L’ALLEANZA DEL LAVORO CON IL TEMPO LIBERO da IL MANIFESTO
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
11777
post-template-default,single,single-post,postid-11777,single-format-standard,cookies-not-set,stockholm-core-2.4,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-9.6.1,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-7.1,vc_responsive

L’ALLEANZA DEL LAVORO CON IL TEMPO LIBERO da IL MANIFESTO

L’alleanza del lavoro con il tempo libero

VERITÀ NASCOSTE. La rubrica settimanale a cura di Sarantis Thanopulos

Sarantis Thanopulos  01/04/2023

Nella protesta contro l’aumento dell’età pensionabile in Francia colpisce la partecipazione massiccia dei molto giovani. Lottano per un futuro che non li condanni alla schiavitù lavorativa e all’alienazione. Nella grande manifestazione che si è tenuta martedi scorso a Parigi, Mélenchon ha trovato le parole giuste per unire il lavoro al tempo libero. Finalmente un politico ha recepito la grande domanda inevasa dei nostri tempi: tempo per la vita perché il lavoro non diventi miseria esistenziale, dispositivo disumanizzante al servizio della mercificazione di ogni cosa.

Vale la pena di ascoltarle: «Non difendiamo solo il diritto di godere di una pausa della nostra esistenza. Affermiamo, soprattutto, che il tempo della vita non è solamente il tempo vincolato al lavoro e socialmente utile, ma anche il tempo libero. Il tempo libero non è un momento di inattività, ma un tempo di cui disporre quando possiamo decidere noi cosa fare: vivere, amare, prenderci cura dei nostri cari, leggere poesie, dipingere, cantare, anche non fare nulla, oziare. Il momento in cui possiamo essere totalmente umani. Loro dicono che “bisogna lavorare di più”. Perché? La chiave dell’avvenire e del futuro non è produrre ancora di più, ma produrre in maniera migliore e per farlo dobbiamo lavorare meno! La chiave di un futuro ecologico è lavorare meno così che la fatica possa essere più equamente ripartita tra tutti».

Sembrano parole «romantiche», utopie lontane da un approccio realistico alla vita. Sono, invece, espressione di una resistenza irriducibile al «realismo» produttivo dei nostri tempi infelici, che ci trasforma in entità resilienti, macchine performanti che, schiave del principio quantitativo, producono una concentrazione di beni inimmaginabile nelle mani di pochi. Beni in gran parte destinati all’immondizia, di cui nessun può fare uso per ricavare un piacere profondo e coinvolgente. In una società fondata sul principio di eccitazione e scarica che tende a dominare tutte le sfere della vita, espropriandoci sia dello spazio dell’intimità privata sia dei luoghi della convivialità cittadina, la differenza tra dominanti e dominati la fa la diversa disponibilità di mezzi per drogarsi: con il potere, con il consumo/annientamento di beni materiali, con il sesso, con la costruzione di realtà artificiali.

La deriva di un capitalismo lasciato operare secondo il principio di distruzione che abita il suo nucleo costitutivo, la misura la sostituzione del concetto di resistenza (l’opposizione a qualcosa che ci invade, ci opprime) con quello di resilienza (l’adattarsi al sempre peggio e all’alienazione). Gli esseri resilienti non conoscono la realtà perché temono le trasformazioni: agiscono evitandole, restando uguali a se stessi, e più il terreno si sbriciola sotto i loro piedi, più cercano rifugio nell’inerzia, nella desertificazione della loro esistenza.

Lavoro e tempo libero sono alleati naturali. Si nutrono l’uno dell’altro e perdono il loro senso di essere se sono dissociati. Il lavoro ha bisogno di un tempo di sedimentazione della sua esperienza, non assorbito dall’esigenza di performare, di maturazione dei processi di trasformazione che mette in gioco. Vive del piacere che la creatività dei suoi processi produce. Deve importare dallo spazio del tempo libero la sperimentazione e l’amore della scoperta, la capacità di variare prospettiva.

Le esperienze del tempo libero devono, a loro volta, importare dal lavoro lo sforzo dell’apprendimento che le rende realmente godibili e significative.
Il nostro senso del vivere (nel tempo del lavoro e nel tempo libero) viene dalla compenetrazione tra la tensione/fatica creativa e l’ozio: il «dolce far nulla», il sostare inoperoso, senza un fine preciso, nella sensualità piacevole diffusa della vita. Colpire il tempo libero in tutte le sue forme (la vita privata, la convivialità, le vacanze, il pensionamento) produce insensatezza e irragionevolezza.

Studiare la salute secondo una lente sociologica

SCAFFALE. Al centro del saggio di Simone Sarti e Marco Terraneo, che lavorano presso il Dipartimento di Scienze Sociali e Politiche dell’Università degli Studi di Milano, l’assunto che la malattia non è solo un fatto organico. Numerosi sono i legami tra malattia e società e le dimensioni sociali della malattia

Domenico Ribatti  01/04/2023

La salute è un tema di cruciale rilevanza per la sociologia. Ce ne danno conto Simone Sarti e Marco Terraneo, che lavorano presso il Dipartimento di Scienze Sociali e Politiche dell’Università degli Studi di Milano, nel loro saggio intitolato Studiare la salute. La prospettiva della sociologia (Carocci, pp. 222, euro 22). L’assunto di fondo è che la malattia non è solo un fatto organico. Numerosi sono i legami tra malattia e società e le dimensioni sociali della malattia: le malattie variano a seconda delle epoche e delle condizioni sociali; la malattia e la salute si definiscono in funzione delle esigenze e delle attese legate all’ambiente in cui si vive, alle relazioni familiari e professionali; le modalità di risposta alla malattia e le forme di cura sono socialmente condizionate. Le disuguaglianze sociali nella salute costituiscono una delle forme di ingiustizia sociale più grave.

LA SALUTE riconosciuta come uno dei diritti fondamentali dell’essere umano, dovrebbe essere garantita a tutti, tuttavia, le disuguaglianze sociali continuano a generare disuguaglianze nella salute. Lo Stato e le Regioni dovrebbero proporsi di adottare una strategia di lungo termine per ridurre le disparità nella salute e nella qualità sociale della vita. La medicina sociale, indagando i nessi esistenti tra malattie e fattori sociali e consolidando l’idea di malattia come fatto sociale, ha contribuito a creare il contesto favorevole per lo sviluppo delle scienze sociali.

Oggi la sociologia della salute è un campo dinamico che comprende una pluralità di prospettive e affronta molteplici temi, spaziando dallo studio dei servizi sanitari e delle organizzazioni sviluppate per la cura dei malati, allo studio della professione medica e del rapporto medico-paziente. Mentre nella medicina occidentale la salute viene tendenzialmente descritta come assenza di malattia e come qualcosa di obiettivamente accertabile, la sociologia adotta un approccio più comprensivo e una definizione multidimensionale di salute. Così la definizione sociologica di salute si avvicina a quella adottata nel 1946 dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, secondo la quale: «La salute si configura come uno stato di completo benessere, fisico, mentale e sociale e non va intesa semplicemente come assenza di malattia o infermità».

LA DIMENSIONE OGGETTIVA della salute è intrecciata con quella normativa. Un esempio in questo senso è costituito dal processo di medicalizzazione, ovvero quel processo in cui la conoscenza medica viene applicata a comportamenti che non sono immediatamente riconducibili alla biologia, ma sopra i quali la medicina esercita ugualmente un controllo. In questo contesto, il processo di medicalizzazione implica l’imposizione del modello medico nel definire e trattare anche problemi intrinsecamente sociali. Come scrivono Simone Sarti e Marco Terraneo, autori del saggio, «La ricchezza dello sguardo sociologico si mostra in tutta la sua forza nel momento in cui si confronta con fenomeni eterogenei che impongono sfide di elevata complessità, multidimensionali, come è la salute».

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.