RICOSTRUIRE LA COESIONE SOCIALE da IL FATTO
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
10402
post-template-default,single,single-post,postid-10402,single-format-standard,stockholm-core-2.3.2,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-9.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-6.7.0,vc_responsive

RICOSTRUIRE LA COESIONE SOCIALE da IL FATTO

La destra vince per rassegnazione: l’unica soluzione è ricostruire la coesione sociale

Fabio Marcelli  07/12/2022

Sono varie le ragioni per le quali la destra, non solo in Italia ma in vari Paesi d’Europa e del mondo occidentale, tende ad imporsi negli appuntamenti elettorali e più in generale nella società. La prima è legata al peggioramento della qualità umana, culturale e intellettuale della società stessa. Le persone sono giustamente sempre più disorientate, impaurite, spaventate dai fenomeni deteriori che il capitalismo porta con sé, come le nubi portano i temporali: guerra, disastri ambientali, miseria, disoccupazione, negazione dei più elementari diritti sociali alla salute, all’istruzione, ecc.

Molti, non vedendo una soluzione collettiva praticabile, si ripiegano su se stessi, si avviliscono e si deprimono o cercano un’impossibile soluzione individuale. Altri si affidano ai canali tradizionali del potere: clientelismo politico, mafie di vario genere. Altri ancora, buona parte della piccola imprenditoria diffusa che caratterizza il nostro Paese, tentano di battere, colla connivenza del potere politico, la strada del profitto a tutti i costi, facendo ricorso all’evasione fiscale e previdenziale e alla violazione dei più elementari standard ambientali e sociali, e allo sfruttamento esasperato della manodopera, specie di quella immigrata, in genere più ricattabile. È la retorica del “fare” , che costituisce l’ideologia di fondo del governo Meloni, unitamente al tentativo di introdurre un certo spirito di caserma e all’odio verso i poveri, quasi che fossero loro i responsabili della situazione in cui vivono. È il darwinismo sociale, la sciagurata ideologia di stampo razzista secondo la quale solo i “migliori”, i quali, secondo un’accezione distorta del merito sono i più spregiudicati e spesso i più asociali, sono destinati a sopravvivere e ad arricchirsi, mentre tutto coloro che non ce la fanno è bene che periscano.

Dopo la corte dei Conti pure Bankitalia boccia la manovra: “La flat tax è iniqua verso i lavoratori dipendenti. E il contante favorisce l’economia sommersa”

Tale ideologia deplorevole si combina alla perfezione colla guerra permanente che, sia pure alla chetichella (si veda anche la votazione praticamente clandestina colla quale maggioranza di governo e Pd hanno approvato la proroga delle forniture di armamenti a Zelensky), la Nato ha dichiarato alla Russia, alla Cina e a chiunque si discosti dai sacri parametri del sistema occidentale. La guerra compatta ideologicamente una minoranza di guerrafondai, che fanno capo alle varie destre, da Meloni & C. a Renzi e Calenda a Letta, e ricaccia in condizioni di vita insopportabili la stragrande maggioranza della popolazione, mentre ingenti risorse vengono sottratte alla spesa sociale e destinate ad alimentare gli extraprofitti dell’industria bellica e di quella energetica che fa anch’essa parte a pieno titolo dell’economia di guerra che si va costruendo. Si tratta dei due settori trainanti dell’attuale sottosviluppo italiano sotto l’egida della Nato e dell’Unione europea.

Il Responsabile per la politica estera e di sicurezza di quest’ultima, Josep Borrell, ha avuto modo di formulare negli ultimi giorni dei pensieri assolutamente agghiaccianti, che danno l’idea del baratro in cui è caduta l’istituzione che rappresenta. Borrell ha detto che l’Europa rappresenta un “giardino”, mentre il resto del mondo costituisce un’immensa giungla, ha preso come modello i conquistadores che sterminarono le popolazioni indigene americane e ha affermato che gli Stati Uniti hanno avuto un facile cammino verso l’indipendenza, essendosi limitati ad “ammazzare quattro pellerossa”. Mai si era avuta un’esaltazione più chiara e definitiva del colonialismo razzista che costituisce il vero repellente Dna delle classi dominanti europee ed occidentali. Quest’ideologia colonialista si sposa alla perfezione colla retorica bellicista della guerra “in difesa della civiltà europea” che si starebbe combattendo colle vite degli ucraini e le armi dell’Occidente. Retorica che rende ad oggi impraticabile ogni negoziato per l’uscita pacifica da un conflitto che diventa ogni giorno più pericoloso.

L’altra faccia della guerra esterna è la repressione all’interno di ogni gruppo sociale che voglia mettere in discussione il potere e le sue manovre anticostituzionali. Si vedano al riguardo le giuste osservazioni di un osservatore acuto come l’ex ministro delle Finanze Visco nella sua intervista al Fatto.

Vincenzo Visco: “Il Pd si svegli: presto Meloni se la prenderà con la democrazia”

Di fronte a una situazione così disperata e disperante, l’unica soluzione è quella di ricostruire la coesione sociale, la consapevolezza e la coscienza di classe degli sfruttati che costituiscono l’immensa maggioranza del popolo italiano, come pure degli altri popoli, compresi quelli, come il russo e l’ucraino, oggi costretti a un’insensata guerra fratricida dall’interesse dei potenti.

Il corteo promosso dai sindacati di base nella giornata di sabato 3 dicembre, cui hanno partecipato migliaia di lavoratrici e lavoratori, in buona parte migranti, costituisce un segnale importante, anticipatorio di una necessaria risposta di massa al governo della guerra e della miseria e ai suoi alleati ufficiali e non. Risposta che potrà essere data se riusciremo a moltiplicare le forze politiche, sindacali e sociali che si pongono apertamente e in modo determinato su questo terreno, costruendo l’unità tra di loro come condizione di quella più vasta e generalizzata dell’intero popolo.

COMMENTO

Maurizio

La destra vince perché la sinistra ha preferito svolgere un’altra missione. Infatti, in uno dei 251287 cablo della diplomazia Usa, pubblicati da Wiki Leaks con riferimento alla politica interna italiana, risulta scritto che “il Pd è concepito dagli Usa come una operazione di contenimento della sinistra”. Dunque la sinistra è diventata pseudo sinistra o nuova destra. La metamorfosi venne perfezionata da D’Alema che nel 1999 scriveva:” La globalizzazione non è un mostro, ma neppure un valore in sé. Piuttosto è, semplicemente, la condizione nella quale viviamo. E può costituire, se governata, una straordinaria opportunità di crescita ..”I fatti hanno dimostrato che è impossibile a livello planetario governare la globalizzazione, anzi è la globalizzazione che governa il mondo. Dunque, la globalizzazione è un mostro che sta scardinando diritti e tutele sociali faticosamente conquistati in due secoli di lotte. Lo dimostrano le privatizzazioni selvagge, la deriva neoliberista, l’arroganza delle multinazionali, lo scempio dei diritti dei lavoratori. Non basta: la deriva destrorsa della pseudo sinistra venne suggellata il 24 marzo 1999 quando dalle basi in Italia gli aerei della Nato, senza alcun mandato dell’Onu, né del parlamento italiano, si alzarono in volo per bombardare Belgrado. Solo il 26 dello stesso mese il Parlamento ratificò, su proposta del premier D’ Alema, la guerra già in atto. L’Art.78 stabilisce, invece, che: “Le Camere”(-e non la Nato-) “deliberano lo stato di guerra”.

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.