G7 E LUCERNA: L’ILLOGICITÀ ORWELLIANA D’OCCIDENTE da IL FATTO
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
16619
post-template-default,single,single-post,postid-16619,single-format-standard,cookies-not-set,stockholm-core-2.4.4,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-9.10,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-7.6,vc_responsive

G7 E LUCERNA: L’ILLOGICITÀ ORWELLIANA D’OCCIDENTE da IL FATTO

G7 e Lucerna: l’illogicità orwelliana d’occidente

 

 ELENA BASILE  18 GIUGNO 2024

Avete provato a leggere il comunicato del G7? Un testo di 36 pagine, pieno di copia e incolla da altri documenti, una lingua burocratica che esprime il pensiero bivalente coniato da Orwell in 1984 : l’affermazione illogica di tesi opposte. Si esprime sull’intero mondo: dalla Libia al Venezuela al Sahel. In Libia, dopo l’attacco anglo-francese sostenuto dagli Stati Uniti che ha rovesciato il regime di Gheddafi e dato origine allo Stato fallito odierno, si afferma di sostenere la stabilità del Paese. Un esempio della tipica illogicità che secondo Orwell era uno dei pilastri della dittatura.

Con grande scontento di Federico Rampini, per il quale l’esproprio finanziario dei 300 miliardi russi contrario al diritto internazionale e richiesto dagli americani andava eseguito “in nome della libertà e della vita”, il comunicato stabilisce che gli interessi sulla somma congelata siano la garanzia per un prestito di 50 miliardi all’Ucraina: altro pensiero logico ed economicamente coerente. Viene poi ribadita la solidarietà a Israele che deve tuttavia difendersi a Gaza adempiendo alle regole del diritto internazionale (una macabra risata seppellirà il G7 e il mondo, Nietzsche docet), ma si fa riferimento alla soluzione dei due Stati (altra risata). E così di seguito si manifestano le miserie di un foro che prima, come G8 e in complementarietà con il G20, era uno dei capisaldi del multilateralismo. Lì oggi si autocelebra il potere di un gruppo di Stati che si basa principalmente sulla supremazia militare. Si richiamano i diritti umani in Cina, in Iran e negli altri Paesi nemici, ma non certo in Arabia Saudita o nei Paesi del Golfo, mentre si tortura il prigioniero del secolo Assange nel cuore dell’Europa. I Paesi del Sud globale presenti alla conferenza di Lucerna sull’Ucraina (dall’Algeria all’India all’Indonesia al Sud Africa) non hanno firmato il testo. C’è da meravigliarsi se gli emergenti restano un tantino perplessi dinanzi agli anglo-americani che a Kiev realizzano un colpo di Stato, armano e si appropriano economicamente di un Paese che perde la sua esigua democrazia abolendo le opposizioni e poi le elezioni e combatte una guerra suicida per interessi americani? Tutto in ossequio al Diritto Internazionale?

La “conferenza di pace” ha raggiunto il grande obiettivo politico di avere una settantina di Paesi che, sotto ricatto politico ed economico, sponsorizzano il “piano di pace” dell’Ucraina sconfitta in assenza del Paese vincitore sul campo: la Russia. Vogliono distruggere la realtà e la verità. È l’altro parametro del mondo distopico descritto da Orwell. I soldi e le armi dell’Occidente non cambieranno la situazione militare. Kiev ha bisogno di uomini e munizioni garantiti solo da uno scontro diretto fra truppe Nato e Russia, che risponderebbe con il nucleare tattico. Questa è la verità. Lo confermerebbe ogni stratega militare onesto intellettualmente. Neanche il terrorismo ucraino che ha come obiettivo i civili in territorio russo, neanche l’autorizzazione a utilizzare le armi top secret Usa (manovrate ovviamente da americani) per colpire siti militari in Russia cambierà le sorti del conflitto. Se ne esce soltanto riconoscendo gli interessi di Mosca: innanzitutto la neutralità dell’Ucraina e dando parola alla diplomazia in una conferenza di pace su tutti gli altri spinosi problemi: territori occupati, sanzioni, autonomia delle regioni russofone, architettura di sicurezza europea. Mosca ha presentato un “piano di pace” provocatorio in risposta alla provocazione di Lucerna. Bisogna tuttavia rendersi conto che il compromesso del marzo 2022, dopo due anni di guerra e di lutti, non è più possibile. Lavrov ha nel contempo ospitato a Nishni Novgorod la ministeriale dei Brics che ha dedicato all’Ucraina pochissimo spazio, concentrandosi sulle nuove regole della cooperazione tra i 5 fondatori dei Brics e un Sud globale importante e partecipe, rafforzando il progetto multipolare di un nuovo ordine internazionale che si richiama alla stabilizzazione delle aree internazionali sulla base dei principi della Carta dell’Onu senza doppi standard e rifiuta il potere unipolare Usa (che non è più “egemonia” in quanto ha perso l’autorevolezza politico-economica e culturale).

Il ministro degli Esteri dell’Arabia Saudita era presente con quello iraniano. Riad non ha rinnovato con Washington l’accordo sui petrodollari. L’esigenza di una de-dollarizzazione è sentita dal Sud globale al fine di evitare i ricatti occidentali (sanzioni ed espropri finanziari). Si riflette su nuovi meccanismi di scambio monetari e si incentivano il commercio e gli investimenti in ambito Brics in moneta locale. Noi escludiamo gli atleti russi dai giochi olimpici estivi a Parigi, proprio mentre dichiariamo lo sport strumento di pace (altra perla del pensiero bivalente del comunicato G7), quelli mirano con strategie ponderate a liberarsi dalla tirannia del dollaro.

Guerre. L’informazione libera e i suoi paradossi: la Nato ha sempre ragione

alessandro orsini  18 GIUGNO 2024Siccome il governo Meloni sta spingendo gli italiani verso un futuro di guerre, è urgente riflettere sulla libertà d’informazione in Italia in materia di politica internazionale. È questo il settore più importante dell’informazione giacché la politica internazionale è, in ultima istanza, questione di vita o di morte. Informare sulla politica internazionale significa informare su chi vivrà e chi morirà.

I paradossi della libertà d’informazione in Italia sono tre. Il primo è il paradosso della “perfezione statistica”. Secondo i media italiani, quando scoppia una crisi tra Occidente e Corea del Nord, Iran, Russia, Cina o Houthi, l’Occidente ha perfettamente ragione. Nel cento per cento dei casi, l’Occidente è nel giusto. Sotto il profilo statistico, è impossibile che uno Stato o una coalizione di Stati, ad esempio la Nato, abbia ragione nel cento per cento delle crisi internazionali. Dunque, abbiamo una prima prova che l’informazione in Italia esalta la libertà, ma non la verità. Se tutti sono liberi di parlare, ma tutti dicono cose false, la società è libera, ma vive nella menzogna. Essere liberi non significa necessariamente essere onesti come dimostra il fatto che tanti mafiosi girano a piede libero. L’amore per la libertà non implica l’amore per la verità.

Il secondo è il “paradosso dell’acquaiolo” che riguarda la certificazione della libertà. Così come l’acquaiolo dice che l’acqua è fresca, chi fa informazione in Italia sulla politica internazionale assicura che: “L’informazione è libera”. Questa frase viene ripetuta allo sfinimento. Tuttavia, ripetere qualcosa allo sfinimento non rende vero l’oggetto della ripetizione. Se ripeto allo sfinimento che Parigi è la capitale dell’Italia non per questo l’affermazione diventa vera. Allo stesso modo, il fatto che il Corriere della SeraRepubblicaLa StampaLiberoil Giornale e il Foglio ripetano che la Nato è incolpevole non priva la Nato delle proprie responsabilità nello scoppio della guerra in Ucraina. Ecco un esempio del paradosso dell’acquaiolo. Il 7 settembre 2023 Jens Stoltenberg ha affermato, davanti alla Commissione affari esteri del Parlamento europeo, che la guerra in Ucraina è stata causata dall’espansione della Nato e che la Nato ha preferito esporre l’Ucraina al rischio dell’invasione piuttosto che trattare con la Russia. Il fatto che il tentativo della Nato di assorbire l’Ucraina sia la causa profonda della guerra è dimostrato dalla tenacia con cui la Nato sta lottando per assorbire l’Ucraina. In questo caso, il paradosso della perfezione statistica si intreccia con il paradosso dell’acquaiolo.

Il terzo paradosso è il “paradosso del ministro”. L’informazione in Italia sulla politica internazionale e le dichiarazioni del ministro della Difesa, Guido Crosetto, coincidono perfettamente. Conduttori radiofonici e televisivi, direttori di giornali e direttori degli istituti di ricerca sulla politica internazionale, ripetono le stesse tesi di Guido Crosetto. Una società libera è una società che esalta la libertà d’informazione. Molti si immaginano una libertà d’informazione in Italia che non si è mai vista né conosciuta. Questo è un gran problema per una società che si prepara a entrare nelle guerre. È un problema che il movimento pacifista deve tematizzare con attenzione.

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.