Officina dei saperi | Henri Desplanques | I paesaggi collinari tosco-umbri-marchigiani
Saperi. In assenza di un grande collettore politico prevalgono le specializzazioni, manca il dialogo tra i saperi e la frammentazione blocca le potenzialità del pensiero critico. Una parziale cartografia degli studiosi italiani di varie discipline
Cultura, Saperi, Università, Dialogo
2410
post-template-default,single,single-post,postid-2410,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-4.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

Henri Desplanques | I paesaggi collinari tosco-umbri-marchigiani

«la campagna toscana è stata costruita come un’opera d’arte […] è questa la caratteristica, il tratto principale calato nel corso dei secoli nel disegno dei campi, nell’architettura delle case toscane. Questa gente si è costruita i suoi paesaggi rurali come se non avesse altra preoccupazione che la bellezza. La campagna toscana è sistemata come un giardino e da parte loro anche i pittori delle città hanno contribuito a idealizzare la campagna, soprattutto quella delle basse colline vicine ai centri urbani» (Henri Desplanques, I paesaggi collinari tosco-umbri-marchigiani, in I paesaggi umani, Touring Club Italiano, Milano, 1977)