONALE E L’”ORDINE INTERNAZIONALE BASATO SU REGOLE”da THE NATION
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
14269
post-template-default,single,single-post,postid-14269,single-format-standard,cookies-not-set,stockholm-core-2.4.4,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-9.10,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-7.6,vc_responsive

GAZA: LA DIFFERENZA TRA DIRITTO INTERNAZIONALE E L'”ORDINE INTERNAZIONALE BASATO SU REGOLE”da THE NATION

Gaza mostra la differenza tra il diritto internazionale e l’“ordine internazionale basato su regole”

L’adesione all’egemonia statunitense determina chi può – e chi non può – violare l’architettura che limita la violenza statale.

SPENCER ACKERMANN  17/11/2023

L’amministrazione Biden invoca un “ordine internazionale basato su regole” per consentire al governo israeliano di impegnarsi in atti che condanna quando li compie la Russia.

(Ariel Schalit/AP)

Mentre il bilancio delle vittime palestinesi superava la soglia delle 10.000 all’inizio di novembre, due anonimi diplomatici statunitensi di medio livello, emarginati dal sostegno del presidente Joe Biden a Israele, hanno avvertito che gli Stati Uniti avevano urgentemente bisogno di “criticare pubblicamente le violazioni da parte di Israele delle norme internazionali, come l’incapacità di limitare le operazioni offensive”. a obiettivi militari legittimi”. La guerra di Israele a Gaza, hanno scritto in una nota trapelata a Politico , stava seminando “dubbi nell’ordine internazionale basato sulle regole che abbiamo a lungo difeso”.

I diplomatici fanno parte di un crescente coro contro l’impunità che gli Stati Uniti garantiscono da tempo a Israele per inequivocabili violazioni del diritto internazionale. Il re di Giordania Abdullah II ha inveito dicendo che “in un altro conflitto” – l’invasione russa dell’Ucraina – gli Stati Uniti hanno condannato “l’attacco alle infrastrutture civili e la morte deliberata di fame di un’intera popolazione di cibo, acqua, elettricità e beni di prima necessità”. Il diritto internazionale, ha continuato, “perde ogni valore se viene applicato in modo selettivo”.

Abdullah non è l’unico colpito dalle somiglianze tra Ucraina e Gaza. In un briefing su Zoom organizzato dallo scrittore Peter Beinart una settimana dopo l’inizio del conflitto, l’ex portavoce della Knesset Avrum Burg ha affermato che l’approccio delle forze di difesa israeliane – appiattire le infrastrutture con attacchi aerei e artiglieria per rendere la guerra urbana più facile per i carri armati e la fanteria – equivale a un “ Strategia militare russa”.

I diplomatici hanno ragione: il via libera di Biden a Israele crea dubbi sulla legittimità dell’“ordine internazionale basato su regole”. Chiarisce anche cos’è veramente quell’ordine. Infatti, mentre l’ordine internazionale basato su regole suona come “diritto internazionale”, in realtà è la sostituzione del diritto internazionale con le prerogative dell’egemonia americana. Biden non è esattamente ipocrita nel punire la Russia per atti che sostiene materialmente quando li compie Israele. È impegnato nell’eccezionalismo.

Per essere chiari, molti dentro e fuori il governo degli Stati Uniti spesso trattano il termine “ordine internazionale basato su regole” come sinonimo di diritto internazionale. E i sostenitori dell’ordine internazionale basato su regole sono felici di utilizzare o acclamare il diritto internazionale quando serve agli Stati Uniti, come quando la Corte penale internazionale cerca di arrestare Vladimir Putin per i suoi crimini di guerra in Ucraina. Eppure gli Stati Uniti non si sottometteranno mai alla Corte penale internazionale. Sotto la presidenza di George W. Bush, gli Stati Uniti hanno revocato la propria firma (non ratificata) al trattato che istituisce la Corte. Sotto la presidenza di Donald Trump, ha sanzionato le famiglie dei pubblici ministeri della CPI che avevano aperto un’indagine per crimini di guerra nella guerra degli Stati Uniti in Afghanistan. Ecco come funziona l’ordine internazionale basato su regole. Non sostituisce i meccanismi del diritto internazionale; accanto a essi vengono posizionati degli asterischi. Le regole possono vincolare gli avversari statunitensi, ma gli Stati Uniti e i loro clienti possono rinunciarvi.

Una breve storia di come gli Stati Uniti hanno trascorso il momento di supremo potere globale post-Guerra Fredda mostra l’ascesa di ciò che oggi chiamiamo RBIO a scapito del diritto internazionale. Quando le Nazioni Unite non hanno autorizzato la guerra alla Serbia per salvare il Kosovo, gli Stati Uniti hanno agito come se la NATO esercitasse lo stesso imprimatur, e nessuna nazione fosse abbastanza forte da sfidare la sua affermazione. Quell’impulso è stato potenziato dall’11 settembre. L’invasione americana dell’Iraq nel 2003 si è fatta beffe del diritto internazionale pur pretendendo cinicamente di sostenerlo.

Sebbene molti ambienti rispettabili si opponessero alla flagrante aggressione di Bush, una linea di politica estera liberale sosteneva che il potere americano avrebbe potuto salvare il diritto internazionale da se stesso. Nel 2006, gli studiosi Anne-Marie Slaughter e John Ikenberry proposero una grande strategia che chiamarono “un mondo di libertà sotto la legge”. Hanno cercato di riformare e rafforzare le istituzioni internazionali esistenti. Ma se le Nazioni Unite “non possono essere riformate”, hanno sollecitato un “concerto delle democrazie” per “fornire un forum alternativo affinché le democrazie liberali autorizzino l’azione collettiva”. In tal modo, l’ordine internazionale basato su regole si è consolidato come concetto.

Ciò che era iniziato come una risposta a un’emergenza nei Balcani è ormai routine. Il presidente Barack Obama ha trasformato una missione umanitaria delle Nazioni Unite in Libia nel sostegno al rovesciamento di Muammar Gheddafi. Dopo che le macerie dell’Iraq sono diventate l’orrore dell’ISIS, gli Stati Uniti hanno stazionato truppe nella Siria orientale senza né mandato delle Nazioni Unite né invito da parte del purtroppo persistente Bashar Assad. Trump ha ordinato l’assassinio di Qassem Soleimani , una delle figure più importanti del governo iraniano.

“La RBIO non può sostituire il diritto internazionale: il diritto internazionale è inerente al concetto stesso di stato, di confine internazionale, di trattati, di diritti umani”, afferma Mary Ellen O’Connell, esperta di diritto internazionale e professoressa all’Università di Notre Dame, ha detto via e-mail. “Ma la RBIO sta minando la conoscenza e il rispetto del sistema del diritto internazionale. La capacità della legge di sostenere soluzioni alle sfide globali, dalla guerra e pace al cambiamento climatico e alla povertà, viene gravemente compromessa da questo concetto competitivo e profondamente imperfetto”.

Consideriamo ora cosa sta facendo Israele a Gaza. All’inizio di novembre si stimava che uccidesse 180 bambini al giorno. L’IDF ha chiesto ai palestinesi di abbandonare le loro case nel nord di Gaza e poi, quando centinaia di migliaia di persone hanno obbedito, ha attaccato le destinazioni nel sud di Gaza verso cui li aveva spinti. Dopo aver affamato Gaza , negandole le medicine , interrompendo le sue comunicazioni , uccidendo i suoi giornalisti , assediando e persino facendo irruzione nei suoi ospedali e affermando che i luoghi di rifugio di massa sono posizioni di Hamas, Israele ha affermato di aver ucciso ” dozzine ” di comandanti di Hamas, in un colpo solo. il bilancio totale delle vittime all’epoca era di 10.500 palestinesi.

Non c’è modo di far quadrare queste cifre con le richieste di distinzione e proporzionalità del diritto internazionale. Israele, tuttavia, sa di avere qualcosa di più forte del diritto internazionale: la protezione dell’ordine internazionale basato su regole.

Studiosi dell’Olocausto come Raz Segal della Stockton University e Omer Bartov della Brown University ritengono che Israele abbia raggiunto o superato la soglia per commettere un genocidio , la più orribile delle atrocità che uno stato che si definisce ebraico potrebbe commettere. Biden è rimasto sbalordito nel 2022 quando gran parte del mondo – le parti che tendono ad essere i destinatari del potere americano – non ha accettato la narrativa statunitense dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia. Avrebbe dovuto essere un layup. Ora il mondo sta guardando Israele annientare Gaza con le armi e il sostegno diplomatico degli Stati Uniti. In tal modo, Biden e Netanyahu mostrano cosa sia realmente l’ordine internazionale basato sulle regole: non un mondo di libertà soggetto alla legge ma una fossa comune .

Spencer Ackermann

Spencer Ackerman, giornalista vincitore del Premio Pulitzer e del National Magazine Award, è l’autore di Reign of Terror: How The 9/11 Era Destabilized America and Produced Trump .

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.