DA OCCUPY AGLI ATENEI DI NEW YORK. WASHINGTON SCEGLIE LE SUE GUERRE da IL MANIFESTO e FOX NEWS
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
16081
post-template-default,single,single-post,postid-16081,single-format-standard,cookies-not-set,stockholm-core-2.4.4,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-9.10,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-7.6,vc_responsive

DA OCCUPY AGLI ATENEI DI NEW YORK. WASHINGTON SCEGLIE LE SUE GUERRE da IL MANIFESTO e FOX NEWS

Da Occupy agli atenei di Ny. Un incendio in sette giorni

STATI UNITI. Parlano gli studenti del City College. La velocità degli studenti è dovuta anche all’abitudine al lavoro da remoto appresa con il Covid

Marina Catucci, NEW YORK  258/04/2024

Gli studenti del City College di New York hanno allestito un accampamento nel loro campus di West Harlem, unendosi agli studenti della New York University, della Columbia e delle università di tutto il Paese, per protestare contro la guerra tra Israele e Hamas. Con l’allestimento di questo nuovo accampamento ora le 3 principali università newyorchesi sono mobilitate contro la guerra a Gaza. Il City College, o Cuny, City University of New York, è il sistema universitario pubblico cittadino ed è il più grande sistema universitario urbano degli Stati uniti, che comprende 25 campus: 11 senior college, 7 community college e 7 istituti professionali. Lo hanno frequentato (e spesso poi ci hanno insegnato) personaggi come Allen Ginsberg. L’apertura liberal alla Cuny è quella che ci si aspetta dall’università pubblica di una città come New York. È nella classifica dei migliori college del 2024 di U.S. News & World Report, ed è uno dei migliori college per mobilità sociale.

ANCHE QUI gli studenti hanno drappeggiato bandiere con le frasi «accampamento di solidarietà» e «fine del colonialismo». Un cartello mostra un elenco di richieste, compreso il boicottaggio di Israele, sottolo slogan «Viva Palestina».
Gli studenti della Cuny in genere provengono da ambienti più vicini alla classe operaia rispetto a quelli delle università private: le tasse scolastiche, per un residente di New York, sono di circa 7.000 dollari all’anno. Le tasse scolastiche alla Columbia e alla Nyu sono circa 9 volte quella cifra.

Anche qui gli studenti chiedono che l’università disinvesta dalle aziende con legami con Israele, che annulli i viaggi nel Paese e che protegga gli studenti coinvolti nelle manifestazioni. «É provato che la Cuny ha rapporti per milioni di dollari, in aziende che investono in armi e aerei israeliani – dice Sara Abdulaziz, studentessa 23enne. – Siamo qui per mostrare che stiamo riprendendo la Cuny, per la Palestina, per gli studenti».

TUTTO QUESTO fino a una settimana fa non esisteva. Quando la settimana scorsa la polizia ha fatto irruzione nell’accampamento della Columbia University, gli studenti di Yale hanno monitorato ogni minuto del caos che ne è seguito con i loro smartphone sui social media. La mattina successiva, a Yale avevano già piantato le tende. Quel giorno, durante una chiamata Zoom, più di 200 studenti provenienti da dozzine di altri college in tutto il Paese su sono riuniti per elaborare strategie su come dar vita a quello che nel giro di una notte è diventato un movimento. La velocità nel diffondersi e crescere di questa protesta ha più ragioni, fra cui la dimestichezza che gli studenti hanno acquisito durante i vari lockdown a collaborare e interagire da remoto. Quando dettagliano il modo in cui si accordano si vede che quello scatto di evoluzione sociale digitale fatto obtorto collo a partire dal 2020, sta dando ora dei frutti imprevisti.

ARRIVANO POI, nel caso della Cuny, degli aiuti da una generazione precedente, quella dei millennials che, quasi 15 anni fa ormai, aveva partecipato ad Occupy Wall Street.
«Ai tempi avevo 21 anni – racconta David Gross, ricercatore di scienze politiche – e avevo preso parte a Occupy Cuny, una specie di spin off che ha coinvolto gli ambienti accademici. Quando ho visto cosa stava accadendo ora, le tende che venivano montate come era successo a Zuccotti park, ho voluto trasmettere quello che avevo imparato con Occupy. Ad esempio l’allargamento sulla base delle somiglianze invece della divisione basata sulle differenze. Gli studenti della Cuny accolgono tutti i loro colleghi affinché si uniscano a loro nella protesta, negli altri campus hanno delle rigidità. Come me molti ex occupiers sono ora nel mondo accademico, e non siamo così lontani dagli studenti da non capire e ricordare cosa ti porta a dormire per terra sotto una tenda per fare sentire la tua voce. E più di tutto cosa devi fare perché la tua voce arrivi .Mi sembra che la loro stia arrivando».

Washington sceglie le sue guerre; Ucraina e Israele sono riusciti a tagliare il traguardo nonostante l’opposizione di destra e di sinistra

Il pacchetto di aiuti del Congresso per Ucraina e Israele ha incontrato l’opposizione di alcuni legislatori di entrambi i partiti, ma per ragioni diverse

  Chad Pergram  27/04/2024

Il pacchetto di aiuti approvato dalla Camera comprende 60 miliardi di dollari per l’Ucraina

 Washington, DC, sceglie le sue guerre. E, per ora, i leader di Washington hanno deciso che gli Stati Uniti hanno un interesse acquisito nella guerra in Ucraina.

Dopo mesi di costernazione, nelle ultime settimane i legislatori hanno finalmente approvato 62 miliardi di dollari per l’Ucraina per combattere la Russia , con la maggior parte dei democratici che ha appoggiato l’assistenza americana. 

Ma il Congresso ha ritirato il denaro solo dopo una lunga spinta da parte del leader della minoranza al Senato Mitch McConnell, R-Ky. Il presidente Biden, McConnell e altri hanno infine spinto il presidente della Camera Mike Johnson, R-La., a sostenere gli aiuti, anche se la maggior parte dei repubblicani della Camera si è opposta. Il Senato approvò un pacchetto combinato di aiuti esteri pochi giorni dopo, 79-18. Solo 31 dei 49 membri del GOP del Senato hanno votato sì.

In quel pacchetto c’erano soldi per Israele, un altro conflitto in cui gli Stati Uniti si sono introdotti, grazie ai voti dei legislatori bipartisan.

LA CAMERA FUNZIONA PRATICAMENTE COME PARLAMENTO, CON MIKE JOHNSON COME SUO “PRIMO MINISTRO”

Un promemoria non così sottile di come Washington si immerge nei conflitti d’oltremare è arrivato l’altro giorno dopo la morte di Alfonso Chardy. Chardy è stato un reporter vincitore del Premio Pulitzer per il Miami Herald e ha contribuito a districare e denunciare l’affare Iran-Contra a metà degli anni ’80. Quella fu la decisione dell’amministrazione Reagan di impegnarsi in guerre per procura in America Centrale con il pretesto di combattere la diffusione del comunismo durante la Guerra Fredda. C’era preoccupazione per la crescente influenza sovietica nell’emisfero occidentale.

I sandinisti di sinistra presero il potere in Nicaragua alla fine degli anni ’70. Il Congresso ha inviato denaro ai ribelli Contra per sostenerli nella guerra civile. Ma i legislatori iniziarono a limitare i fondi ai Contras all’inizio degli anni ’80 prima di eliminare tutti i finanziamenti.

I funzionari dell’amministrazione Reagan trovarono un modo creativo – anche se illegale – per aggirare il Congresso .

Gli Stati Uniti venderebbero segretamente armi all’Iran nel tentativo di ingraziarsi Teheran e liberare gli ostaggi occidentali detenuti in Medio Oriente. Il ricavato di quelle vendite di armi andò a beneficio dei Contras per condurre le loro battaglie contro i sandinisti.

Il Congresso potrebbe aver deciso di non farsi coinvolgere in Nicaragua. Ma Washington nel suo insieme ha scelto quella particolare battaglia, assicurandosi che gli Stati Uniti combattessero per procura in America Centrale.

Andiamo avanti di diversi decenni, quando gli Stati Uniti presero la decisione di entrare in guerra in Iraq nel 2003. Il Congresso votò nell’autunno del 2002 per approvare l’operazione, ma oggi pochi legislatori difendono l’intero conflitto.

Questa è stata la tesi di un discorso del senatore JD Vance, repubblicano dell’Ohio, forse il più ardente oppositore del Congresso contro l’invio di aiuti all’Ucraina.

“Nel 2003, ero all’ultimo anno delle scuole superiori e avevo una posizione politica”, ha dichiarato Vance, parlando del periodo in cui finì la scuola superiore a Middletown, Ohio, e si arruolò nel Corpo dei Marines. “Allora credevo alla propaganda dell’amministrazione George W. Bush secondo cui avevamo bisogno di invadere l’Iraq”.

Vance in seguito ha affermato che le argomentazioni sull’aiuto all’Ucraina “sembrano familiari”.

TRUMP CHIEDE ALL’EUROPA PIÙ SOLDI PER L’UCRAINA, DICE CHE LA GUERRA CON LA RUSSIA NON SAREBBE AVVENUTA SOTTO IL SUO OROLOGIO

“Sono gli stessi identici argomenti di discussione 20 anni dopo con nomi diversi”, ha detto Vance. “Quando sono andato in Iraq ho visto che mi avevano mentito. Che le promesse dell’establishment della politica estera di questo paese erano una totale presa in giro.”

Vance ha definito la spinta alla guerra in Iraq “forse il periodo più vergognoso nella storia del Partito Repubblicano degli ultimi 40 anni”.

Vance ha aggiunto che la sua “scusa” per aver sostenuto la guerra in Iraq “è che ero all’ultimo anno delle scuole superiori. Qual è la scusa di molte persone che all’epoca erano in quest’Aula o alla Camera dei Rappresentanti e ora cantano la stessa cosa? canzone quando si tratta dell’Ucraina?”

La risposta è che i leader americani sono impegnati ad aiutare l’Ucraina nel suo conflitto con la Russia.

BUTTIGIEG DIFENDE BIDEN CONFONDENDO UCRAINA E IRAQ DUE VOLTE IN 2 GIORNI: ‘MOLTO CONCENTRATO SUI DETTAGLI’

La storia dirà chi ha ragione e chi ha torto su questo fronte. Allo stesso modo in cui la storia ha giudicato il coinvolgimento degli Stati Uniti in America Centrale contro le influenze sovietiche o perseguendo la guerra in Iraq. Ricordate che il pacchetto di aiuti esteri include denaro per Israele. I repubblicani del Congresso erano più a loro agio nell’aiutare Israele rispetto ad alcuni liberali.

Il senatore Bernie Sanders, I-Vt., è stato uno degli oppositori più espliciti all’invio di dollari statunitensi in Israele .

“In parole povere, siamo profondamente complici di ciò che sta accadendo. Questa non è una guerra israeliana. Questa è una guerra israelo-americana. La maggior parte delle bombe e della maggior parte dell’equipaggiamento militare che il governo israeliano sta utilizzando sono forniti dagli Stati Uniti e sovvenzionati dai contribuenti americani”, ha detto Sanders. “Stiamo aiutando e favorendo la distruzione del popolo palestinese”.

Anche il deputato Cori Bush, D-Mo., si è opposto alla legislazione alla Camera.

I DEMOCRATICI DELLA SQUADRA SPINGONO L’EMENDAMENTO DEL PACCHETTO DI AIUTI A ISRAELE NEL MANCATO TENTATIVO DI CESSARE IL FUOCO: “MANDANDANTE DI MORTE SUI PALESTINESI”

“Questo disegno di legge approvato oggi è una condanna a morte. Una condanna a morte contro i palestinesi”, ha detto Bush. “Apparentemente, ciò significa che i palestinesi non sono così apprezzati. Che le loro vite non hanno lo stesso valore di quelle israeliane. E devo dirlo, per coloro che la pensano così, vergognatevi.”

Tornando all’Ucraina, era chiaro che McConnell avesse avuto la meglio. Forse è uno dei suoi ultimi grandi risultati politici come leader repubblicano. McConnell non chiamò Vance per nome. Ma era chiaro a chi si rivolgeva in un appassionato discorso.

“Gran parte dell’esitazione e della miopia che hanno ritardato questo momento si basano su pura finzione”, ha detto McConnell. “Non provo alcun piacere nel confutare fantasie fuorvianti. Vorrei sinceramente che il riconoscimento delle idee responsabili della leadership americana fosse il prezzo per l’ammissione a una conversazione seria sul futuro della nostra sicurezza nazionale”.

Il leader della maggioranza al Senato Chuck Schumer, DN.Y., ha fatto eco alla sua controparte.

“Il raggiungimento di questo obiettivo è stato uno dei più grandi risultati che il Senato abbia ottenuto negli ultimi anni. Forse decenni. Molte persone all’interno e all’esterno del Congresso volevano che questo pacchetto fallisse”, ha detto Schumer.

“Penso che abbiamo voltato pagina rispetto al movimento isolazionista”, ha osservato McConnell. “Si potrebbe sostenere che questo è un momento più impegnativo in questo momento rispetto a quello che ha preceduto la seconda guerra mondiale. Non voglio che ci voglia qualcosa come l’attacco di Pearl Harbor per attirare la nostra attenzione.”

Gli Stati Uniti rimasero in disparte mentre Adolf Hitler dominava l’Europa negli anni ’30 e all’inizio degli anni ’40. Gli Stati Uniti furono coinvolti solo dopo che i giapponesi bombardarono Pearl Habor e il primo ministro britannico Winston Churchill fece un appello all’America durante una sessione congiunta del Congresso subito dopo Natale nel 1941.

L’America sceglie le sue guerre; L’America ha scelto le sue guerre in Ucraina e Israele.

La storia giudicherà se quelle furono le decisioni giuste.

Chad Pergram attualmente ricopre il ruolo di corrispondente senior del Congresso per FOX News Channel (FNC). È entrato a far parte della rete nel settembre 2007 e ha sede a Washington, DC

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.