UN VOTO CHE FA CHIAREZZA da PRESSENZA e AGORAVOX
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
9608
post-template-default,single,single-post,postid-9608,single-format-standard,stockholm-core-2.3.2,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-9.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-6.7.0,vc_responsive

UN VOTO CHE FA CHIAREZZA da PRESSENZA e AGORAVOX

Un voto che fa chiarezza: “E adesso si continua con le Lotte Sociali”

27.09.22 – Fulvio Vassallo Paleologo

Il voto del 25 settembre, caratterizzato da un forte astensionismo e da una legge elettorale infame, ha confermato le posizioni di un elettorato che ha trovato nella destra nazionalista lo sbocco della protesta contro le politiche portate avanti dal governo Draghi. Politiche che non hanno intaccato le crescenti differenze sociali, senza riuscire a proporre nuove prospettive, oltre il sostegno alla guerra ed agli armamenti, di fronte al disastro ambientale incombente, mentre i diritti sociali sono sempre più a rischio per la crisi economica che fa soffrire le famiglie più povere e le imprese più piccole.

Questa sconfitta della democrazia è stata resa possibile dalle scelte del Partito Democratico, che ha prima puntato sulla sterile contrapposizione ideologica con la destra della Meloni, e poi ha insistito, restando all’interno dell’agenda Draghi, sulla riconferma dell’impegno atlantista, sulla conservazione di un assetto economico che ha prodotto povertà diffusa, precarietà dei rapporti di lavoro, e una inarrestabile privatizzazione dei servizi sociali, dalla sanità alla scuola. Sul terreno delle politiche migratorie si è riconfermata la collaborazione con paesi terzi che non rispettano i diritti umani, una linea sulla quale si ritrova adesso la Meloni che tra poche settimane potrebbe inasprire il Memorandum d’intesa con la Libia, firmato da Gentiloni nel 2017, e introdurre procedure di espulsione e respingimento in violazione delle garanzie costituzionali e delle Convenzioni internazionali. Un inasprimento della legge Bossi Fini che il PD, negli anni in cui è stato al governo, non è riuscito ad abrogare. Allo stesso modo, come non si sono difesi i diritti sociali ed i diritti delle persone migranti, non si è riusciti neppure a vincere sul fronte dei diritti civili, con le sconfitte registrate sul DDL Zan e sul disegno di legge sul cd. “ius scholae”. Battaglie che sono presto scomparse dalla campagna elettorale.

La fluttuante collocazione del Movimento Cinque stelle, soprattutto sulla questione dirimente della guerra, sottovalutata dalla maggior parte degli elettori, di fronte alla drammaticità dei problemi politici che dovranno essere affrontati nei prossimi mesi, rende incerta la gestione dei consensi che si sono orientati sul movimento, anche a scapito dei partiti di sinistra. Senza mettere in discussione la guerra permanente in Europa, sostenuta dagli Stati Uniti e dalla Gran Bretagna, e le conseguenze sullo schiacciamento delle politiche europee sulla NATO, si rischia di svuotare il contenuto delle politiche proposte sul piano interno, quando si tratterà di adottare misure gravi di redistribuzione dei costi della crisi economica e dell’inflazione devastante, che stanno mettendo in ginocchio le fasce sociali più deboli. La mera difesa del reddito di cittadinanza non garantisce un impegno sul fronte di una diversa organizzazione dei rapporti di lavoro che combatta davvero sfruttamento e discriminazione, a partire dalla cancellazione del Jobs Act.

Vedremo quanto spazio avranno Sinistra italiana e Verdi in un parlamento nel quale il Partito democratico rispolvera la sua vocazione maggioritaria anche dall’opposizione, dopo avere affermato di avere concluso con Fratojanni e Bonelli un mero accordo elettorale, ma non un accordo politico. Adesso che le elezioni sono passate, e qualche seggio parlamentare è stato conquistato, quali possibilità di vere lotte sociali per chi si dichiara disponibile addirittura ad un’alleanza con Calenda e non va oltre la proposta di una ricomposizione dell’alleanza con i Cinque stelle ed il Partito democratico ? Su quali basi programmatiche comuni, su quale pratiche condivise si potranno fondare alleanze nelle lotte a sinistra in un momento in cui da destra arrivano inviti alla pacificazione ed alla collaborazione nell’interesse nazionale? Ci sarà finalmente la capacità di proporre e praticare dal basso un vero progetto di alternativa al governo delle destre, ma anche alle politiche economiste di Calenda e di Renzi? E’ tempo di andare oltre una politica di autoconservazione di ceto politico che, pur superando la soglia di sbarramento, non è riuscita a contrastare adeguatamente l’abbattimento dello Stato sociale e la deriva autoritaria in corso nel paese. Deriva che è partita anni prima dell’insediamento del nuovo governo Meloni.

Le donne e gli uomini che appena lo scorso luglio hanno dato vita al progetto di Unione popolare non hanno lavorato per difendere poltrone all’interno di un sistema economico neo-liberista, ma sono andati in campagna elettorale per ascoltare i bisogni dei ceti più deboli e per proporre soluzioni concrete. Il loro percorso di anni di lotte sociali garantisce ancora oggi che nessuno si tirerà indietro. Una legge elettorale iniqua, che ha penalizzato il voto a distanza e la partecipazione dei fuori sede, ha imposto persino una raccolta delle firme in pieno agosto, una prova che è stata superata di slancio. Si è creata una comunità che non resterà inerte ad assistere all’avanzata della destra. Il risultato negativo conseguito dalla lista deriva, oltre che dai tempi troppo compressi per scelta della Presidenza della Repubblica, dalla mancanza di mezzi finanziari, dall’oscuramento da parte dei grandi media e dei sondaggisti, e da una innegabile difficoltà di comunicazione di contenuti programmatici che erano gli unici, tra le diverse opzioni elettorali, di impronta autenticamente pacifista, sociale ed ambientale.

Di fronte alla vittoria della peggiore destra europea, già salutata da Orban, quinta colonna di Putin in Europa, con un chiaro messaggio di omologazione politica, Unione Popolare dovrà trasformare la sua rete di consensi, che pure si sono aggregati in questa fase, in organizzazione politica presente sul territorio, capace di innervarsi all’interno dei conflitti sociali che scoppieranno nei prossimi mesi in tutte le regioni del paese, ma anche nel progetto di costruzione di una nuova Sinistra europea. Alle prossime elezioni amministrative, in Lombardia e nel Lazio, nei singoli comuni, come alle elezioni europee del 2024, occorrerà portare le lotte sociali nelle quali le diverse componenti di Unione Popolare dovranno impegnarsi per ampliare la base di consenso e per costringere alla coerenza le altre forze che si richiamano alla sinistra.

Per affrontare queste sfide occorre superare logiche burocratiche, linguaggi obsoleti e barriere generazionali. Il Progetto di Unione Popolare va rilanciato rivolgendo ai giovani proposte concrete di partecipazione e di impegno. La vera sfida da vincere è la partita sull’indifferenza che si nasconde dietro l’astensionismo e la sfiducia dell’elettorato più giovane. Comincia oggi una lunga traversata nel deserto dei diritti, non è facile prevedere i tempi di ricomposizione di una base sociale capace di esprimere una alternativa politica al sistema neo liberista, basato sulle privatizzazioni, sulla delocalizzazioni, sulla rendita finanziaria e sulla guerra economica, ormai legata ali conflitti armati ed alla proliferazione degli armamenti. La straordinarietà del momento storico che stiamo vivendo non è stata colta dall’elettorato.

Fatti terribili, come la guerra in Europa, la crisi ambientale e la crisi economica, con eventi imprevedibili che si potranno verificare già nelle prossime settimane o nei prossimi mesi, metteranno il nuovo governo italiano di fronte a contraddizioni che ne potrebbero compromettere la sopravvivenza. In queste contraddizioni, che spaccheranno la società italiana e forse anche le forze di governo, e nelle lotte sociali che si scateneranno, malgrado tutti i tentativi di falsa pacificazione che sta rilanciando la Meloni, le donne e gli uomini che hanno dato vita al progetto di Unione Popolare saranno presenti, come lo sono stati in passato. Se non ci sarà una rappresentanza in Parlamento, si andrà sui territori e si allargheranno le reti di comunicazione e di formazione per una svolta culturale, prima che politica. Nessun cedimento sul fronte della difesa delle persone e dei ceti più deboli.

Andrea Scanzi: questo passa il convento

Giuseppe Aragno (sito) 30 settembre 2022

A dar retta a Scanzi, un giornalista che ritenevo obiettivo e di qualità, Luigi De Magistris e gli elettori di «Unione Popolare» sono stati velleitari e infantili. Sapevano che non avrebbero superato la soglia di sbarramento e si sono ostinati, poveri idioti, a rifiutare il ricatto del «voto utile», scegliendo chi pensavano e pensano che li rappresenti.

 Seguendo il principio di Scanzi, qualora fossimo chiamati a votare con una legge che – in nome del feticcio della «governabilità» – ponesse lo sbarramento al 26 %, per non rischiare di essere giudicati velleitari e infantili, dovremmo limitarci a scegliere tra la Meloni o il Letta di turno.

Questo passa il convento, dice insomma Scanzi, al quale vorrei chiedere però, di spiegarmi perché ai primi del 2021 il bipresidente Mattarella, caduto Conti, chiamò Draghi. Perché eravamo in un mare di guai? Perché c’era il Covid, avevamo tagliato il numero dei parlamentai e non si poteva votare con una legge mille volte peggiore della fascista «legge Acerbo»? E perché stavolta ha sciolto le Camere e ci ha mandati a votare? Eppure il Covid c’è ancora, i guai sono aumentati, la fame ci minaccia, Draghi ci ha messo l’elmetto e la legge elettorale è sempre la stessa. Perché Mattarella non ha incaricato la Presidente del Senato di formare un «governo del Presidente» con l’incarico di dare al Paese una legge elettorale democratica, magari proporzionale e senza sbarramento?

A Scanzi non pare che, se il presidenza della Repubblica e quello del Consiglio, l’infallibile Draghi, avessero consentito alla gente di scegliere davvero chi votare, oggi non avremmo il 63 % di astenuti e molti piccoli partiti sarebbero entrati in Parlamento?

Scanzi, giornalista liberale, indipendente e colto, non sa che, quando i Presidenti rispettavano e facevano rispettare la Costituzione, la cosiddetta «legge truffa» non passò? Piero Calamandrei, Ferruccio Parri e Tristano Codignola, infatti, si presentarono con un piccolo e neonato partito – «Unità Popolare» – presero l’1 % e con la manciata di voti presi (meno di quelli ottenuti oggi da «Unione popolare»), impedirono che la legge avesse il suo drammatico effetto: il progetto autoritario, infatti, fu battuto per poco più di 34.000 voti.
Parri, Calamandrei e Codignola erano anch’essi velleitari e infantili?
No. Più semplicemente e molto più democraticamente il garante della Costituzione era Luigi Einaudi, il popolo – sovrano baluardo della democrazia costituzionale – poteva votare chi lo rappresentava e i voti non andavano sprecati.

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.