LA TRAGEDIA DI GAZA E LA STRAORDINARIA ATTUALITÀ DI E. GALEANO da ANTIDIPLOMATICO
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
15632
post-template-default,single,single-post,postid-15632,single-format-standard,stockholm-core-2.4,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-9.6.1,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-7.1,vc_responsive

LA TRAGEDIA DI GAZA E LA STRAORDINARIA ATTUALITÀ DI E. GALEANO da ANTIDIPLOMATICO

La tragedia di Gaza e la straordinaria attualità di Eduardo Galeano

  • Francesco Guadagni  05 Marzo 2024
  •   Tutto il campionario delle atrocità che si possono immaginare, Israele sembra averle compiute tutte. Bombardamenti sui civili uccidendo donne e bambini, più della metà del totale delle 30mila assassinate nella Striscia di Gaza dal 7 ottobre. Distruzioni di ospedali, cimiteri, del patrimonio artistico. In questo bestiario, emerge che l’esercito israeliano della Striscia di Gaza, ha investito civili palestinesi con carri armati e altri veicoli militari corazzati in diverse occasioni, uccidendo decine di persone, secondo un rapporto Euro-Med.

In fondo, come scrisse lo scrittore uruguaiano Edoardo Galeano:

L’esercito israeliano, il più moderno e sofisticato del mondo, sa chi sta uccidendo. Non uccide per errore. Uccide per orrore. Le vittime civili sono chiamate danni collaterali, secondo il dizionario di altre guerre imperiali. 

Nella specifica atrocità commessa da Israele che andremo ad esaminare dal rapporto di Euro Med è giusto considerare che i popoli, o che dir si voglia opinione pubblica, ha realizzato un distacco totale dai loro governi, soprattutto in occidente, organizzando senza soluzione di continuità manifestazioni, campagne di boicottaggio e di opinione.

Nella cosiddetta comunità internazionale, rappresentata da USA, Canada, Unione Europea, Giappone, Australia, Corea del sud, ormai l’opinione pubblica ha raggiunto una nuova consapevolezza, una convinzione che porta totale discredito, per non dire delegittimazione nei confronti dei loro governi che continuano a sostenere Israele nel genocidio sta commettendo nella Striscia di Gaza dal 7 ottobre.

Proprio il genocidio in corso a Gaza, al di là di quello che potranno essere le sentenze delle Corti internazionali, segnano per Israele e i suoi seguaci e sostenitori una macchia indelebile.

Quello che avviene a Gaza, come in Ucraina sta aprendo la strada a nuovi scenari mondiali, nuovi equilibri. Il corso della Storia difficilmente può essere arrestato, ma il “mondo vecchio” che da secoli impone la sua egemonia tenterà con ogni mezzo di ignorare il cambiamento e persisterà nelle sue atrocità. Con la retorica che ben si conosce, della “difesa della democrazia” dei “diritti umani”, la riproposizione del modello occidentale come l’unico possibile.

Questa nuova consapevolezza, soprattutto in occidente, potrebbe avere una possibilità per compiere questo cambiamento, ma in Italia come in altri paesi, le forze politiche capaci di percorrere questo sentiero sono poche, ancora in costruzione o in alcuni casi drammaticamente inesistenti.
Euro Med e altre atrocità di Israele

Ritornando al campionario delle atrocità di Israele, Euro-Med Monitor cita il caso di un palestinese colpito a morte dall’esercito israeliano nella zona di Al-Zaytoun di Gaza City il 29 febbraio, dopo la sua detenzione. Prima è stato interrogato, trattenuto con manette di plastica e successivamente investito da un veicolo militare, che gli è passato deliberatamente sopra dai piedi alla testa.

Secondo i resoconti dei testimoni oculari forniti al team Euro-Med, il fatto è avvenuto in via Salah al-Din nel distretto di Zaytoun. Testimoni hanno riferito che i soldati israeliani hanno ammanettato le mani della vittima e poi lo hanno investito, indicando che era vivo prima di essere schiacciato dal peso del veicolo. 

L’organizzazione per i diritti umani ha anche precisato che l’esercito israeliano è stato coinvolto in altri incidenti di natura simile. 

Il 23 gennaio, un carro armato israeliano ha schiacciato i membri della famiglia palestinese Ghannam mentre dormivano in una roulotte nella zona delle Torri Taiba di Khan Younis. Il padre e la figlia maggiore della famiglia sono stati uccisi durante l’attacco, secondo Amina, la sorella più giovane.

Euro-Med ha anche segnalato casi di carri armati e bulldozer israeliani che hanno demolito e abbattuto le tende che ospitavano sfollati all’interno del cortile dell’ospedale Kamal Adwan a Beit Lahia il 16 dicembre 2023.

Anas al-Sharif, corrispondente arabo di Al Jazeera a Gaza, ha descritto l’attacco come “un massacro terrificante con scene indicibili. Ciò che l’occupazione israeliana ha fatto all’ospedale Kamal Adwan è un crimine orribile contro i cittadini e il personale medico”.
Ecco quello che si vive a Gaza. Si ripropongono più attuali che mai le parole dell’articolo di Galeano, scritto nel 2009:

Di fronte alla tragedia di Gaza, i paesi arabi si lavano le mani. Come sempre. E come sempre, i paesi europei si sfregano le mani.

La vecchia Europa, così capace di bellezza e perversità, versa occasionalmente lacrime mentre celebra segretamente questa mossa magistrale. Perché la caccia agli ebrei è sempre stata un’usanza europea, ma per mezzo secolo quel debito storico è stato riscosso dai palestinesi, che sono anche semiti e che non sono mai stati, né lo sono, antisemiti.

Stanno pagando, con sangue costante, un conto degli altri.

Lo scrittore dedicò questo articolo a tutti i suoi amici ebrei uccisi dalle dittature fasciste del Sudamerica che, fra i loro consulenti, ebbero proprio i consiglieri di Israele.

Israele ha sganciato 70.000 tonnellate di bombe su Gaza in 160 giorni

 Redazione 15 Marzo 2024

 Fonti palestinesi hanno pubblicato dati statistici sulle uccisioni e sui crimini israeliani contro gli abitanti di Gaza, nel 160esimo giorno di guerra contro la Striscia assediata.

Israele, secondo l’’Ufficio Informazioni del Governo di Gaza, ha sganciato 70.000 tonnellate di esplosivo sulla Striscia di Gaza assediata, lasciando 38.341 persone uccise e disperse.

Secondo il rapporto, Israele ha compiuto 2.761 massacri, a seguito dei quali sono state uccise o disperse 38.341 persone, 9.100 delle vittime sono donne.

Nel documento si precisa che il numero dei morti confermati sale a 31.341, di cui 13.790 bambini. Inoltre, 27 bambini sono morti a causa della malnutrizione.

Nel frattempo, hanno perso la vita 364 operatori sanitari, 133 giornalisti e 48 forze di difesa cittadine. Allo stesso modo, sono stati arrestati 269 membri del personale medico e 10 giornalisti.

Durante questo periodo sono scomparse 7.000 persone e altre 73.134 sono rimaste ferite. Il 72% dei feriti sono bambini e donne.

Il documento evidenzia che 17.000 bambini sono rimasti senza genitori o tutori, e 11.000 bambini feriti necessitano di cure fuori Gaza a causa delle gravi ferite riportate.

Circa 10.000 malati di cancro rischiano di morire e 700.000 soffrono di malattie infettive, 60.000 donne incinte sono a rischio a causa della mancanza di condizioni di salute.

Intanto 350mila pazienti sono a rischio per la mancanza di medicinali.

La guerra a Gaza ha causato finora due milioni di sfollati. Sono stati distrutti da Israele 166 centri governativi, 100 tra scuole e università sono state completamente distrutte.

Sono fuori servizio 32 ospedali e 53 centri sanitari. Per non parlare di 155 centri medici attaccati dall’occupazione israeliana che ha colpito anche 126 ambulanze.

Sono state completamente distrutte 70.000 case dagli occupanti e altre 290.000 sono state parzialmente distrutte e sono inabitabili. Anche 200 centri storici sono stati polverizzati dall’esercito di Tel Aviv.

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.