Officina dei saperi | Vittorio Emiliani ricorda Edoardo Detti
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
2424
post-template-default,single,single-post,postid-2424,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-4.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

Vittorio Emiliani ricorda Edoardo Detti

di Vittorio EMILIANI, su Radio radicale, 8 novembre 2017

«Edoardo Detti è stato uno dei protagonisti di una grande stagione dell’architettura e soprattutto dell’urbanistica in Italia. Detti è fiorentino nato nel 1913 da una famiglia della micro borghesia; il padre è commerciante di carbone, la madre casalinga. Aveva frequentato il liceo scientifico e si era poi iscritto allora ottima Facoltà Architettura di Firenze. […] Studia con un grande maestro come Giovanni Michelucci, pure lui fiorentino…».

Per continuare a leggere/ascoltare l’intervento di Emiliani su Edoardo Detti, clicca qui.