Officina dei saperi | l’officina e i saperi
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
631
archive,category,category-lofficina-e-i-saperi,category-631,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-3.2.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

Tre domande (retoriche?) sul sapere

di Giuseppe SAPONARO – 1) Cosa nell'Officina dei saperi s'intende per «sapere»? 2) Per impegnarsi nel progetto pratico dell'Officina, basta il sapere (sapientia) o è necessario anche crederci (fides)? 3) Fino a che punto, oggi, il nostro presunto sapere è in verità solo ipotetico o problematico (opinio)? Ogni sapere già etimologicamente...

Quel momento è venuto e il luogo è questo. Lettera di Velio Abati

16 aprile 2016 – Caro Piero, sollecitato dal tuo invito ad “amici e simpatizzanti” (non capisco bene la distinzione) di scrivere un intervento, estendo ai compagni di “Officina”, in modo appena più disteso, quanto ti ho accennato qualche tempo fa. Parlo ora dalla mia specifica postazione di insegnante...

La scienza del territorio nell’Officina dei saperi. Lettera di Alberto Magnaghi

20 aprile 2016 – Caro Piero, ti ringrazio di aver citato fra le "pratiche multidisciplinari in atto", la Società dei territorialisti/e (alla quale tu stesso, in quanto membro del Comitato scientifico hai dato importanti contributi) che, dal 2010 sta operando per la costruzione di una "scienza del...

Per un dizionario di resistenza. Lettera di Roberto Budini Gattai

24 aprile 2016 Caro Piero, rispondo con ritardo, ma molto volentieri. Nel tuo articolo apparso sul “manifesto” sono nel ragguppamento “Architetti, Geografi, Urbanisti”. Proprio nei giorni scorsi insieme ad alcuni amici, a Firenze, ci siamo incontrati con gli studenti di un Centro Sociale studentesco ribelle [la Polveriera Spazio...

Un’associazione per l’officina dei saperi

di Pasquale VOZA – L'intervento. Università piegata al mercato, senso comune permeato dall’individualismo, il conflitto capitale-vita. Una critica multidisciplinare del pensiero dominante può aiutare la costruzione di un nuovo soggetto politico da «il manifesto» del 13 febbraio 2016 In questa fase, relativamente recente, contrassegnata a sinistra dal vario fervore di...

Mercato e liberismo, maschere linguistiche

di Paolo FAVILLI – Saperi. La retorica neoliberista occulta l’analisi strutturale della globalizzazione. La modernità liquida di Bauman è già post-capitalismo o una forma del capitalismo? da «il manifesto» del 12 febbraio 2016 Nell’articolo di Piero Bevilacqua («il manifesto»,  28 gennaio) il centro del problema riguarda le possibilità di convergenza...

Il gioco della Natura nell’Officina dei saperi

di Laura MARCHETTI – Antiliberista. La discussione sulla parcellizzazione dei saperi suggerisce di recuperare la complessità della rete non solo come spazio delle comunità sociali ma anche delle comunità naturali da «il manifesto» del 10 febbraio 2016 C’è innanzitutto il gioco nella proposta di Piero Bevilacqua sulla costituzione di una...

Una comunità di pensiero e di ricerca

di Ignazio MASULLI – Neoliberismo. Alla logica neoliberista, all’alienazione del rapporto dell’uomo con la natura, dovrebbe rispondere un nuovo lavoro di cooperazione tra i saperi oggi divisi da «il manifesto» del 29 gennaio 2016 L’articolo di Piero Bevilacqua sulla parcellizzazione dei saperi («il manifesto», 28 gennaio) offre un’analisi e una...

Bricolage culturale senza egemonia

di Tonino PERNA – Intellettuali antiliberisti. Quando l’impegno era una religione laica e essere di sinistra una cosa naturale. Per ricomporre una comunità di pensiero contro la mercificazione c’è bisogno di un’Altraeconomia da «il manifesto» del 4 febbraio 2016 La proposta di Piero Bevilacqua («il manifesto», 28 gennaio) pone non...

Un’officina per l’egemonia culturale

di Piero BEVILACQUA – Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline da «il manifesto» del 28 gennaio 2016 La mappa di studiosi...