ELEZIONI EUROPEE: UNA LINFA VITALE LA DISPONIBILITÀ DI MIMMO LUCANO da IL MANIFESTO
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
15157
post-template-default,single,single-post,postid-15157,single-format-standard,stockholm-core-2.4,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-9.6,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-6.13.0,vc_responsive

ELEZIONI EUROPEE: UNA LINFA VITALE LA DISPONIBILITÀ DI MIMMO LUCANO da IL MANIFESTO

Una linfa vitale la disponibilità di Mimmo Lucano

ELEZIONI EUROPEE. Per una lista unitaria della sinistra

Enrico Calamai  09/02/2024

Nella grave congiuntura internazionale, segnata da guerre, crisi ecologica e socio/economica che stiamo vivendo, la disponibilità di Mimmo Lucano ad impegnarsi per la costruzione di una lista unitaria per la pace in vista delle prossime elezioni europee, dà linfa vitale a un progetto che cerca di unire la sinistra radicale finora frammentata e quindi ininfluente.

La sua lunga storia di sindaco a Riace dimostra l’importanza imprescindibile di una presenza di rappresentanti di una sinistra vera ad ogni livello istituzionale. Soltanto in questo modo è stato possibile a Riace costruire e mostrare una alternativa radicale allo stato di cose presenti, che ha avuto risonanza mondiale. Senza cercare facili consensi, ma creando lavoro e facendo rivivere un centro storico abbandonato, Mimmo Lucano è riuscito a trovare una risposta organica ed eticamente fondata alla tragedia dell’immigrazione, causata dal neocolonialismo mondiale, insito nel sistema capitalistico neoliberista. Così come a Riace nulla si sarebbe mosso senza il sindaco Lucano, allo stesso modo è necessario fare il possibile perché ci sia una rappresentanza della vera sinistra al Parlamento europeo, per contrastare le due destre sempre più presenti ed aggressive, del neoliberismo e del sovranismo xenofobo e autoritario.

Servono infatti eurodeputati che votino contro l’invio delle armi che alimentano la guerra in Ucraina, contro il genocidio dei palestinesi portato avanti dall’attuale governo Israeliano, contro l’assoluta inadeguatezza delle risposte alla crisi climatica e ambientale, contro il ritorno alle infauste politiche di austerità e contro le politiche di respingimento dei migranti, che continuano a produrre stragi nell’indifferenza mediatica.

Con Mimmo Lucano il progetto di una lista unitaria della sinistra radicale si apre ad una partecipazione di base, creando entusiasmo tra gli innumerevoli gruppi, comitati e realtà, impegnati in diversi ambiti per la difesa dei diritti umani.

Elezioni europee, uniamoci per una nuova storia collettiva

SINISTRA. Da Riace vedo prioritari: l’emergenza umanitaria, i profughi tutti, la pace, il cessate il fuoco subito di scontri armati e violenze sui civili, lo stop all’invio di armi ai paesi in guerra. La mia ambizione è quella di riuscire a svolgere un ruolo di cerniera, di ponte tra le diverse e sparse anime della sinistra, un “intero popolo” che in Italia vuole tonare a impegnarsi

Domenico Lucano  02/02/2024

Intervengo in seguito a quanto scritto sul manifesto in questi giorni dai compagni sulle prossime elezioni europee. Mi rivolgo subito a Michele Santoro, visto che sulle questioni prioritarie fortemente dirimenti, della pace e della cessazione immediata degli scontri armati, delle violenze sui civili inermi, dello stop all’invio di armi ai paesi in guerra, la sua è stata la voce più convincente.

A Riace, lo scorso 20 dicembre, abbiamo portato avanti lo stesso tentativo, abbiamo proposto un appello per l’unità delle sinistre, immaginando una sinistra autentica, unita e aperta all’incontro con tutti i movimenti, gli attivisti e le organizzazioni di base, da sempre schierate per la pace, l’accoglienza e la solidarietà tra i popoli.

Il tema che sento più urgente è senza dubbio legato alle emergenze umanitarie, alla drammatica attualità che stiamo vivendo per le guerre in Palestina, Ucraina, Rojava ed altre parti del mondo. Mentre però la resistenza ucraina è stata sostenuta e ugualmente, l’accoglienza dei profughi ha avuto corsie preferenziali, nulla è stato fatto per la questione palestinese, per il dramma di quel popolo, per il genocidio che si sta consumando sotto gli occhi del mondo.

Così come nulla si sta facendo per il popolo curdo del Rojava che ha avuto un ruolo fondamentale per contrastare l’Isis, per poi essere abbandonato e subire la violenta repressione fascista del governo turco. Non dimentico che l’accoglienza ai rifugiati politici a Riace si è avvalsa nella fase iniziale di un grande amico del popolo curdo, il compianto Dino Frisullo.

Oggi siamo di fronte al dilagare della destra portatrice dappertutto di una visione disumana della società, che crea segregazioni, lager, centri di detenzione e di deportazione, a volte appaltandoli a stati esteri come il governo Meloni con l’Albania che danno l’idea, per dirla con l’insegnamento di Franco Basaglia, di «un’enorme sala anatomica dove la vita ha l’aspetto e l’odore della morte».

Di fronte a tutto ciò è necessario ribadire una visione non personalistica dell’impegno politico ma con l’entusiasmo di allargare l’orizzonte ai contributi che provengono dai territori e con la consapevolezza di partecipare ad un progetto più grande. Al contempo, mi rivolgo a tutti coloro che hanno a cuore le sorti di chi subisce oppressioni e umiliazioni, alle forze della sinistra radicale e moderata, ai tanti giovani e adulti laici e cattolici impegnati nel volontariato sociale e aperti ad una società multiculturale, a quanti pensano che questo mondo sia ingiusto e non si arrendono, impegnandosi nella resistenza contro la sopraffazione di mafie e potentati economici. Insieme abbiamo la speranza di un altro mondo possibile.

Una speranza che si rinnova attraverso segnali incoraggianti che colgo dalle parole di De Magistris, Acerbo, Santoro, Fratoianni, Bonelli, di tutti i compagni che si sono riconosciuti intorno all’esperienza di Riace.

Occorre in primo luogo sconfiggere l’indifferenza. Ciò significa in primo luogo trovare il coraggio della propria differenza. La vicenda giudiziaria che ha riguardato me, la comunità di Riace, credo sia intrinsecamente legata a questa visione. Un aiuto fondamentale alla comprensione di quello che è avvenuto a Riace è stato per me avere incontrato Luigi Ferrajoli, giurista di fama, il quale ha affermato, dopo aver approfondito l’argomento e leggendo gli atti, che la cabina di regia è stata il neoliberismo e i corposi interessi messi in campo per distruggere un messaggio politico giudicato pericoloso, che si basava sul riscatto degli oppressi e si collegava alla rinascita delle aree interne, dei borghi, abbandonati a seguito dell’avanzare della società dei consumi, plasmata dal libero mercato e dal profitto. Così come Luigi Manconi è stato determinante nel rilanciare l’accoglienza a Riace attraverso la raccolta fondi lanciata all’indomani della sentenza di primo grado, quando tutto sembrava essere perduto e che ha dato, invece, nuova linfa al “villaggio globale”.

Oggi è quanto mai necessario ripartire da questa connessione con i luoghi e con le persone che subiscono la privazione dei diritti umani fondamentali avendo come stella polare l’uguaglianza sociale: senza uguaglianza non ci può essere umanità, né legalità.

Il neoliberismo ha nella sua struttura il tarlo perenne dell’ingiustizia e della barbarie. È questa la dimensione della destra, facciamo in modo di costruire insieme tante sacche di resistenza. La mia ambizione è quella di riuscire a svolgere un ruolo di cerniera tra le diverse anime della sinistra, un ponte tra le sinistre sparse in mille rivoli. Vi è un intero popolo di sinistra in Italia che vuole impegnarsi e tornare a scrivere una nuova storia collettiva fatta di diritti, di benessere diffuso e di umanità e a cui bisogna, insieme dare gli strumenti per essere rappresentata. Questo è l’appello che mi sento di rivolgere a tutte le sinistre in vista delle elezioni europee: uniamoci.

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.