LA POLITICA, IL MERCATO E L’ETICA DELLO SCAMBIO da IL MANIFESTO e 18BRUMAIOBLOG
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
10483
post-template-default,single,single-post,postid-10483,single-format-standard,stockholm-core-2.3.2,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-9.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-6.7.0,vc_responsive

LA POLITICA, IL MERCATO E L’ETICA DELLO SCAMBIO da IL MANIFESTO e 18BRUMAIOBLOG

La politica, il mercato e l’etica dello scambio

L’EREDITÀ DEL BLAIRISMO. Antonio Panzeri è stato, per otto anni, segretario della Camera del Lavoro di Milano. È stato, cioè, un dirigente del movimento operaio nel senso pieno del termine. Come tale Panzeri […]

Paolo Favilli  16/12/2022

Antonio Panzeri è stato, per otto anni, segretario della Camera del Lavoro di Milano. È stato, cioè, un dirigente del movimento operaio nel senso pieno del termine. Come tale Panzeri si trovava al centro delle logiche conflittuali tra capitale e lavoro.

E non c’è dubbio che, indipendentemente dal grado di radicalità delle sue posizioni, egli stesse dalla parte del lavoro. Aveva uno stile di vita consono al suo ruolo politico

Oggi Panzeri è in stato d’arresto accusato di gravi reati collegati direttamente al suo nuovo ruolo politico. Dopo la conclusione dell’esperienza alla Camera del Lavoro il suo stile di vita ha subito, nel tempo, cambiamenti assai rilevanti.

Nel 2006 Antony Giddens sosteneva che «la frontiera del discorso politico» si era spostata sulla «lifestyle change agenda». Agenda politica e cambiamento di stile di vita erano strettamente correlati.

La ragione di tale spostamento, del passaggio da «vecchio» a «nuovo», spiegava il teorico del blairismo, stava nel fatto che «il socialismo riformista», sostenitore di «un’economia mista», dell’assegnazione allo «Stato un ruolo parziale nella vita economica», era morto insieme a qualsiasi altra forma di socialismo. Morto in quanto «dottrina segnata da una lettura del capitalismo». «Non vi sono eccezioni», affermava categorico. E due anni dopo ribadiva: «La fine della storia» ci ha lasciato «senza offrirci la speranza di un’alternativa», al di fuori delle dinamiche interne alle logiche strutturali del «realismo capitalista» nella sua fase neoliberista.

La teorizzazione e la pratica indicate da Giddens sono state, e sono tuttora, le coordinate entro le quali si muovono partiti socialisti senza socialismo. Entro cui si sono mossi e si muovono anche quelli che sono stati dirigenti del movimento operaio nella transizione tra due diversi stili di vita.

Lo stile vecchio è quello dell’età in cui il socialismo non veniva considerato ancora morto. Il tempo della «diversità», non antropologica, bensì del tutto politica. Quando i dirigenti del movimento operaio, anche i più alti, Berlinguer ad esempio, avevano uno stile di vita ed un reddito modesto.

La differenza abissale degli stili di vita può rimanere senza conseguenze sui modi di intendere il rapporto tra etica e politica? Già i padri nobili del riformismo italiano, Turati e Kuliscioff, del resto, ritenevano che le scelte dirimenti legate ad una identità ispirata all’insieme delle teorie critiche del capitalismo, fossero un elemento consustanziale all’etica politica dei socialisti.

Lo stile nuovo, invece, deve costruirsi in un contesto «nel quale ogni momento della vita, ogni aspetto della società, è un “bene” da sfruttare, da vendere e da comperare; nel quale ogni sapere è un’abilità, una competenza e ogni un’opportunità» (C. Galli, Ideologia, 2022, p.130). Un contesto in cui la politica offre molte opportunità per cambiare il proprio stile di vita. A sua volta il cambiamento dello stile di vita muta il modo di fare politica e il senso stesso di come la si vive.

Le «opportunità» offerte dal ruolo politico rivestito nel delineare e praticare le strategie migliori per il salto di qualità nello stile di vita, sono davvero molte e non hanno certo come inevitabile esito le scelte di Panzeri. C’è tuttavia un humus comune da cui germogliano pratiche penalmente legittime e pratiche penalmente illegittime: la considerazione del ruolo politico come «valore di scambio» in un’ottica che ritiene il mercato l’ottimo regolatore in ultima istanza.

In tale ottica anche la sfera politica diventa la sfera del mercato politico, le azioni politiche diventano oggetto di scambio, sottoposte all’etica dello scambio.

Essere avidi senza sentirsi in colpa perché il mercato lo permette e lo vuole. Ci sarà pure un rapporto tra Blair che costruisce il New Labour, Schroeder che costruisce la Neue Mitte e le scelte dell’uno per un incarico milionario alla Banca Morgan, e dell’altro per un incarico, sempre milionario, alla Gazprom? Passi altamente coraggiosi, come li ha definiti la «comunità degli affari» («Washington Post Foreign Service», December 10, 2005)

È illusorio pensare che la ricostruzione di un’etica politica per coloro che intendono essere gli eredi della storia del movimento operaio possa avvenire da nuove e più dure regolamentazioni dell’amplissimo e puteolente magma lobbista. La ricostruzione di un’etica politica è del tutto interna alla politica. Alla ricostruzione di una sinistra «diversa».

A proposito di Qatar, di salari e di tasse

 Olympe de Gouges  16 dicembre 2022

L’aumento dei tassi d’interesse, sostengono i demiurgi delle banche centrali, è l’unico strumento che queste banche hanno per ridurre l’inflazione. Per esempio, scoraggia i mutuatari che riducono gli acquisti di auto, abitazioni e gli investimenti aziendali causa l’aumento dei tassi sui fidi bancari. Ma soprattutto taglia i consumi di salariati e pensionati. In generale comporta un calo dell’attività economica, alias recessione e aumento della disoccupazione.

Christine Lagarde, nella conferenza stampa successiva all’annuncio sui tassi, facendo riferimento all’inflazione che rimane persistente nell’area euro ha dichiarato che ciò dipende anche dalla “crescita dei salari che si sta rafforzando a tassi ben al di sopra delle medie storiche e spinge verso l’alto l’inflazione per tutto il periodo di proiezione”.

L’affermazione che i salari stiano alzando i prezzi è una palese falsificazione. In tutto il mondo gli aumenti salariali, quando hanno luogo, si tengono ben al di sotto del tasso d’inflazione, che in Europa, e in Italia in particolare, è a due cifre.

In tutte le università del mondo il ciclo prezzi-salari (il loop prezzi-salari) a riguardo dell’inflazione è insegnato come la regola. È in base a questa falsa realtà che, anche nei prossimi mesi, la Bce aggraverà la situazione economica in Europa.

I salari reali sono i salari meno l’inflazione. Questi sono anche il vero prezzo della forza- lavoro per i padroni del lavoro. Prezzo del lavoro che sta diventando sempre più una componente marginale dei costi di produzione.

La causa degli aumenti dei prezzi non sono i salari, ma la pluriennale immissione di migliaia di miliardi di euro e di dollari nel sistema finanziario, le conseguenze della guerra della NATO-Stati Uniti contro la Russia in Ucraina e il sistematico furto speculativo in particolare nei settori alimentare ed energetico, che produce effetti a cascata.

Tutto ciò passa in secondo piano, l’attenzione oggi viene convogliata sullo scandalo delle tangenti al Parlamento europeo, che, almeno per il momento, coinvolge in particolare il personale politico dell’estinta sinistra parlamentare italiana. Ci si fermerà alla superficie del fenomeno, poiché andando a fondo del sistema corruttivo, nelle sue diverse forme, andrebbe a picco tutto il sistema (*).

Proprio ieri, i vertici dei 27 Paesi membri dell’Ue hanno annunciato di aver approvato il recepimento nell’ordinamento europeo dell’imposta minima del 15% sugli utili delle multinazionali. È stata salutata come una grande vittoria per l’equità fiscale. Estendessero l’aliquota del 15% anche su salari e pensioni, cioè a chi non può eludere o evadere le imposte. Quella sì sarebbe equità fiscale!

(*) A proposito di Qatar, Macron ha dichiarato mercoledì che ha “organizzato molto bene questo Mondiale”. Tra quattro anni anche lui troverà una valigia di euro pronta per consulenze e conferenze.

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.