LA RICOSTRUZIONE DELLA DEMOCRAZIA: UN’URGENZA ATTUALE da IL MANIFESTO e IL FATTO
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
15866
post-template-default,single,single-post,postid-15866,single-format-standard,cookies-not-set,stockholm-core-2.4,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-9.6.1,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-7.1,vc_responsive

LA RICOSTRUZIONE DELLA DEMOCRAZIA: UN’URGENZA ATTUALE da IL MANIFESTO e IL FATTO

La ricostruzione della democrazia, un’urgenza attuale

RAGIONI PER ESSERCI. Per festeggiare la liberazione dal fascismo e dall’occupazione nazista, e per difendere lo spirito della Costituzione che costituisce il frutto positivo di quella lotta

Mario Ricciardi  10/04/2024

Perché il 25 aprile? Perché questo 25 aprile? La prima questione se la poneva Piero Scoppola già nel 1995, in un breve libro che si apriva proprio con la domanda se avesse senso e, nel caso, quale fosse il senso di celebrare l’anniversario della liberazione.

L’occasione era il cinquantennio del 25 aprile del 1945, ma la riflessione di Scoppola non era motivata soltanto dalla ricorrenza «tonda», come si usa dire. Lo storico scriveva poco tempo dopo le inchieste di Tangentopoli che avevano innescato una crisi del sistema politico italiano destinata a modificare profondamente il profilo dell’offerta politica. Buona parte dei partiti che nel 1945 avevano guidato, dopo vent’anni di regime fascista, la transizione dell’Italia verso la democrazia, erano stati travolti dalle indagini della magistratura.

Messi di fronte a una drammatica crisi di credibilità, alcuni si erano sciolti, altri stavano cambiando la propria identità. La suggestione del «nuovo inizio» (della «seconda repubblica») appariva irresistibile, anche per via di un diverso sistema elettorale che segnava una profonda discontinuità con la scelta proporzionalista cui il parlamento repubblicano era rimasto fedele per più di quaranta anni.

Pur essendo un convinto sostenitore della necessità di cambiare il sistema elettorale, e di aggiornare alcuni aspetti della Costituzione, Scoppola non fu allora tra quelli che si lasciarono inebriare dall’idea di fare «tabula rasa» della cultura politica nata dall’antifascismo, consolidatasi nella resistenza e, poi, passaggio di cui lui sottolineava l’importanza, nei lavori dell’Assemblea costituente. Al contrario, egli difendeva con forza l’idea che «l’antifascismo è stato declinato (…) in positivo nell’affermazione dei valori della persona umana, della libertà e della solidarietà, è stato tradotto cioè nei valori che il fascismo stesso, specie nella sua ultima fase, aveva negato e calpestato.

Per la Costituzione repubblicana può valere perciò quella identificazione fra democrazia e antifascismo che non può essere affermata né sul piano astratto dei principi né sul piano storico generale: la Costituzione democratica del ’48 è antifascista perché l’antifascismo della Costituzione stessa è compiutamente democratico». Era, insomma, il nesso tra antifascismo e i valori della prima parte della Costituzione repubblicana, per Scoppola, a dare ancora un senso al 25 aprile a cinquanta anni dalla Liberazione. Proprio nella fase in cui si rimetteva in discussione buona parte dell’eredità politica – le persone, i partiti, le culture – del dopoguerra, i principi costituzionali rimanevano un punto fermo.

A me pare che, nel tempo trascorso dal 1995, le ragioni di fondo proposte da Scoppola per difendere il senso del 25 aprile come festa repubblicana siano ancora valide. Che lo siano anzi, ancor di più, in considerazione di quanto sappiamo oggi, e Scoppola non poteva prevedere, sull’evoluzione del sistema politico, e della cultura pubblica, del nostro paese. Oggi al governo c’è una coalizione guidata da un partito che affonda le proprie radici proprio nel fascismo (anche e soprattutto quello repubblichino, di cui Scoppola segnalava l’incompatibilità con i valori repubblicani).

L’esperienza ci ha mostrato che il processo di revisione culturale a destra, avviato negli anni Novanta, non è mai stato portato a termine in modo compiuto. Una studiata strategia di ambiguità e ammiccamenti rassicura i nostalgici del passato mentre si blandiscono i moderati assumendo posture bellicose in politica estera e nella politica economica. Non si attaccano direttamente i principi della Costituzione, ma si opera (sempre con l’acquiescenza dei moderati) per eroderne la forza. Si ignorano i diritti delle persone (a partire da quelli dei migranti), si restringono gli spazi per il dissenso (anche con l’uso sproporzionato della forza), si indeboliscono di proposito i legami di solidarietà tra forti e deboli, sia sul piano dei rapporti interpersonali, sia su quelli tra nord e sud del paese (con la «secessione dei ricchi»).

Per questo credo sia doveroso rispondere all’appello lanciato da questo giornale per trovarci tutti in piazza a Milano il prossimo 25 aprile. Per festeggiare la liberazione dal fascismo e dall’occupazione nazista, e per difendere lo spirito della Costituzione che costituisce il frutto positivo di quella lotta. Cui hanno contribuito non solo i combattenti, e i resistenti disarmati, ma anche tutti coloro che dopo la fine delle ostilità hanno fatto la propria parte nella costruzione della democrazia a cui dobbiamo quasi ottanta anni di pace e di progresso morale.

Bobbio e Sartori, maestri militanti

CONTROCORRENTE – Mai ideologi di regime, mai corifei di partito, mai servi dei padroni. Hanno scritto lasciando un’impronta profonda e suscitato le ire dei soliti potenti, da Craxi a Berlusconi

 MAURIZIO VIROLI  10 APRILE 2024

Quest’anno ricorre il ventesimo anniversario della morte di Norberto Bobbio (1909-2004) e il centenario della nascita di Giovanni Sartori (1924-2017).

Mai ideologi di regime, mai corifei di partito, mai servi di politici potenti; hanno scritto libri che hanno lasciato un’impronta profonda in chi li ha letti e capiti, e suscitato le ire dei politici corrotti, come Craxi, che accusò Bobbio di essere un filosofo “che aveva perso il senno”. Di Bobbio basti citare Politica e cultura (1955), Destra e sinistra (1976), Il problema della guerra e le vie della pace (1979), Il futuro della democrazia (1984), Tra due Repubbliche. Alle origini della democrazia italiana (1996); di Sartori, Homo videns (1997) Mala tempora (2004), Mala costituzione e altri malanni (2006), Il sultanato (2009). Ebbero tuttavia un diverso rapporto con l’attività politica. Bobbio partecipò alla Resistenza antifascista e militò, senza mai ricoprire incarichi di partito o cariche pubbliche, in Giustizia e Libertà, nel Partito d’Azione, nel Psu, nel Psi di Francesco De Martino, e fu senatore a vita dal 1984. Che io sappia, Sartori si tenne più lontano dalla militanza politica in senso stretto.

Bobbio aveva più lo stile dell’umanista che dello scienziato politico; Sartori più dello scienziato politico che dell’umanista. Mentre lo scienziato limita il suo campo d’indagine a un ambito ben definito, l’umanista cerca di capire la condizione umana in tutti i suoi aspetti. L’ammirazione di Sartori per Bobbio come intellettuale militante risale, credo, alla metà degli anni Cinquanta quando Bobbio pubblicò per Einaudi, nel 1955, Politica e cultura: “Quel libro, quella splendida raccolta di saggi, è uno dei libri che mi hanno influenzato. È un testo che insegna a tutti noi (spero) che l’uomo di cultura deve evitare due estremi: da un lato l’estremo della cultura politicizzata che obbedisce alle direttive dei politici, e dall’altro l’estremo della cultura che si rinchiude in una torre d’avorio”. Bobbio “è approdato alla scienza politica anche, e forse soprattutto, in funzione della sua passione civile”. Cito dal bel libro di Gianfranco Pasquino, Bobbio e Sartori. Capire e cambiare la politica.

Con il passare degli anni si consolidò fra i due studiosi una profonda amicizia. Fin dall’inizio dell’era berlusconiana, Bobbio fu un oppositore intransigente. Il 10 febbraio 1994, su La Stampa, tre mesi prima dell’insediamento del primo governo Berlusconi, Bobbio pubblica l’editoriale La separazione come arte liberale dove sostiene che “Non ha precedenti in Paesi democraticamente più maturi del nostro una tendenza all’unificazione del potere politico col potere economico, e col potere culturale attraverso il potentissimo strumento della televisione, incomparabilmente superiore a quello dei giornali, che tuttavia furono chiamati il quarto potere, come quella che si intravede nel movimento di Forza Italia. L’unificazione dei tre poteri in un solo uomo o in un solo gruppo ha un nome ben noto nella teoria politica. Si chiama, come lo chiamava Montesquieu, dispotismo”.

Due anni più tardi, in un articolo scritto pochi giorni dopo la vittoria della coalizione dell’Ulivo guidata da Romano Prodi (21 aprile 1996), Bobbio insiste sul carattere personale, demagogico, teatrale del potere di Berlusconi e descrive Forza Italia come il primo “partito personale di massa”“Ma la novità assoluta e strabiliante di Forza Italia sta nell’essere, come dire? Il primo partito personale di massa. Chi ha votato Forza Italia, non ha scelto un programma, ha scelto una persona, quel signore sempre elegantissimo, che conosce bene l’arte di attrarre l’attenzione su di sé con il suo eloquio, la sua maniera disinvolta e accattivante di muoversi e di rivolgersi al proprio pubblico, anche raccontando di tanto in tanto, con la perizia del vecchio comico, una barzelletta; sempre sorridente, sicuro di sé, abile semplificatore di concetti economici tanto da renderli alla portata di tutti; bravissimo nel farsi compiangere come vittima di complotti, di cospirazioni, di tradimenti, ingenuo bersaglio di nemici cattivi e di perfidi alleati. L’avrete pur visto qualche volta quando preceduto dal suo inno entra in un grande salone gremito di gente, che al suo arrivo si alza in piedi e per alcuni minuti grida, anzi, invoca ‘Silvio, Silvio!’”.

Anche Sartori fu un critico severo della prima ora. Habemus gubernum, “abbiamo il governo”, scrive il 24 aprile 1994, meno di un mese dopo le elezioni del 27 e 28 marzo che aprirono la via al primo governo Berlusconi. “E ora? Avere un governo non è avere governabilità, e cioè un governo in grado di governare, con forza di governare. Il Cavaliere è balzato in sella; ma il suo cavallo ha tutta l’aria di essere un ronzino”. Tre mesi dopo, Sartori accusa Berlusconi di volere un potere senza limiti: “L’esercizio maggioritario del potere non comporta che un governo debba ‘prendere tutto’ (‘est modus in rebus’) e che qualsiasi negoziato, qualsiasi compromesso, siano per forza nefandezze ‘consociative’”.

Con la sua ironia fiorentina, Sartori conia per Berlusconi epiteti che non hanno bisogno di commento: “Cavalier Traballa” (9 giugno 1997); “Cavalier Giravolte” (16 febbraio 1999). Ironico sì, ma anche molto serio e severo quando difende contro Berlusconi i principi della democrazia liberale. “Lo scandalo della politica italiana è che i voltafaccia non importano, le figuracce non contano, nessuno si vergogna di niente. Va detto a tutta gola, allora, che tutto questo è vergogna. La prima regola dell’essere seri è di rispettare le regole della democrazia. A me è stato insegnato, e ho a mia volta insegnato, che democrazia è rispetto della regola di maggioranza; sempre, e non soltanto quando l’odore è giusto e quando fa comodo”, (9 giugno, 1997).

Quello di Berlusconi, scrive Sartori nel gennaio del 2002, è un “padronato personalizzato”. Un mese dopo descrive il potere di Berlusconi come uno “strapotere anomalo”: “Grosso modo, in Italia i poteri che dovrebbero frazionare il potere sono cinque: esecutivo, legislativo, giudiziario, presidenziale, più (di fatto) il potere mediatico. Ma tre di questi poteri si stanno fondendo in un inedito ‘dispotismo elettivo-mediatico’ che spaventerebbe a morte persino gli smaliziatissimi Madison e Hamilton; e un altro potere, quello giudiziario, vacilla sotto un pesante attacco” (5 febbraio 2002).

Passano sette anni e Sartori elabora l’idea del dispotismo elettivo-mediatico nella teoria del sultanato. Vale la pena di citare il passo per intero: “Nei suoi due precedenti periodi di governo Berlusconi si è impegnato a salvare se stesso dalla magistratura e a corazzare un impero tutto intriso di conflitti e di abusi di interesse. Questa volta su questo fronte è oramai tranquillo. E si è così dato a costruire, all’interno di Palazzo Chigi, e della sua personale sfera di potere, un sultanato. Mi sono divertito a battezzarlo così perché il termine (islamico) è evocativo, insieme, di fasto e di potere dispotico. […] Il Cavaliere sultaneggia su un partito cartaceo davvero prostrato ai suoi piedi. Nomina ministri e ministre chi vuole. Caccia chi vuole, come se fosse personale di servizio. Nessuno fiata. I ministri del partito di sua proprietà sono tali per grazia ricevuta. E tornano a casa senza nemmeno un gemito se così decide il padrone. Non manca, nel suo governo, nemmeno un gradevole harem di belle donne. Il sultanato era un po’ così”.

Il sultanato, nella tipologia di Montesquieu, è una forma di potere dispotico, le altre sono la Cina e la Persia. Come ho scritto all’inizio di questo articolo, nel 1994, Bobbio per descrivere il potere di Berlusconi, cita il concetto di dispotismo elaborato da Montesquieu. La convergenza di idee fra Bobbio e Sartori è significativa. Significativa, ma affatto sorprendente. Erano entrambi leali allo spirito autentico del liberalismo, la visione politica che detesta i poteri illimitati, enormi, arbitrari. La loro critica all’ideologia e al sistema di potere berlusconiani è una magnifica lezione di liberalismo autentico e un esempio di coraggio morale.

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.