LE LENTI DELLA PACE SULL’ECONOMIA DI GUERRA da IL MANIFESTO
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
9509
post-template-default,single,single-post,postid-9509,single-format-standard,stockholm-core-2.3.2,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-9.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-6.7.0,vc_responsive

LE LENTI DELLA PACE SULL’ECONOMIA DI GUERRA da IL MANIFESTO

Le lenti della pace sull’economia di guerra

NUOVA FINANZA PUBBLICA. La rubrica settimanale a cura di Nuova Finanza pubblica

Antonio De Lellis  24/09/2022

Che cos’è una economia di pace in un mondo abitato da economie di guerra? Insieme a Clara Capelli, economista dello sviluppo esperta di Medio Oriente e Nord Africa, e insegnante presso l’università di Betlemme, ho provato ad integrare ciò che credo debba essere sempre più il centro degli interessi dei movimenti sociali. Studiare una economia di guerra ci può aiutare a comprendere meglio cosa non deve essere una economia di pace. Dal 1967 i sistemi economici israeliano e palestinese si sono legati e intersecati, ma in un rapporto di dipendenza e subordinazione dell’economia palestinese a quella israeliana.

In primo luogo, a beneficiare dei miglioramenti di produttività sono state le attività israeliane, mentre i palestinesi sono stati mercato di sbocco di beni, servizi e forza lavoro a basso costo.
Questa asimmetria strutturale è stata ‘istituzionalizzata’ e approfondita con gli Accordi di Oslo, i quali, non ribilanciando i rapporti di potere, hanno contribuito a consolidare un’economia di guerra. Un annesso agli Accordi di Oslo, il Protocollo di Parigi, sancisce fra le varie cose:
a) rigidi vincoli commerciali per la Palestina (es. controllo dei confini e dei porti d’ingresso delle merci, limitazioni sulle caratteristiche dei beni importabili ed esportabili, applicazione dei dazi doganali israeliani);
b) azzoppamento della politica fiscale (due terzi delle entrate fiscali dell’Autorità palestinese provengono da dazi e Iva sulle importazioni, che sono raccolti e trasferiti da Israele e possono essere trattenuti a ogni occasione di screzio politico);
c) assenza della politica monetaria (la Palestina utilizza lo shekel israeliano).

Molto si potrebbe dire anche di Gaza, sotto blocco terrestre, marittimo e aereo dal 2007. Questa subordinazione si traduce in un sottosviluppo strutturale dell’economia palestinese (alcuni autori parlano di de-sviluppo, senza contare come confische e acquisizioni forzate di terre e risorse generino una stagnazione/recessione cronica della Palestina) e quindi di dipendenza.
Le dipendenze sono:
a) da importazioni, perché molti beni provengono da Israele;
b) di capitali, perché per molti esponenti del settore privato palestinese è più remunerativo prendere commesse e assecondare delocalizzazioni da parte delle imprese israeliane;
c) di lavoro, dato che oltre 200.000 palestinesi lavorano in Israele e negli insediamenti israeliani. Per altro, il rapporto fra Pil pro capite israeliano e Pil pro capite palestinese é il più diseguale fra economie confinanti al mondo, molto più elevato rispetto a Stati uniti-Messico e Germania-Polonia.

Questa subordinazione crea delle gerarchie di ingiustizia e disuguaglianza feroci all’interno delle due società. Nel caso di Israele, la forza lavoro palestinese, e per certi versi anche la forza lavoro dei palestinesi con cittadinanza israeliana, si trova a competere con quella israeliana; nel caso palestinese, si creano situazioni tipiche dell’economia di guerra con stratificazioni di privilegi e situazioni in cui caporali e imprenditori palestinesi finiscono per approfondire lo sfruttamento dei loro connazionali per denaro e altri favori.

Una economia di pace nonviolenta è una economia in cui gli stati o gli organismi sovranazionali non sono subordinati fra loro, non asimmetrici soprattutto negli scambi commerciali e indipendenti tra loro in quanto a beni e servizi essenziali. Dovremmo sempre più convincerci che al momento la prima e più urgente cosa da fare sia (ri-)trovare le lenti della pace per leggere ciò che accade ogni giorno su questa terra.

Abu Mazen risponde a Lapid: è Israele che ostacola la soluzione a Due Stati

PALESTINA. Ieri il presidente palestinese ha pronunciato il suo discorso davanti alle Nazioni unite

Michele Giorgio  24/09/2022

Pronunciando il suo discorso ieri all’Assemblea generale dell’Onu, il presidente palestinese Abu Mazen ha replicato con toni ruvidi al sostegno espresso due giorni fa dal premier israeliano Yair Lapid alla soluzione a Due Stati (Israele e Palestina). Israele, ha affermato Abu Mazen, ha minato gli Accordi di Oslo e «da tempo sta distruggendo la soluzione a Due Stati, crede solo nel far rispettare lo status quo con la forza e con l’aggressione». Israele, ha aggiunto, «ha instaurato un rapporto con la Palestina che è quello tra uno Stato occupante e un popolo occupato». Quindi, ha puntato il dito contro l’Onu. «Lo Stato di Israele ha leggi razziste e sta instaurando l’Apartheid…Lo sta facendo nella totale impunità. Perché non è ritenuto responsabile dal diritto internazionale? Le Nazioni unite lo proteggono e, per di più, le nazioni più potenti dell’Onu. Perché ci sono questi doppi standard?».

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.