Officina dei saperi | È fatta di niente la felicità dei bambini
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
2439
post-template-default,single,single-post,postid-2439,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-4.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

È fatta di niente la felicità dei bambini

di Piero Bevilacqua –

Care e cari, ieri era la giornata mondiale dei bambini. Mi sono ricordato di avere nel mio computer questa poesia a loro dedicata e ve la mando. Un abbraccio,

Piero  

***

È fatta di niente la felicità dei bambini

dei figli  poveri della terra

che sguazzano nudi fra pozzanghere

antiche,

che corrono urlando dietro un pallone,

in un’aia di polvere.

 

È fatto di niente il loro sorriso stupito

di stare al mondo

sotto il libero cielo,

ignari dell’umana ferocia,

delle belve nascoste nei grattacieli

oltre il loro mare.

 

È leggero come il salto del passero

il loro passo senza peso,

che si sente parte dell’erba

che regge un corpo scarno

pago di poco,

contento della sua ciotola,

quando è sera,

come il cane di strada.

 

È fatta di niente la felicità dei bambini

dagli occhi colmi di meraviglia,

schiusi alla primavera del mondo.

 

È fatta della gioia che abbiamo perduto,

noi vecchi e malati,

avvelenati dall’abbondanza.