L’ANELLO MANCANTE. VADEMECUM DEL PARTITO CHE NON C’È da IL MANIFESTO
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
10560
post-template-default,single,single-post,postid-10560,single-format-standard,stockholm-core-2.4,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-9.6,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-6.13.0,vc_responsive

L’ANELLO MANCANTE. VADEMECUM DEL PARTITO CHE NON C’È da IL MANIFESTO

L’anello mancante. Vademecum del partito che non c’è

L’Italia è piena di movimenti, comitati, centri di azione e di elaborazione, critica e proposta. Nulla che assomigli neanche da lontano agli scambi vitali di una volta. Un’approfondita riflessione di Alberto Asor Rosa dall’archivio del manifesto del 18 giugno 2010

Alberto Asor Rosa  18/06/2010

E ora? Ora mi pare che le cose siano andate esattamente nel senso enunciato e previsto dal «piano». Non parlo neanche, almeno non prevalentemente, del «governo delle larghe intese». Mi limito da questo punto di vista a esprimere l’opinione, di carattere generalissimo, secondo cui non esiste, non è mai esistito, un governo al di sopra delle parti: un governo è sempre di parte; è per qualcuno, contro qualcuno. La natura cogente del «governo delle larghe intese», – quella predisposizione a cambiare in profondità il sistema della rappresentanza in Italia, predisposizione che, ad esempio, non era né poteva essere di «governo tecnico», – risulta dal fatto che, sempre più chiaramente, si va formando al centro, fra governo e partiti, una nuova e inedita articolazione, più visibile e percepibile da un punto di vista ideologico e culturale che è strettamente politico, la quale vede uomini del centro-sinistra e uomini del centro-destra solidamente affiancati allo scopo di procedere a lungo (ripeto: a lungo) verso questa medesima, comune direzione. Il «governo delle larghe intese» potrebbe diventare, a quel che si sente e si vede, l«incubatore, se non di una nuova formazione politica, di una comune cultura politica, destinata a determinare anche in futuro l’orientamento di ambedue le formazioni.

MA IL PUNTO DECISIVO è se e come il Pd riuscirà a uscire dalla morsa in cui è stato gettato e si è gettato. Dico subito che non condivido le danze macabre che qualcuno, molto sollecitamente, ha iniziato, e con grande entusiasmo, intorno al suo presunto cadavere. Se il Pd è perduto, dovremo lavorare, qualcun altro dovrà lavorare per decenni perché un nuovo processo abbia inizio. Dunque, finché non è perduto, bisognerà sforzarsi di evitare che lo diventi.

Certo, detto questo, il quadro è desolante. Il risultato soddisfacente delle elezioni amministrative dimostra soltanto che, risalendo talvolta a fatica lo tsunami dell’astensionismo, il Pd gode ancora, nonostante tutto, e il centro-sinistra con lui, di un elettorato di appartenenza, che ne cede anch’esso qualcosa all’astensionismo, ma meno, talvolta molto meno, di altri. Ma il dato impressionante è l’incremento esponenziale dell’astensionismo, frutto di una crisi di sfiducia nei confronti di tutto il sistema, a cui sarebbe vano pensare che il risultato elettorale amministrativo del centro-sinistra come il frutto della politica delle «larghe intese». Questo risultato va letto invece, esattamente come una smentita alla linea della «normalizzazione», che è stata dominante nei mesi passati. Da qui, se mai, deve ripartire una nuova riflessione su natura e destino del Pd e conseguentemente del centro-sinistra (inteso come motore dell’intero processo).

DA PARTE MIA enuncerei una serie di punti e di modi, – non temo smentite, nel senso più assoluto del termine, – nessuno parla dentro questo partito; e pochi fuori.

1) Do per scontato che debba esserci un «partito», organizzato democraticamente, e non grillinamente (o berlusconiamente) liquido. Ma: chi rappresenta questo partito? Quali interessi difende e tutela (al di là o al di sopra di quell’«interesse nazionale», che è da sempre il simulacro appariscente di un qualche «interesse particolare»)?

Come si fa a non tentare neanche di rispondere a questa domanda? Ciò che non avviene più da anni, forse da decenni (Una ricostruzione storica dovrebbe risalire a l’89, o giù di lì). E in tempo di crisi, oggi, l’assenza di questa risposta tende a diventare drammatica.

L’antipolitica non è il frutto di una generica condanna di comportamenti politici genericamente intesi: è il frutto della totale assenza di corrispondenza fra interessi e rappresentanza. Se questa corrispondenza esistesse e fosse praticata con assoluta chiarezza, deputati e senatori potrebbero persino aumentarsi gli stipendi, e nessuno troverebbe qualcosa da ridire.

2) È sempre più tollerabile l’assoluta autoreferenzialità di questo partito com’è e delle sue interne discussioni. Mai uno sguardo che si volga all’esterno delle stanze segrete del potere. L’Italia è piena di movimenti, comitati, centri di azione e di elaborazione, critica e proposta. Nulla che assomigli neanche da lontano agli scambi estremamente vitali di una volta: si pensi, ad esempio, a Enrico Berlinguer e alle sue iniziative di consultazione di massa fuori dal partito. Altri tempi? Sì, ma dov’è allora oggi la diversità? Forse nel fatto che il partito si è supinamente adeguato alla civiltà dello spettacolo e della finzione? Le battaglie per il carattere pubblico dell’acqua, per i beni comuni, per nuove forme di partecipazione popolare, si arrestano, ignorate, alle soglie della macchina partitica. L’osmosi si è disastrosamente interrotta. Altro che «Italia bene comune»! Parola d’ordine vuota, se non riempita da diecimila contenuti.

3) E il lavoro? Possibile che nessuno noti, e faccia notare, che fra le tante anomalie italiane c’è anche l’assenza di un Partito socialista (salvo alcuni residui arginali)? Ora lasciamo stare, per amore di brevità e di chiarezza, la vecchia diatriba sulle etichette. Ma com’è possibile che la rinuncia all’etichetta abbia portato a questa colossale rinuncia alla rappresentanza dei ceti sociali legati alla produzione e del lavoro, e più necessariamente soggetti alla loro crisi, la quale in questo momento è il fattore discriminante per il destino del paese Italia?

Se il Pd non assumerà di nuovo con chiarezza tale rappresentanza, non compirà il passaggio che può garantire non la stentata sopravvivenza ma una ripresa in grande nel sociale, e dunque (dico io) nel paese.

4) Esiste o no una «questione morale» in questo paese? Una «questione morale», che riguarda singoli soggetti, gruppi organizzati e pezzi interi del sistema, e invade sempre più spesso le istituzioni, la politica e persino il senso comune?

C’È UN SILENZIO impressionante su tutta questa sfera dell’agire pubblico, che fa da sgabello alle operazioni più spregiudicate. Dalla risposta a questa domanda dipende una parte importante, anzi decisiva, dell’essere organizzazione politica di un certo tipo e non di un altro. Può un partito come il Pd non disseppellire la «questione morale» e farne la propria bandiera?

5) Il Pd vive meglio, è meglio, in periferia che al centro. Non penso agli scout toscani: penso alle scelte amministrative, spesso fuori del controllo degli apparati, di città come Milano, Genova, Cagliari, oggi Roma, e con Roma la Regione Lazio. Metodologie di scelta degli apparati e dei candidati di tale natura andrebbero adottate anche a livello nazionale. Primarie generalizzate? Non solo, e non tanto: ma la verifica delle scelte, ogni qualvolta se ne fa una importante, in un quadro di trasformazione permanente. Un partito perpetuamente trasformativo, non fossilizzato.

6) Non c’è nuova politica in Italia se non c’è una nuova Europa in Europa: tutto quello che ho detto finora va proiettato su questo sfondo. Finora l’Europa è un insieme di vincoli elaborati e gestiti dall’oligarchia di Bruxelles. O si esce da questo ambito, recuperando capacità e possibilità di sviluppo diverse rispetto al presente, oppure dobbiamo rassegnarci a un futuro e a un ruolo di quarto o quinto grado. Qui si vede bene come l’interesse particolare (il lavoro, la partecipazione, la cittadinanza) è condizione, non remora o impedimento, dell’interesse generale (il bene del paese).

ORA, LA DOMANDA con cui concludere il discorso è: serve ancora in epoca post-moderna riflettere sulle coordinate generali dell’azione politica oppure no? Se si risponde no, l’azione politica sarà ridotta, come sempre più lo è, a gesto, improvvisazioni, spettacolo, battuta, gioco di potere, gutturale richiamo della foresta e, soprattutto, agli interessi personali e di carriera da difendere: in tal caso non ci interessa più, la lasciamo volentieri agli altri, a tutti coloro cui Mitridate ha insegnato bene la lezione. Se sì, bisogna rimboccarsi le maniche e lavorare. Infatti, mettere insieme tutte queste cose (e altre, naturalmente) – l’organizzazione democratica e partecipativa, la difesa degli interessi e del sociale, la rappresentanza del lavoro, l’osmosi fuori-dentro, il rapporto centro-periferia, un nuovo europeismo, – significa costruire un «progetto». Ce l’ha un «progetto» il Pd? No, non ce l’ha; o se ce l’ha, nessuno finora se n’è accorto.

Bene, il «progetto» è l’anello mancante, che serve a tenere insieme critica e moralità, azione politica e partecipazione, consenso e dissenso, proposte concrete e futuro lontano possibile. Daremo fiducia a quel gruppo dirigente che ci metterà sotto gli occhi l’anello mancante. Se nessuno farà vedere l’anello mancante, non daremo fiducia.

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.