DIFFERENZA TRA GUERRAFONDAI E BELLICISTIda WIKIPEDIA, ECONOMY PEDIA, ALTRA ECONOMIA, IL FATTO
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
10901
post-template-default,single,single-post,postid-10901,single-format-standard,stockholm-core-2.3.2,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-9.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,wpb-js-composer js-comp-ver-6.7.0,vc_responsive

DIFFERENZA TRA GUERRAFONDAI E BELLICISTIda WIKIPEDIA, ECONOMY PEDIA, ALTRA ECONOMIA, IL FATTO

Atto di prestito-affitto per la difesa della democrazia ucraina del 2022

  •  

L ‘ Ukraine Democracy Defense Lend-Lease Act del 2022 è un atto del Congresso degli Stati Uniti che facilita la fornitura di materiale al governo ucraino in modo simile al Lend-Lease Act della seconda guerra mondiale in risposta all’invasione russa dell’Ucraina . [1]

Atto di prestito-affitto per la difesa della democrazia ucraina del 2022
Gran Sigillo degli Stati Uniti
Titolo lungoUn atto Per fornire maggiore autorità al Presidente di stipulare accordi con il governo dell’Ucraina per prestare o affittare articoli per la difesa a quel governo per proteggere le popolazioni civili in Ucraina dall’invasione militare russa e per altri scopi.
SoprannomeLegge di prestito-affitto dell’Ucraina
Promulgato dail 117° Congresso degli Stati Uniti
Efficace9 maggio 2022
Citazioni
Diritto pubblicoPub. L.  117–118 (testo) (PDF)
Statuti in generale136  Stato.  1184
Storia legislativa
Introdotto al Senato come S.3522 da John Cornyn ( R – TX ) il 19 gennaio 2022 Esame della Commissione Affari Esteri del Senato Passato al Senato il 6 aprile 2022 ( voto vocale ) Approvato alla Camera dei rappresentanti il ​​28 aprile 2022 ( 417–10 ) Firmato in legge dal presidente Joe Biden il 9 maggio 2022

Disposizioni

Il titolo completo dell’atto è “Un atto per fornire maggiore autorità al Presidente per stipulare accordi con il governo dell’Ucraina per prestare o noleggiare articoli per la difesa a quel governo per proteggere le popolazioni civili in Ucraina dall’invasione militare russa e per altri scopi .”

La legislazione riduce la burocrazia sulle esportazioni di attrezzature per la difesa dagli Stati Uniti all’Ucraina, al fine di garantire che le attrezzature vengano consegnate tempestivamente. Si applica agli esercizi 2022 e 2023. [2]

La legislazione prende il nome dal programma Lend-Lease dell’era della seconda guerra mondiale che forniva alleati degli Stati Uniti nella lotta contro le potenze dell’Asse ed è considerato un fattore decisivo nella guerra. [2]

Passaggio della legislazione

Il disegno di legge è stato approvato all’unanimità dal Senato degli Stati Uniti il ​​6 aprile 2022 e approvato dalla Camera dei rappresentanti con un voto di 417-10 [3] il 28 aprile 2022. [4]

I dieci rappresentanti, tutti del Partito Repubblicano , che hanno votato contro il disegno di legge sono stati: Andy Biggs dell’Arizona, Dan Bishop del North Carolina, Warren Davidson dell’Ohio, Matt Gaetz della Florida, Paul Gosar dell’Arizona, Marjorie Taylor Greene della Georgia, Thomas Massie del Kentucky, Ralph Norman della Carolina del Sud, Scott Perry della Pennsylvania e Tom Tiffany del Wisconsin.

Il presidente Joe Biden ha firmato il disegno di legge il 9 maggio 2022, Giorno della Vittoria , la festa in cui la Russia e molti altri stati post-sovietici commemorano la vittoria sulla Germania nazista nel 1945. Questa data della firma è stata vista come una “replica al presidente russo”. Vladimir Putin “. [5] [6]

Testo

SEZIONE 1. TITOLO BREVE.

Questa legge può essere citata come “Atto di prestito-affitto per la difesa della democrazia ucraina del 2022”.

SEZ. 2. PRESTITO E LOCAZIONE DI ARTICOLI PER LA DIFESA AI GOVERNI DELL’UCRAINA E DEI PAESI DEL FIANCO ORIENTALE.

(a) Autorizzazione a prestare o affittare articoli per la difesa a determinati governi.

(1) IN GENERALE.-Fatto salvo il paragrafo (2), per gli anni fiscali 2022 e 2023, il Presidente può autorizzare il governo degli Stati Uniti a prestare o affittare articoli per la difesa al governo dell’Ucraina o ai governi dei paesi dell’Europa orientale colpiti dalla L’invasione dell’Ucraina da parte della Federazione Russa per aiutare a rafforzare le capacità di difesa di quei paesi e proteggere le loro popolazioni civili da potenziali invasioni o aggressioni in corso da parte delle forze armate del governo della Federazione Russa.

(2) ESCLUSIONI.-Ai fini dell’autorità descritta nel paragrafo (1) in quanto tale autorità si riferisce all’Ucraina, le seguenti disposizioni di legge non si applicano:

(A) Sezione 503(b)(3) del Foreign Assistance Act del 1961 (22 USC 2311(b)(3)).

(B) Sezione 61 della legge sul controllo delle esportazioni di armi (22 USC 2796).

(3) CONDIZIONE.-Qualsiasi prestito o locazione di articoli per la difesa al governo dell’Ucraina ai sensi del paragrafo (1) sarà soggetto a tutte le leggi applicabili in materia di restituzione, rimborso e rimborso per articoli per la difesa presi in prestito o noleggiati a governi stranieri.

(4) DELEGAZIONE DI AUTORITÀ.—Il Presidente può delegare l’autorità rafforzata ai sensi di questa sottosezione solo a un funzionario nominato dal Presidente da e con il parere e il consenso del Senato.

(b) Procedure per la consegna di articoli per la difesa. – Entro 60 giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, il Presidente stabilirà procedure accelerate per la consegna di qualsiasi articolo per la difesa prestato o affittato al governo dell’Ucraina in base a un accordo sottosezione (a) per assicurare la tempestiva consegna dell’articolo a quel Governo.

(c) Definizione dell’articolo della difesa. — In questa legge, il termine “articolo della difesa” ha il significato attribuito a tale termine nella sezione 47 della legge sul controllo delle esportazioni di armi (22 USC 2794).

Riferimenti

  1. “Nella lotta contro Putin, il Senato approva all’unanimità la misura che una volta aiutò a sconfiggere Hitler” . POLITICO .
    1. bSalta fino a: “Il Congresso approva il disegno di legge che consente agli Stati Uniti di prestare sistemi d’arma all’Ucraina” . CBS . Estratto il 29 aprile 2022 .
    1. ^ “RISULTATI DELLA VOTAZIONE FINALE PER L’APPELLO 141” . Cancelliere della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti . 28 aprile 2022 . Estratto il 10 maggio 2022 .
    1. ^ “S. 3522 (ES) – Atto di prestito-affitto per la difesa della democrazia ucraina del 2022” . Estratto il 12 aprile 2022 .
    1. ^ Shapero, Julia (9 maggio 2022). “Biden firma il disegno di legge che rilancia il programma di prestito-locazione della seconda guerra mondiale per l’Ucraina” . Assi . Estratto il 9 maggio 2022 .
    1. ^ Mugnaio, Zeke; Lisa Mascaro (9 maggio 2022). “Biden firma il disegno di legge sull’Ucraina, chiede aiuti da 40 miliardi di dollari, nella controreplica di Putin” . APNews.com . Estratto il 9 maggio 2022 .
  • In circa cento parole sulla legge Lend-Lease
  • 28.09.2022
  • A sette mesi dall’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, Kiev si distingue per il suo passaggio militare dalla difesa all’attacco. Sebbene i feroci combattimenti continuino, la letalità sul campo di battaglia dell’Ucraina sembra ricevere una spinta. Il 1° ottobre entrerà in vigore l’Ucraina Democracy Defense Lend-Lease Act del 2022, emanato dal Congresso degli Stati Uniti, che consentirà all’esercito ucraino di accedere a una serie di nuove risorse. In previsione di questo momento di trasformazione, GLOBSEC chiede a un professore del Centro George C. Marshall, un ricercatore senior e un ex ministro della Difesa lituano cosa significhi per la guerra e le capacità future dell’Ucraina.
  • Matthew Rhodes Professore di studi sulla sicurezza nazionale, George C. Marshall Center
  • L’entrata in vigore della legge statunitense rafforza la solidarietà degli alleati con l’Ucraina in un momento critico della guerra. In termini pratici, la legislazione ampiamente bipartisan fornisce un quadro esteso e semplificato per la condivisione del materiale militare americano con l’Ucraina e altri paesi oltre all’ampia assistenza già fornita dall’autorità presidenziale per il ritiro delle scorte di difesa e altri meccanismi di emergenza. Simbolicamente, l’invocazione della legge del programma originale Lend-Lease per il Regno Unito e l’Unione Sovietica durante la seconda guerra mondiale contrasta ulteriormente la falsa narrazione dei leader russi della loro invasione come azione difensiva contro il nazismo.
  • *le opinioni espresse dal Dr. Rhodes sono esclusivamente opinioni personali dell’autore
  • Hennadiy Maksak, Senior Fellow, Programma Ucraina ed Europa Orientale, GLOBSEC
  • Va notato che la discussione sull’iniziativa Lend-Lease è iniziata prima dell’invasione vera e propria di febbraio, in un certo senso, come un potenziale modo per scoraggiare la Russia. Ma dopo l’inizio delle ostilità, gli Stati Uniti hanno adottato una serie di altri programmi, che consentono la fornitura di assistenza militare all’Ucraina su base di sovvenzioni. Includendo l’ultimo impegno di 12,3 miliardi di dollari annunciato alla fine di settembre, il numero totale del supporto militare statunitense si avvicina ai 30 miliardi. Pertanto, con l’inazione della legge sul prestito-locazione, è altamente probabile che Kiev continuerà ufficialmente a fare affidamento prevalentemente sull’assistenza basata su sovvenzioni. Se questo supporto si restringe, Kiev tornerà profondamente al prestito-affitto.
  • Rasa Juknevičienė, membro del Parlamento europeo, ex ministro della difesa lituano
  • L’entrata in vigore del Lend-Lease Act è quasi coincisa con l’annuncio di Putin dell’annessione del territorio dell’Ucraina e la virtuale dichiarazione dello stato di guerra in Russia, con la mobilitazione della riserva e le minacce di usare armi nucleari. È necessario utilizzare efficacemente il Lend-Lease. L’unica risposta occidentale corretta a ciò è il dispiegamento di missili a lungo raggio e sistemi di difesa aerea sul suolo ucraino e il perseguimento di una strategia di contenimento totale della Russia. Pertanto, l’Ucraina Democracy Defense Lend-Lease Act è estremamente importante e dobbiamo superare questa fase difficile più uniti che mai.

Armi all’Ucraina: per l’Italia un costo di 450 milioni di euro. L’analisi dell’Osservatorio Mil€x

di Francesco Vignarca — 28 Novembre 2022

L’Osservatorio indipendente sulle spese militari italiane ha diffuso la stima alla vigilia del dibattito parlamentare che toccherà anche il tema della cessione di sistemi d’arma a Kiev, in vista di un possibile sesto decreto. Si tratta di una proiezione comunque al ribasso, tra dettagli secretati e previsioni normative equivocheUna cifra complessiva di oltre 450 milioni di euro: è questa la valutazione che l’Osservatorio Mil€x è in grado di fare oggi a riguardo dei costi per l’Italia dell’invio di sistemi d’arma all’Ucraina impegnata nel conflitto armato successivo all’invasione russa dello scorso febbraio. La stima è diffusa alla vigilia di un nuovo dibattito parlamentare (con la presentazione di diverse mozioni) che toccherà anche il tema della cessione di armi all’Ucraina, in vista di un possibile sesto decreto interministeriale con dettaglio di materiali da inviare a breve alla volta di Kiev.

Va ricordato che l’autorizzazione alla “cessione di mezzi, materiali ed equipaggiamenti militari in favore delle autorità governative dell’Ucraina” è stata definita con il decreto legge n. 14 del 2022 (nel quale è stato trasposto il contenuto del decreto legge n. 16 del 2022), convertito con la legge n. 28 del 2022. Nonostante tale autorizzazione, che ha validità temporale fino al 31 dicembre 2022, si riferisca materiali d’armamento già in possesso della Difesa italiana che non verranno pagati dall’Ucraina si è voluto esplicitare -in maniera superflua- che si tratta di un provvedimento in deroga alla legge 185/90 sull’esportazione di armi. Per rendere effettiva la decisione si è dovuto procedere all’adozione di un atto di indirizzo del Parlamento. L’elenco dei mezzi, dei materiali e degli equipaggiamenti militari e le modalità di cessione degli stessi (anche ai fini contabili) sono stati definiti con diversi decreti del ministro della Difesa, adottati di concerto con il ministro degli Affari esteri e della cooperazione internazionale e con il ministro dell’Economia e delle finanze. Al momento risultano definiti cinque decreti interministeriali, con dettagli sugli armamenti scelti secretati, quattro dei quali emessi durante la XVIII legislatura con l’ultimo invece adottato a nuove elezioni già avvenute e illustrato dal ministro della Difesa Guerini al Copasir lo scorso 4 ottobre. L’obbligo di aggiornamento delle Camere previsto dal decreto legge con cadenza almeno trimestrale è stato assolto con alcuni dibattiti periodici, e relativa approvazione di documenti, che però non hanno mai toccato i dettagli sui materiali inviati e sui costi relativi.

Già lo scorso aprile il nostro Osservatorio aveva provato a definire una prima stima generica di costo per le casse pubbliche di questa decisione di sostegno militare all’Ucraina, a partire dall’unica cifra diffusa formalmente da Guerini durante un’audizione parlamentare (e presa come riferimento base anche dalle analisi internazionali): 150 milioni di controvalore. Il costo reale per il nostro Paese deriva però dalla modalità “internazionale” di copertura che è stata decisa a livello di Consiglio europeo (i fondi militari sono esclusi dalle competenze specifiche dell’Unione, secondo i Trattati costitutivi): il ricorso allo strumento European peace facility (Epf). Come già evidenziato si tratta di uno strumento finanziario “fuori bilancio” a supporto delle iniziative militari internazionali europee istituito il 22 marzo 2021 con una prospettiva settennale (che non si ipotizzava certo di dover utilizzare così copiosamente per l’Ucraina) e una dotazione previsionale di 5.692 milioni di euro. Dunque l’EPF è finanziato dai contributi annuali degli Stati membri dell’Ue stabiliti in base al Reddito nazionale lordo: la quota di contribuzione annuale dell’Italia è quindi di circa il 12,5%. Le erogazioni successivamente decise nel corso dell’anno hanno superato di molto il budget annuale previsto e si attestano al momento a un totale di 3,1 miliardi di euro confermati a ottobre 2022. La modifica sostanziale, in aumento, delle cifre previsionali non ha però modificato la modalità di erogazione fondi a copertura degli invii delle armi, che rimane definita in base al controvalore degli armamenti secondo i meccanismi di funzionamento già stabiliti. Ciò significa che ciascun Paese può richiedere rimborsi EPF in base a quanto dichiara di aver inviato all’Ucraina: poiché però i controvalori dei materiali d’armamento spediti sono molto più alti del fondo comune già deciso la copertura non potrà essere integrale. Al momento, soprattutto a seguito delle forti pressioni della Polonia che è ai vertici della lista dei sostenitori militari dell’Ucraina, ci si sta orientando su una copertura pari a circa il 50%. Cosa significa questo per l’Italia, in termini reali e considerando che invece l’erogazione verso il fondo EPF è definita con quote già previste a priori? Partendo dall’unica cifra diffusa in qualche modo dal ministero della Difesa il nostro Paese si dovrebbe vedere restituiti 75 dei 150 milioni spesi ma a fronte di una “quota EPF” di circa 387 milioni di euro. Cioè un totale complessivo per le casse pubbliche che supera abbondantemente i 450 milioni di spesa. Anche l’eventuale aumento del “controvalore dichiarato” dall’Italia (assumendo che la cifra fornita da Guerini mesi fa sia solo una stima minima di base, superata dagli invii successivi) non anderebbe a migliorare l’impatto finanziario, anzi lo peggiorerebbe per vari motivi. Da un lato perché la segnalazione spregiudicata di alti “valori di magazzino” per ottenere più rimborsi da parte di alcuni Paesi Ue sta già creando tensione tra gli alleati, senza dimenticare che l’EPF -come visto- già ora non è in grado di coprire interamente le richieste: se l’Italia chiedesse un maggiore rimborso la quota non coperta supererebbe dunque per mera algebra i 75 milioni stimati al momento. Dall’altro perché l’intensificarsi di richieste da parte degli Stati membri potrebbe spingere a decisioni di irrobustimento del totale del Fondo, a cui l’Italia come detto contribuisce per un non residuale 12,5%, di fatto aumentando e non certo diminuendo la forbice tra erogato e ricevuto.

La stima appena effettuata di almeno 450 milioni di euro di costo per l’invio di armi a sostegno dell’Ucraina deve inoltre essere considerata solo come base anche per un altro importante motivo inserito nella decisione governativa dello scorso marzo confermata dal Parlamento. Il decreto legge già citato prevede infatti che “le somme in entrata derivanti dai decreti ministeriali” che individuano i materiali d’armamento ceduti devono essere riassegnate integralmente sui pertinenti capitoli dello stato di previsione del ministero della Difesa. Ciò significa che al dicastero di Via XX Settembre dovranno essere garantiti fondi per reintegrare i propri arsenali con sistemi d’arma paragonabili a quelli inviati in Ucraina. Un reintegro che potrebbe impattare per diverse centinaia di milioni, considerando che riguarderà per forza di cose pezzi “nuovi” con un costo di listino sicuramente superiore al valore dichiarato dei residui di magazzino. Al momento non è comunque possibile sapere cosa si debba intendere con “somme in entrata” -e quindi come poterle stimare- poiché nessuna indicazione specifica è stata fornita su di esse nonostante un Ordine del Giorno in tal senso sia stato presentato e accolto dal governo (senza votazione) durante il dibattito parlamentare dello scorso maggio 2022. In base a quale sarà l’indirizzo preso, che potrebbe essere definito e chiarito nell’ambito delle decisioni sulla legge di Bilancio in discussione a breve, la stima complessiva del costo per l’Italia del sostegno militare all’Ucraina potrebbe dover essere significativamente ritoccata, in aumento.

Francesco Vignarca è il coordinatore delle campagne della Rete italiana pace e disarmo

Al di là del disastro umano dei campi di battaglia e dei bombardamenti, l’economia, l’approvvigionamento di risorse e la loro gestione, sono un fattore chiave per prevalere in una guerra. Proprio nella seconda guerra mondiale, grazie al Lending and Leasing Act, una Gran Bretagna assediata ha potuto continuare a tener testa al Terzo Reich.

Alla fine degli anni ’40, l’Europa continentale era caduta in mano ai nazisti. Solo la Gran Bretagna ha continuato a resistere alle forze tedesche. Combattere da soli non era un compito facile per gli inglesi, poiché la loro economia era sull’orlo del fallimento. Ed è che, sostenere una guerra contro una potenza militare come la Germania richiedeva sforzi economici colossali.

Una Gran Bretagna assediata

Così, il primo ministro britannico, Winston Churchill, con una lettera datata 8 dicembre 1940, inviò un’importante lettera al suo collega americano, il presidente Franklin Delano Roosevelt. In quella lettera Churchill ha chiesto un maggiore coinvolgimento americano e ha avvertito dei rischi che corre l’economia britannica. In questo senso, il primo ministro britannico ha avvertito testualmente che i crediti britannici in dollari stavano per esaurirsi, come è avvenuto anche per le riserve auree. Per aggiungere al danno la beffa, i sottomarini tedeschi si aggiravano nell’Atlantico, attaccando convogli vitali della flotta mercantile britannica.

Su richiesta di un alleato di aiuto, Roosevelt iniziò a pensare a come avrebbe potuto aiutare la Gran Bretagna. Per gli Stati Uniti era vitale che il Regno Unito continuasse a resistere contro la Germania di Hitler. Così, un’idea è nata nella mente del presidente Roosevelt. Si trattava del contratto di locazione. Lo stesso presidente americano ha spiegato in modo semplice come avrebbero aiutato gli inglesi. Roosevelt ha detto che se la casa di un vicino inizia a bruciare, il vicino non verrà addebitato per l’utilizzo del tubo. In ogni caso sarà consentito utilizzare la manichetta per spegnere l’incendio, che il vicino dovrà restituire una volta spente le fiamme. In tal modo è stata approvata la cosiddetta Legge Lend-Lease, nota anche come Lend-Lease.

L’aiuto americano andava oltre la questione economica e le navi della Marina nordamericana avevano il compito di scortare i convogli britannici che attraversavano le acque dell’Atlantico.

Un sostegno non gratuito per gli inglesi

Churchill ha detto a questo proposito che è stato “l’atto più disinteressato nella storia di qualsiasi paese”. Anche se è vero che non si è rivelato un atto così disinteressato e che ha avuto un costo enorme per la Gran Bretagna. In questo senso, il famoso storico Antony Beevor, nel suo libro “The Second World War” spiega che è stata effettuata una verifica dei beni britannici e che i fondi non sarebbero stati inviati fino a quando tutte le riserve in oro e valuta estera non fossero state esaurite. . Per tutti questi motivi, la Marina degli Stati Uniti inviò una nave a Città del Capo per sequestrare l’ultima partita di oro britannico depositato in Sudafrica.

Inoltre, questo trascendeva l’oro e colpiva le società britanniche. Pertanto, le società britanniche situate negli Stati Uniti come Courtland, Lever e Shell finirono per essere vendute a prezzi francamente ridicoli. Tuttavia, la situazione militare ed economica nel Regno Unito era così disastrosa che gli inglesi non erano in grado di sollevare obiezioni.

Ciò causò disordini tra la popolazione britannica, poiché il Regno Unito dovette affrontare importanti pagamenti per ordini di armi agli Stati Uniti a cui, anche, dovettero partecipare dopo la fine della guerra. Al contrario, le richieste britanniche di armi hanno contribuito a far decollare l’economia americana.

Chi ha beneficiato?

Con il Lease and Lease Act in vigore, gli Stati Uniti sono diventati il ​​cosiddetto “arsenale della democrazia”. La sua potente industria forniva le armi e le provviste necessarie per sconfiggere la Germania e la Gran Bretagna era la principale beneficiaria di questa legge.

Tuttavia, non solo il Regno Unito è stato in grado di ottenere materiale bellico, materiali e forniture grazie al Lend and Lease Act. Anche la Francia libera, la Cina e l’Unione Sovietica potrebbero beneficiare di questa legge. Di circa $ 50 miliardi, $ 31,4 miliardi sono andati alla Gran Bretagna, $ 11,3 miliardi alla Russia, $ 3,2 miliardi alla Francia libera e la Cina ha assorbito $ 1,6 miliardi.

Ma che tipo di materiale hanno ricevuto i destinatari di Lend-Lease? Ebbene, le munizioni finite, le materie prime e i macchinari erano gli elementi principali che componevano questa legge sui prestiti e sulle locazioni.

Il Lend-Lease deve essere rimborsato, o attraverso mezzi monetari o tramite l’uso di appaltatori americani per aiutare a ricostruire il paese, consentendo di reindirizzare i prestiti attuali verso l’economia statunitense. Ad esempio, la Gran Bretagna e la Russia hanno impiegato diversi decenni per rimborsare il contratto di locazione. Entrambi sono stati rimborsati integralmente entro il 2006.

No Comments

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.